Archivio di Febbraio 2012

Mappa Madone

Madone descritta da emanuelea

Realizzata all’epoca romana, nell’isola bergamasca ed attraversata dal torrente Dordo. Il simbolo del paese è la ex fornace dei mattoni. La fornace era formata da un’alta ciminiera che, oggi in parte, è crollata a causa di una tromba d’aria nel 2007. Importante da visitare la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista presentando un aspetto maestoso, ( secolo XIV ) Molto bella la chiesetta.

Commenti: 0
Mappa Chignolo d'Isola

Chignolo d’Isola descritta da emanuelea

Creata nell’Isola bergamasca. In epoca medievale il paese fu interessato da battaglie tra guelfi e ghibellini. Da visitare il Palazzo Roncalli edificato nel corso del XVII secolo. La struttura si presenta a pianta ad U e si erge sulle rovine dela castello medievale distrutto dai Veneziani. Il miglior esempio di rustico settecentesco del paese è la Cascina Gattolina, gran parte demolita.

Commenti: 0
Mappa Bonate Sopra

Bonate Sopra descritta da emanuelea

Realizzata sulla sponda destra del fiume Brembo, nell’isola Bergamasca. Di grande importanza e di interesse da visitare la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta. Importante pure anche l’Oratorio della Madonna delle Ghiaie, costruito in seguito alle miracolose apparizioni della Madonna ad una ragazza ( Rocalli Adelaide ) nel 1944 e ad oggi meta di pellegrinaggio e devozione popolare.

Commenti: 0
Mappa Curno

Curno descritta da emanuelea

Il fiume Brembo attraversa il nucleo delle abitazioni. Prima dominazione dei Longobardi e po dei Franchi. Sul territorio comunale si possono trovare edifici di pregio valore storico risalenti al periodo medievale. Molto bello il Castello della Marigolda utilizzato per ricevimenti e cerimonie private ed anche la torre coeva. Molto importante è la necropoli romana risalente al I secolo.

Commenti: 0
Mappa Castiglione Chiavarese

Castiglione Chiavarese descritta da emanuelea

Situato in val Petronio nelle vicinanze del torrente Petronio. Il nucleo urbano si è formato lungo la Strada Provinciale 523 del Colle di Centocroci scolpendo la roccia e creando effetti particolari sia dal punto di vista paesaggistico che naturalistico. Da visitare la Chiesa parrocchiale di Sant.Antonio e molto bella la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta nella frazione di Missano.

Commenti: 0
Mappa Siena
10

Siena descritta da zioseb

Secondo la leggenda i fondatori di Siena sono i figli di Remo il celebre fratello di Romolo. Molto probabilmente invece furono gli etruschi i primi abitanti, poi sottomessi dai romani. Nel medioevo Siena ghibellina ebbe per lunghi periodi forti contrasti con Firenze (guelfa). Di quel periodo sono la maggior parte dei monumenti e la celebre piazza del campo dove ogni anno si svolge il famoso palio

Toscana > Siena > Siena (48)
Commenti: 0
Mappa Positano

Positano descritta da piru24

Positano “La perla della costiera Amalfitana” abbarbicata sulla collina scoscesa con le abitazioni che arrivano fino al mare. E’ da visitare non soltanto per i panorami suggestivi ed il mare cristallino, ma anche per gli odori, i suoni, le sensazioni che il luogo emana.Una volta partito da Positano non vedi l’ora di ritornare.

Commenti: 0
Mappa Ostuni

Ostuni descritta da piru24

Uno degli aspetti che rende unica Ostuni è la colorazione bianco smagliante delle case che sorgono in un groviglio di vicoli,e che non a caso è denominata la Città Bianca .Il centro abitato di Ostuni, è ubicato sulla sommità di una collina e domina tutto il paesaggio della piana degli ulivi secolari sino al mare.

Commenti: 0
Mappa Gallipoli

Gallipoli descritta da piru24

Gallipoli si affaccia sul mar jonio ed il suo territorio è diviso tra Il Borgo (più recente) ed il Centro storico, circondato da mura di cinta, che sorge su di un’isola. Le due zone sono unite da un ponte che risale al ‘600.Il litorale è caratterizzato dall’alternarsi di lunghe spiagge e basse scogliere costeggiato da un lunghissimo lungomare animato da tantissima gente soprattutto in estate.

Commenti: 0
Mappa Scurzolengo

Scurzolengo descritta da Lucia Matilde

Paesino arroccato si sviluppa come un nastro capriccioso che si insinua tra i verdi vigneti protetti dalle dolci colline. il tessuto urbano è un insieme di vicoli che si adattano al naturale terreno, e con gli edifici costituisce un insieme di indubbio valore storico, ambientale e naturalistico.

Commenti: 0