Mappa Gressoney-La-Trinit

Gressoney-la-Trinitè descritta da antonio baglioni

Gressoney-La-Trinitè si trova nella valle del Lys, ai piedi del monte Rosa. Il paese è caratterizzato dalla presenza di numerose abitazioni riconducibili all’architettura Walser (edifici ove il legno prevale sulla pietra, con ricovero per gli animali, granai e fienili). Non solo montagna e architettura, ma anche gastronomia, con la Toma di Gressoney, prodotto tipico del luogo e Presidio Slow Food.

Commenti: 0
Mappa Fivizzano

Fivizzano descritta da antonio baglioni

Comune della Lunigiana, appartenente al Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano. Da visitare il centro storico, la Fortezza della Verrucola, il borgo di Vinca e quello di Equi Terme. Quest’ultimo dominato dalla presenza delle Apuane è caratterizzato dal Solco di Equi, un piccolo canyon che si è formato in seguito a fenomeni di erosione, e da alcune grotte visitabili.

Commenti: 0
Mappa Camaiore

Camaiore descritta da antonio baglioni

Comune montano-marino. I monti Matanna, Prana , Gabberi, le principali vette apuane che riacadono nel territorio del comune. La frazione di Lido di Camaiore è invece una frequentatissima meta marina. Meritano senz’altro una visita anche la Pieve di Santo Stefano, la Badia di Camaiore e il Teatro dell’Olivo, uno dei più antichi della lucchesia.

Commenti: 0
Mappa Massa

Massa descritta da antonio baglioni

Cittadina di mare e di montagna insieme. Dominata dalle Alpi Apuane, spettacolari viste dalla costa, e bellissime per percorsi escursionistici, annovera l’importante castello dei Malaspina, reggenti di quello che fu il Ducato di Massa e Carrara. Nella frazione di Marina, importante l’opera dello scultore Pino Castagna, con le vele in marmo di Carrara nella piazza Bad Kissingen.

Commenti: 0
Mappa Viareggio

Viareggio descritta da antonio baglioni

La capitale della Versilia. La uso come punto d’appoggio per arrivarci in treno e poi fare, ogni tanto, tutto il lungomare in bici fino a Bocca di Magra e oltre. Ricca di belle ville stile liberty, piacevolissima da pedalare e passeggiare. Mi piace ricodare tra le tante manifestazioni che vi si svolgono, il Festival Gaber, in memoria di Giorgio Gaber.

Commenti: 0
Mappa Etroubles

Etroubles descritta da antonio baglioni

Piccolo borgo medievale, posto sulla via Francigena, che fa parte dei “Borghi più belli d’Italia”. Un piacere passeggiare tra le sue picole stradine acciottolate. Conserva un importante campanile romanico del 1400. Gastronomicamente parlando è famoso per la fontina, formaggio DOP. Vi si mangia una prelibata zuppa fatta appunto di fontina e pane nero.

Commenti: 0
Mappa Cascia

Cascia descritta da antonio baglioni

Comune della Comunità Montana della Valnerina, a 653 mt s.l.m., di alto livello sismico e che in passato ha subito parecchi terremoti. Di grande interesse storico-religioso sono il Monastero e Santuario di Santa Rita. La collegiata di Santa Maria, la chiesa di Sant’Agostino, quella gotica di San Francesco e il Tempio Romano di Villa San Silvestro sono altri importanti siti d’interesse.

Commenti: 0
Mappa Saint-Rhmy-en-Bosses

Saint-Rhémy-en-Bosses descritta da antonio baglioni

E’ l’ultimo paese che si incontra salendo verso il colle del Gran San Bernardo, a 1629 mt d’altezza, attraversato dal torrente Artanavaz. Caratteristico con le sue casette in pietra, vede la presenza del castello di Bosses (XiV-XV sec.), un antico lavatoio in pietra con lo stemma dei conti Savin di Bosses. Altro punto d’interesse la la casaforte di Chevillien, in loc. Les Maisons.

Commenti: 0
Mappa Rhmes-Notre-Dame

Rhemes-Notre-Dame descritta da antonio baglioni

Paesino a 1725 mt d’altezza, all’interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso, che mi ha colpito per la sua semplicità, il suo essere borgo rurale fuori dalle rotte più turistiche. La penultima domenica di luglio vi si svolge una fiera dell’artigianato tipico valdostano. Curiosità: gli abitanti della Valle di Rhêmes sono sempre stati noti per la loro abilità come “Ramoneurs“, cioè spazzacamini.

Commenti: 0
Mappa Arquata del Tronto

Arquata del Tronto descritta da antonio baglioni

Unico comune d’Europa il cui territorio è conteso da due Parchi Nazionali: dei Monti Sibillini a Nord e del Gran Sasso-Monti della Laga a Sud. Ricco di testimonianze del passato, edifici religiosi, civili e militari: la Rocca medievale, il Crocifisso del SS.Salvatore, la Sindone di Arquata, la chiesa della Madonna delle Grazie a Trisungo…solo per citarne alcuni.

Commenti: 0