Mappa Cerignola

Cerignola descritta da Michele Nardella

E’ il comune più popoloso ed importante del Basso Tavoliere ed ha un vastissimo territorio comunale, il 3° d’Italia per estensione. Famosa per i suoi prodotti agricoli come la Bella, una grossa oliva da tavola, la città possiede l’enorme Duomo di S. Pietro, con cupola alta 80 m, che imita quello di Firenze. Nel centro storico, Terravecchia, c’è la Chiesa Madre di S. Francesco, coperta da 6 cupole.

Commenti: 0
Mappa Bisceglie

Bisceglie descritta da Michele Nardella

Il nome di questa città portuale pugliese deriva dalle querce, un tempo abbondanti nella zona. Nel suo stemma comunale compare appunto una quercia. La vasta ed alberata Piazza Vittorio Emanuele II fa da cerniera tra la parte moderna della cittadina ed il suo centro storico, murato ed affacciato a terrazza sul porto. In esso vi sono il Duomo, il Castello, chiese (come S. Adoeno) e nobili palazzi.

Commenti: 0
Mappa Castrignano del Capo

Castrignano del Capo descritta da Michele Nardella

E’ il comune più meridionale della Puglia. Nel paese c’è da visitare il Borgo Terra (centro storico) e la Chiesa Madre di S. Michele Arc., barocca. Ma la sua fama la si deve alla frazione di S. Maria di Leuca, splendida località balneare situata tra l’omonimo capo e la Punta Ristola (estremità sud della Puglia), ospitante il Santuario S. Maria de finibus terrae e le gradevoli ville ottocentesche.

Commenti: 0
Mappa Triggiano

Triggiano descritta da Michele Nardella

E’ situata a sudest di Bari, da cui dista 11 km, nei pressi della Lama di S. Giorgio, ricca di grotte abitate sin dal Neolitico. Nello stemma comunale triggianese è raffigurato l’imperatore romano Traiano, da cui deriva il nome. Sull’ampia ed alberata Piazza Vittorio Veneto prospetta il Municipio. Nel centro storico, con scorci pittoreschi, è la Chiesa Madre di S. Maria Veterana. (XVI-XX secc.)

Commenti: 0
Mappa Termoli

Termoli descritta da Michele Nardella

Attiva città portuale, industriale e commerciale della costa adriatica del Molise, presenta un assetto urbanistico prevalentemente moderno ed un centro ottocentesco con strade ortogonali e parallele. Il centro storico, cinto da mura, ricopre interamente un promontorio sul mare ed è attraverato da strette stradine e vicoli. Dal suo profilo emergono il Duomo, romanico, ed il Castello Svevo.

Commenti: 0
Mappa Trani

Trani descritta da Michele Nardella

Cocapoluogo della provincia BAT, vanta una delle più famose Cattedrali romaniche di Puglia, dedicata a S.Nicola Pellegrino e situata in riva al mare come il vicino Castello svevo (ora museo), dove si sposò Manfredi. Nel centro storico tranese si visitano le chiese medievali (come quella di Ognissanti) e barocche, i palazzi nobiliari e i vicoli ed infine il ghetto ebraico. Stupendo è il fronte mare

Commenti: 0
Mappa Altavilla Irpina

Altavilla Irpina descritta da Michele Nardella

Situato tra Avellino a Benevento, il paese è attraversato nel suo centro dall’ampio Corso Garibaldi con i suoi palazzi gentilizi. Nel centro storico vi sono il Palazzo Comitale, la Chiesa dell’Annunziata e la Chiesa dell’Assunta, che ospita dal 1780 le spoglie di S. Pellegrino martire, festeggiato il 24 agosto con la processione dei battenti. Da non perdere il Palio dell’Anguria (18 ago.)

Commenti: 0
Mappa San Pietro Infine

San Pietro Infine descritta da Michele Nardella

Il territorio di questo comune dell’Alto Casertano si incunea tra il lazio ed il Molise. Il borgo antico, costruito su uno sperone roccioso, è stato seriamente danneggiato dai bombardamenti della II Guerra Mondiale ed abbandonato dagli abitanti rifugiatisi nelle grotte. Oggi esso ha il fascino della rovina, mentre il Parco della memoria storica col museo multimediale documentano quelle tragedie.

Commenti: 0
Mappa San Giorgio La Molara

San Giorgio La Molara descritta da Michele Nardella

Situato sulla sommità e alle pendici di una collina del Sannio beneventano in posizione panoramica sulle colline ed i paesi d’intorno e sulla valle del fiume Tammaro, il paese ospita nel suo centro storico il Castello Iazeolla (XVI sec.), il Convento di S. Francesco (XV sec.), il Palazzo Muscetta (XVIII sec.) con la chiesetta del Purgatorio. Nei dintorni si ammira il Lago Mignatta a 900 m s.l.m.

Commenti: 0
Mappa Palagianello

Palagianello descritta da Michele Nardella

Il centro abitato, coi suoi edifici in prevalenza bianchi, è diviso in due dalla linea ferroviaria Bari-Taranto e si affaccia per 1,5 km sulla gravina omonima dove sono presenti alcune chiese rupestri ed un villagio trogloditico. Il trecentesco Castello Stella-Caracciolo caratterizza il profilo urbano del centro storico. Nella parte piana del territorio comunale si coltivano agrumi, ulivi e viti.

Commenti: 0