Mappa Lecce

Lecce descritta da lapochka

Città nota per il suo Barocco leccese. Molto bella la Basilica di Santa Croce uno dei complessi architettonici che rappresentano il barocco leccese. Da visitare anche la Chiesa di Sant’Irene ed il Duomo. Interessanti e spettacolari i cortili interni delle abitazioni nobiliari. Nel mese di Maggio si svolge una manifestazione con visita dei cortili interni alle abitazioni nobiliari private.

Puglia > Lecce > Lecce (30)
Commenti: 0
Mappa Milano

Milano descritta da Mangiatillu

I turisti sostano per un breve riposo sulla scalinata del Duomo.
Volti sconosciuti e viandanti frettolosi si scambiano sguardi vacui.
La nebbia è nel cuore di Milano mentre il sole splende a illuminare
D’azzurro il cielo.
Gente, gente, dove va questa gente a Milano?
Passi sull’asfalto lastricato e sguardi bassi mentre il cielo è tinto d’azzurro.
Strade silenziose e affollate .

Commenti: 0
Mappa Amalfi
10

Amalfi descritta da MaxFelice

E’ stata la prima delle Repubbliche Marinare. E’ il centro principale e l’anima storica della Costiera. Con la sua posizione scenografica alla sommità di una ripida scalinata che si apre su una piccola piazza ecco il centro storico ed il suo magnifico Duomo. Numerose scale portano alle spiagge. Amalfi è famosa anche per le cartiere lungo la Valle dei Mulini dove ha sede, il Museo della Carta.

Commenti: 0
Mappa Martina Franca

Martina Franca descritta da antdilad Descrizione del mese

Primo baluardo della Valle d’Itria, mostra un cuore settecentesco nei bianchi vicoli tortuosi, nelle piazze, nelle chiese (San Francesco, San Martino), nei palazzi (Palazzo Ducale), nelle masserie sparse tra le colline. Centro famoso per l’allevamento del cavallo murgese e sopratutto dell’asino di martina. Devoto ai Santi Martino e Comasia, ha scoperto una vocazione lirica (Festival della Valle d’Itria).

Commenti: 0
Mappa Martina Franca

Martina Franca descritta da Konin

Adagiata su una delle colline della Murgia sud-orientale, Martina Franca domina l’incantevole distesa di trulli della Valle d’Itria. Da visitare senza dubbio il caratteristico centro storico, splendido esempio di arte barocca con le sue stradine e i suoi bianchi vicoli.

Commenti: 0
Mappa Amalfi

Amalfi descritta da fusillo

Che Amalfi sia una nobilissima cittadina, che qualche secolo fa è stata una delle 4 Repubbliche Marinare, appare subito chiaro non appena si lascia la litoranea e si entra nella piazza del duomo, con la splendida cattedrale di S.Andrea. Un colpo d’occhio incredibile,e il fascino continua anche addentrandosi nei vicoli e lungo la Valle dei Mulini. L’artigianato e i prodotti tipici fanno il resto.

Commenti: 0
Mappa Gorizia

Gorizia descritta da franz541

Ponte ferroviario sul fiume Isonzo, testimone di cruenti battaglie durante la 1^ guerra mondiale tra l’esercito Italiano e le truppe Austroungariche per la conquista di Gorizia, fu distrutto e ricostruito fedelmente recuperando i blocchi caduti sul fiume. Ancora adesso si posso vedere le arcate ricostruite perchè a ricordo non sono state ricostruiti gli stemmi che ogni arcata aveva

Commenti: 0
Mappa Milano
8

Milano descritta da dous

Città che si sveglia mentre va a dormire, che lavora e che freme, che non riposa se non quando c’è nebbia ed anche allora sta raccolta nei suoi mille luoghi che non bastano i colori delle metropolitane a raggiungere tutti.Tipico lo skyline del Duomo, della Torre Velasca e del Pirellone. Ma altrettanto uniche le sue strade di colori e vetrine ben curate, e gente alacre che si muove. Senza sosta.

Commenti: 0
Mappa Amalfi

Amalfi descritta da etchaberry

Bello l’approdo ad Amalfi dal quale si intraprende la visita per il Duomo dalla maestosa scalinata. Il ricordo più bello è del chiostro nel quale, tra colonnine binate che sostengono archi acuti si esibiva un pianista che eseguiva musica struggente. Gradevolissima la passeggiata per le vie Genova e Capuana ricche di negozi per tutti i gusti, gastronomici, artistici e culturali ad un tempo.

Commenti: 0
Mappa Milano
7

Milano descritta da rjanni

“Mi piace partire quando Milano dorme ancora, vederla sonnechiare ed accorgersi che è bella, prima che incominci a correre e ad urlare………”

Commenti: 0