Archivio di Luglio 2012

Mappa Pergine Valsugana

Pergine Valsugana descritta da roval11

Sotto l’Impero Austro-Ungarico, nel 1882, fu aperto l’Ospedale Psichiatrico di Pergine.Fu chiuso definitivamente nel 2002.Su un vecchio libro del 1800 di Brentari, trovai il numero degli abitanti di Pergine: ab. 4434 (compresi 240 infermi e 50 persone di servizio del manicomio)

Commenti: 0
Mappa Longarone

Longarone descritta da michela venturini

Longarone…paese di frequente passaggio per chi viaggia verso le Dolomiti ,oggi centro di particolare interesse industriale e fieristico del bellunese.
Quando si sente questo nome subito balza alla mente quella tragica notte dell’ottobre 1963 e le vittime causate dall’ondata d’acqua scagliata dalla diga del Vajont, il percorso ideale per ricordare è al museo Diffuso del Vajont.

Commenti: 0
Mappa Chiusaforte

Chiusaforte descritta da buccaro arrigo

Il nome del paese è un composto di “chiusa” e “forte”. In effetti nel medioevo ha rappresentato una naturale barriera all’entrata in Friuli anche grazie alla costruzione di un fortezza e al pagamento dei pedaggi per l’entrata e l’uscita. La presenza della vecchia ferrovia ora divenuta pista ciclabile ridona al paese e alle strutture ardite costruite nel tempo un fascino misterioso.

Commenti: 0
Mappa Rabbi

Rabbi descritta da roval11

Rabbi si trova in Val di Rabbi, la parte più settentrionale del Trentino. E’ attraversata dal Rabies sul quale ci sono innumerevoli ponti quasi tutti in legno e molto pittoreschi. Nel punto più stretto della Valle c’era l’Antica Fonte di acqua ferruginosa e si poteva raccogliere nelle bottiglie per portarle a casa. Ora invece ci sono gli alberghi termali e si può soggiornare e godersi il fresco.

Commenti: 0
Mappa Caldes

Caldes descritta da roval11

Caldes è un piccolo paesino della Val di Sole dove c’è una grande casa-torre del duecento dove alcune estati fa ho assistito ad uno spettacolo teatrale il cui palcoscenico erano le finestre di questo Castello. Naturalmente si narrava la leggenda di Olinda, rinchiusa dal padre Rodemondo in una stanza del Castel Caldes, per impedirle di sposare il menestrello Arunte per il quale morì d’amore.

Commenti: 0
Mappa Ledro

Ledro descritta da roval11

Sul Lago di Ledro c’è una ricostruzione di alcune palafitte che verosimilmente si potevano trovare 4000 anni fa. Nel 1929, furono trovati i resti di una palafitta e molti reperti del tardo neolitico-eneolitico che si trovano nel museo vicino alle palafitte e che ho visitato poco tempo fa, trovandolo molto interessante.

Commenti: 0
Mappa Sirolo
7

Sirolo descritta da grandangolo

Deliziosa località affacciata sull’Adriatico.
Fino ad anni fa vantava spiagge libere dove si poteva godere del sole e del mare in assoluta libertà.
Ora le spiagge che una volta erano libere sono state date in concessione a stabilimenti balneari.
Un vero peccato.
Graziosissimo il centro storico, da visitare a piedi.

Marche > Ancona > Sirolo (7)
Commenti: 0
Mappa Pisa

Pisa descritta da Alma De Cuba 2

Pisa,la piazza dei Miracoli,patrimonio dell’Umanità,la Torre pendente,il Palazzo dell’Orologio,il caratteristico Lungarno….Questi sono solo alcuni monumenti e luoghi che meritano una gita in questa ridente città.E cosa dire della simpatia dei pisani? Ma mi raccomando…non ditelo ad un livornese!!!! Accorrete numerosi….

Toscana > Pisa > Pisa (56)
Commenti: 0
Mappa San Sebastiano Curone

San Sebastiano Curone descritta da edo14

San Sebastiano Curone è un grazioso Borgo Medievale di circa 650 abitanti in provincia di Alessandria. Ha vie molto strette, nelle quali interessanti sono le numerose botteghe artigianali, aperte nel periodo di bella stagione durante tutto il fine settimana. Molto bella ed interessante è la palazzina in Piazza Roma dove ha sede il Comune.

Commenti: 0
Mappa Cornuda

Cornuda descritta da bernardosardano

Cornuda è un comune italiano di circa 6.000 abitanti della provincia di Treviso. Questo paesino deve il suo particolare nome probabilmente dal latino cornua o dalla posizione geografica con due colline che sembrano “fare le corna”. sta di fatto che un tempo si chiamava proprio Cornuta!!! da visitare la Chiesa di San Martino e il Palazzo De Faveri Tron.

Commenti: 0