Autore Michele Nardella

Descrizioni Regione Basilicata
Tutte

Elenco Province: Matera (2), Potenza (10)
Mappa Barile

Barile descritta da Michele Nardella

Situato su due colline tufacee ai piedi del Monte Vulture, vulcano spento, il paese venne popolato dagli albanesi che giunsero a più riprese, dal XIV al XVII secolo, ed introdussero la loro cultura (lingua, costumi e tradizioni, riti greco-cattolici). La Madonna di Costantinopoli, sua patrona, nello stemma comunale compare su un barile sormontato da un grappolo d’uva, in riferimento all’Aglianico.

Commenti: 0
Mappa Ripacandida

Ripacandida descritta da Michele Nardella

Tale paese lucano della zona del Vulture si adagia, con le sue case imbiancate con calce, su una rupe dominata dalla Chiesa Madre di S. Maria del Sepolcro. Nel centro storico sono il Palazzo Ducale e quelli gentilizi. Il noto Santuario di S. Donato, patrono del paese, è sito nella parte bassa a NE del centro, contiene affreschi del XVI sec. ed è gemellato con la Basilica di S. Francesco in Assisi

Commenti: 0
Mappa Acerenza

Acerenza descritta da Michele Nardella

Ha l’appellativo di città-cattedrale perchè il suo centro storico medievale, che sorge su una rupe dell’alta valle del Bradano, è fortemente caratterizzato dall’enorme mole del Duomo dedicato a S. Maria Assunta e a S. Canio vesc. (patrono del paese), risalente ai sec. XI e XII sec., in stile romanico-gotico, con interno a 3 navate e cripta rinascimentale. Da visitare il museo della casa contadina.

Commenti: 0
Mappa Montescaglioso

Montescaglioso descritta da Michele Nardella

Situato al di sopra di un colle tra la valle del Bradano e la Gravina di Matera, Montescaglioso si caratterizza per il suo centro storico medievale da cui emergono i volumi dell’Abbazia di S. Angelo (chiesa, convento a 2 chiostri e camminamenti sotterranei). La Chiesa Madre, barocca, è dedicata ai SS. Pietro e Paolo. Nei dintorni si visita il Parco archeologico delle Chiese rupestri del Materano.

Commenti: 0
Mappa Rionero in Vulture

Rionero in Vulture descritta da Michele Nardella

Situato ai piedi del boscoso Monte Vulture (vulcano spento alto 1326 m.) Rionero, seriamente danneggiata dal sisma del 1980 e oggi ricostruita, è famosa per la ricchezza delle sue acque minerali e per i suoi vini, primo tra tutti l’Aglianico del Vulture. Nel centro storico si visitano edifici religiosi come la Chiesa Madre di S. Marco e civili come il Palazzo Fortunato.

Commenti: 0
Mappa Rapolla

Rapolla descritta da Michele Nardella

Sorge a pochi chilometri da Melfi e dal Vulture e presenta un centro storico medievale dal quale emergono, tra gli edifici, la Cattedrale duecentesca coi bassorilievi sul fianco dx, la Chiesa di S. Lucia (X-XI sec.) che fu la prima cattedrale del paese, e quella del crocifisso. Da visitare è anche la Chiesa di S. Biagio, patrono del paese, e da gustare sono i suoi vini e l’ottimo olio.

Commenti: 0
Mappa Melfi

Melfi descritta da Michele Nardella

Importante centro industriale (vi ha sede lo stabilimento Fiat -Sata) e commerciale della Basilicata, la cittadina vanta anche un glorioso passato. Nel suo turrito Castello Normanno-Svevo, papa Urbano II bandì nel 1089 la I crociata e l’imperatore svevo Federico II promulgò nel 1231 le Constitutiones Regni Siciliae. Nel centro storico si visita il Duomo oltre a numerose chiese e palazzi nobiliari.

Commenti: 0
Mappa Venosa

Venosa descritta da Michele Nardella

E’ la famosa Città di Orazio, poeta romano noto per le sue Satire. Il suo centro storico, attraversato in lunghezza da Via Vittorio Emanuele II, è ricco di monumenti civili e religiosi tra cui il Castello, quattrocentesco come il Duomo, la chiesa del Purgatorio, il Pal. Calvino e la Casa di Orazio. Poco fuori dal centro storico, a NE, sono i resti di edifici romani e il Complesso della SS.Trinità.

Commenti: 0
Mappa Castelmezzano

Castelmezzano descritta da Michele Nardella

Situato di fronte a Pietrapertosa (PZ) a circa 8oo m s.l.m., è un delizioso paesino montano fatto di case variopinte adagiate ai piedi di 5 guglie delle Piccole Dolomiti Lucane. Una recente attrazione turistica è il Volo dell’Angelo con cui si può provare l’emozione di volare per e da Pietrapertosa (in 2 minuti a tratta) stando sospesi ad una fune d’acciaio raggiungendo una velocità di 120 km/h.

Commenti: 0
Mappa Pietrapertosa

Pietrapertosa descritta da Michele Nardella

Coi suoi 1088 m s.l.m. è il paese più alto della Basilicata e si adagia ai fianchi di cinque guglie appartenenti alle Piccole Dolomiti Lucane. Il suo nucleo più antico è denominato Arabata per la sua origine saracena e si caratterizza per il suo fitto tessuto abitativo attraversato da stradine tortuose ed in forte pendenza. Oltre a ciò è da provare l’emozione del Volo dell’Angelo per Castelmezzano

Commenti: 0