Mappa Cavasso Nuovo

Cavasso Nuovo descritta da buccaro arrigo

Comune della pedemontana pordenonese con ca. 1.600 abitanti. Raggiungibile anche con il treno che collega Sacile a Gemona, è noto per la produzione della cipolla rossa e per i colori stupendi del fiume Meduna che scorre al confine con il comune di Meduno.

Commenti: 0
Mappa Vajont

Vajont descritta da buccaro arrigo

Era l’anno 1971 e il comune di Maniago, scorporando una parte del territorio, consentì la creazione di un nuovo comune che prendeva il nome dalla diga e dalla tragedia del Vajont del 1963. Ma già dal 1966 si era incominciato a costruire sul terreno messo a disposizione dal Comune di Maniago quasi a ridosso del torrente Cellina. Ora il paese ha meno di 1.700 abitanti.

Commenti: 0
Mappa Lignano Sabbiadoro

Lignano Sabbiadoro descritta da buccaro arrigo

E’ il comune turistico d’eccellenza della regione Friuli Venezia Giulia. Il numero di abitanti - ca. 6.000 - dice molto poco rispetto alle potenzialità turistico-balneari; nel corso dell’anno infatti le presenze sono pari a ca.3/4 milioni di turisti di ogni nazionalità che trovano spiagge sabbiose e un mare pulito uniti a tutti i servizi di divertimento.

Commenti: 0
Mappa Latisana

Latisana descritta da buccaro arrigo

Cittadina di ca. 15.000 abitanti costruita ai margini del fiume Tagliamento. Il fiume, vicinissimo, scende a valle restringendosi in prossimità della città; ciò ha sempre rappresentando una minaccia nei periodi autunnali per il pericolo delle alluvioni. Per il resto la città, nota come porto fluviale ca. dal 1.200, rappresenta oggigiorno il naturale passaggio per i turisti diretti a Lignano.

Commenti: 0
Mappa Fossalta di Portogruaro

Fossalta di Portogruaro descritta da buccaro arrigo

Comune di ca.6.000 abitanti posto ai confini con la regione Friuli Venezia Giulia, nel mandamento di Portogruaro. Tra le frazioni da ricordare Alvispoli dove si trova la villa veneta del conte Mocenigo che realizzò il paese in modo da renderlo autosufficiente; nel grande piazzale antistante si svolge ogni anno la festa di San Luigi (la 36/a edizione nel 2012).

Commenti: 0
Mappa San Michele al Tagliamento

San Michele al Tagliamento descritta da buccaro arrigo

San Michele al Tagliamento è un grande ed esteso comune che incomincia a sud di Morsano al Tagliamento per arrivare fino al mare Adriatico costeggiando il fiume Tagliamento. All’interno del Comune è ovviamente preponderante la presenza della frazione di Bibione nota ed attrezzata meta balneare, con lunghe spiagge sabbiose. Gli abitanti sono ca. 12.000.-

Commenti: 0
Mappa Travesio

Travesio descritta da buccaro arrigo

Con i suo 1.800/1.900 abitanti è uno dei paesi posti sopra Spilimbergo dai quali spingersi sulle nostre montagne del friuli occidentale. In passato centro importante per raggiungere Clauzetto e Vito D’Asio, oggi un po’ discosto. Tuttavia informatevi sui ristoranti, una visita in loco darà sicuramente soddisfazione alle papille gustative.

Commenti: 0
Mappa Vito d'Asio

Vito d’Asio descritta da buccaro arrigo

Piccolo paese di 900 abitanti abbarbicato sulle montagne e ben visibile fin da lontano. Tra le frazioni da ricordare quella di Anduins nota per la presenza di una sorgente d0acqua solforosa.
Senz’altro una camminata distensiva in paese è da considerarsi rilassante.

Commenti: 0
Mappa Spilimbergo

Spilimbergo descritta da buccaro arrigo

Bellissima cittadina di quasi 13.000 abitanti; collettore dei vari comuni della pedemontana che scendono a valle per gli acquisti. Ricca di storia con il duomo e il castello recentemente restaurati, cosiccome tutto il centro storico che rappresenta ora un gioello architettonico.

Commenti: 0
Mappa Pinzano al Tagliamento

Pinzano al Tagliamento descritta da buccaro arrigo

Il paese è ricco di storia per la sua posizione a ridosso del Tagliamento; già dai tempi dei romani era uno snodo delle strade che portavano a nord. Di recente, dopo il terremoto del 1976, il piccolo comune ha ridotto la sua popolazione che ora arriva a ca. 1.500 abitanti. Bellissimo il ponte sul fiume Tagliamento ricostruito dopo l’alluvione del 1966.-

Commenti: 0