Autore Michele Nardella

Descrizioni Regione Molise
Tutte

Elenco Province: Campobasso (18), Isernia (5)
Mappa Pietracatella

Pietracatella descritta da Michele Nardella

Piccolo comune molisano poco distante dal confine con la Capitanata, Pietracatella si adagia col suo borgo antico sulle falde della Morgia, una roccia di tufo dominata dai resti del Castello e dalla Chiesa di S. Giacomo (XII-XIII secc.), con la Cripta di S. Margherita. Più in basso si trovano la Chiesa Madre di S. Giovanni Battista, quella di S. Maria di Costantinopoli ed il Palazzo Marchesale.

Commenti: 0
Mappa Portocannone

Portocannone descritta da Michele Nardella

E’ uno dei 4 comuni molisani di lingua, cultura e tradizioni arbereshe, perché fu ripopolato dagli Albanesi nel XV secolo, ivi stanziati da Giorgio Castriota Skanderbeg. Singolare è il Borgo Costantinopoli (centro storic0). La corsa dei carri trainati da buoi si tiene il lunedì di Pentecoste, alla vigilia della festa patronale della Madonna di Costantinopoli, portata in processione dai vincitori.

Commenti: 0
Mappa San Martino in Pensilis

San Martino in Pensilis descritta da Michele Nardella

E’ posto sulla sommità di una collina alta 281 m s.l.m. Nel centro storico, detto “Mezzaterra”, emergono il Palazzo Baronale, la Chiesa Madre di S. Pietro apostolo e quella di S. Giuseppe (già intitolata a S. Martino). L’evento clou è la Carrese del 30 aprile in cui Giovani, Giovanissimi e Giovanotti si contendono l’onore di portare in processione sul proprio carro il patrono S. Leo (2 maggio).

Commenti: 0
Mappa Montaquila

Montaquila descritta da Michele Nardella

Situato nell’Alto Volturno, il paese col suo centro storico medievale è sulla sommità di un colle boscoso. Infatti il termine aquilus, che significa cupo, associato a tale altura spiega il nome di questo comune. Ma la maggior parte dei suoi abitanti risiede nella frazione di Roccaravindola bassa, situata nella piana di Venafro e costruita attorno alla Chiesa di S. Maria Ausiliatrice (1960).

Commenti: 0
Mappa Castelpetroso

Castelpetroso descritta da Michele Nardella

Il comune consta del capoluogo, che è un piccolo borgo medievale, e di 5 frazioni: Camere, Casale, Guasto, Pastena ed Indiprete. Quest’ultima (900 ab.) è la più popolosa e produttiva. Nel territorio si trova il celeberrimo e neogotico Santuario della Madonna Addolorata (patrona della Regione Molise) iniziato due anni dopo la sua prima apparizione a due pastorelle (1888) e completato solo nel 1975

Commenti: 0
Mappa San Massimo

San Massimo descritta da Michele Nardella

Il piccolo paesino è costruito su un colle ai piedi del Matese ed il suo profilo è caratterizzato dalla Chiesa di S. Maria delle Fratte e dalle mura perimetrali del Castello. Dal paese si raggiunge salendo la rinomata località montana e sciistica di Campitello Matese situata in un pianoro tra i monti omonimi tra i quali è il Monte Miletto (2050 m s.l.m.) quello più elevato di tutto il massiccio.

Commenti: 0
Mappa Gambatesa

Gambatesa descritta da Michele Nardella

Deve il suo nome al difetto fisico del suo primo feudatario, Riccardo di Pietravalle, vissuto nel XIV sec. Nel centro storico medievale sono la Chiesa del Purgatorio, la Chiesa Madre di S. Bartolomeo ed il Castello sorto nel medioevo come fortilizio e trasformato in residenza gentilizia nel XV sec. dai di Capua, dei quali Vincenzo commissionò nel 1550 a Donato da Copertino i bellissimi affreschi.

Commenti: 0
Mappa Matrice

Matrice descritta da Michele Nardella

Sorge su una collina a nordest di Campobasso col suo centro storico stretto attorno alla Chiesa Parrocchiale di S. Silvestro abate. Il principale monumento del comune è però in aperta campagna con cui è in armonia. Si tratta della romanica Chiesa di S. Maria della Strada (XI e XII secc.), con i portali e la facciata adorna di bassorilievi, l’interno a tre navate absidate ed il campanile isolato.

Commenti: 0
Mappa Sepino

Sepino descritta da Michele Nardella

Ha un bel centro storico medievale caratterizzato dalla Chiesa Madre di S. Cristina col campanile coronato dal “bottiglione” realizzato artigianalmente. A pochi dal paese, presso il fiume Tammaro, è il suggestivo sito archeologico di Saepinum-Altilia, città romana e medievale di cui si conservano, tra l’altro, le mura con 4 porte, il foro, la basilica, le domus, il teatro e le case medievali.

Commenti: 0
Mappa Colletorto

Colletorto descritta da Michele Nardella

E’ situata sulla sommità di un colle alto circa 600 m s.l.m., presso il confine pugliese, il fiume Fortore ed il Lago di Occhito. Nel suo centro storico sono la Torre Angionia, fatta costruire dalle regina Giovanna I, il Palazzo Marchesale e la Chiesa Madre di S. Giovanni Battista col campanile addossato alla facciata in corrispondenza dell’ingresso. Il paese include pure la Chiesa di S. Alfonso.

Commenti: 0