Mappa Portofino

Portofino descritta da paolospagg

Le più belle viste di Portofino e della sua splendida piazza si hanno salendo la ripida scalinata che in circa un quarto d’ora porta alla chiesa di San Giorgio costeggiando splendidi giardini e ville sontuose.
Di fronte al piazzale della chiesa si trova il forte di San Giorgio costruito nel XVI secolo, proseguendo per un altro quarto d’ora si giunge alla punta del Capo ed al suo faro.

Commenti: 0
Mappa Rabbi

Rabbi descritta da paolospagg

Il comune di Rabbi è situato all’interno del parco nazionale dello Stelvio, nell’omonima valle ed è composto da quattro frazioni(Pracorno,San Bernardo,Piazzola e Rabbi Terme).
Il torrente che da’ nome alla valle è il Rabbies (in latino medioevale significa impetuoso) che nasce nei pressi del rifugio Dorigoni e termina la sua corsa nel Noce.

Commenti: 0
Mappa Nosate

Nosate descritta da paolospagg

Nosate vanta due record, è il comune meno popoloso della provincia di Milano ed è il comune più lontano dal capoluogo, Nosate vanta inoltre una pregevole opera d’arte, la chiesetta di Santa Maria in Binda sorta in epoca longobarda (Binda in longobardo significa striscia di terra) più volte rimaneggiata nel tempo sino alla forma attuale ed è ornata da pregevoli affreschi rinascimentali

Commenti: 0
Mappa Vezzano sul Crostolo

Vezzano sul Crostolo descritta da paolospagg

Il Parco Matildico di Montalto, comune di Vezzano sul Crostolo, è un’oasi naturale nella quale vivono oltre 15 speci di animali terrestri e volatili e una decina di speci di pesci nel lago naturale Segoletta, comprende inoltre un orto botanico con oltre 1500 speci di piante officinali e medicinali e frutti antichi.
Molto interessante il Museo della civiltà contadina.

Commenti: 0
Mappa Calestano

Calestano descritta da paolospagg

Dalla frazione di Cassio (825mt) scendendo per una ripida mulattiera si giunge al Ponte del Diavolo che supera il torrente Baganza, poi la mulattuera diventa sentiero e si inerpica nei boschi costeggiando delle bellissime configurazioni rocciose dai nomi fantasiosi:il pinguino, lo squalo, il dente del gigante e via dicendo per giungere infine alle spettacolari Balze del diavolo

Commenti: 0
Mappa Rubiera

Rubiera descritta da paolospagg

Nella periferia nord di Rubiera sorge l’Ospitale, antico ospizio per i pellegrini che transitavano lungo la Via Emilia fatto costruire a partire dal 1531 dalla famiglia Sacrati, l’Ospizio dava ospitalità per una notte a pellegrini e viandanti ai quali veniva concesso un solo pasto.
L’Ospitale vantava anche i diritti per l’attraversamento del Secchia.

Commenti: 0
Mappa Villa Minozzo

Villa Minozzo descritta da paolospagg

Un rudere appena fuori Civago, frazione di Villa Minozzo, è considerato uno dei rifugi di Domenico Amorotto (?-1523) uno dei più noti briganti del sedicesimo secolo.
Contro di lui combattè, senza risultati, il Guicciardini divenuto nel 1517 governatore di Reggio.

Commenti: 0
Mappa Busana

Busana descritta da paolospagg

Incredibile la storia del pittore Pietro da Talada nato nel quattrocento appunto nella minuscola e sperduta frazione di Busana.
Scoperto dalla critica negli anni ‘80 venne da alcuni paragonato persino a Gantile da Fabriano sopratutto nella sua opera più famosa: il Trittico di Borsigliana.
Quest’anno una mostra alla Columbia University ha celebrato il pittore di Talada.

Commenti: 0
Mappa Camogli

Camogli descritta da paolospagg

La festa della Stella Maris risale al ‘400 e ricorda la partenza dei missionari cattolici alla conquista del terzo mondo.
Consiste nella sfilata di barche dal porticciolo di Camogli a Punta Chiappa dove viene celebrata la messa e premiata l’imbarcazione più bella.
A sera il mare viene invaso dai lumini lasciati dalle barche e anche da nuotatori.

Commenti: 0
Mappa Pellizzano

Pellizzano descritta da paolospagg

La chiesa della Natività di Maria in Pellizzano è considerata una delle più belle dell’intera Val di Sole, molto importanti sono gli affreschi eseguiti dalla famiglia dei Baschenis, pittori itineranti provenienti dalla valle Averara, a partire dalla metà del ‘4oo.
Raffinatissimi quelli eseguiti da Simone Baschenis nel 1461 sulla volta del protiro.

Commenti: 0