Mappa Sant'Anatolia di Narco

Descrizioni su Sant'Anatolia di Narco

Regione Umbria - Provincia Perugia
Descrizioni: Preferite - Più Recenti - Archiviate - In Revisione
Rete: Blog Sant'Anatolia di Narco - Guida Sant'Anatolia di Narco - Forum Umbria

Sant’Anatolia di Narco descritta da Giancarlo Balzarini

Sulle sponde del Nera a 328 m.s.l.m. sorge il paese con presunte origini etrusche per il ritrovamento di reperti di vasellame e ornamenti funerari. Ha una struttura medievale con mura trecentesche con 2 torrioni del quattrocento. Sul territorio,segni indelebili lasciati da santi e eremiti, in una zona alimentata da sorgenti e corsi d’acqua di origine carsica e resti dell’antica viabilità romana.

Commenti: 0

Sant’Anatolia di Narco descritta da Pampurio

La Chiesa dei Santi Mauro e Felice prende il nome da due eremiti siriani (rispettivamente padre e figlio) che per primi nel 5° secolo si insediarono in una caverna del posto e cristianizzarono gli abitanti di questi luoghi. Successivamente la chiesa fu riedificata nel 12° secolo ad opera dei monaci benedettini sopra l’antico sito religioso risalente al periodo del Ducato longobardo di Spoleto

Commenti: 0

Sant’Anatolia di Narco descritta da igorchco

Uno dei tanti bei borghi medievali presenti lungo la Valnerina, Sant’Anatolia di Narco include nel proprio territorio comunale anche Castel San Felice ai cui piedi sorge la plendida omonima Abbazia che si erge sul sottostante fiume Nera in tutta la sua maestosità e che merita una visita.

Commenti: 0
8

Sant’Anatolia di Narco descritta da fador

Fu castello medievale, con mura, torrioni e tre porte di accesso, una ancora oggi ben conservata. Nel centro storico da ammirare l’ex Palazzo Municipale, con tanto di portico e botteghe medievali, e la chiesa di S.Anatolia. Il fiume Nera è l’elemento caratterizzante del territorio, rinomate le trote, mentre il tartufo è il re dei prodotti tipici del luogo.

Commenti: 0
10

Sant’Anatolia di Narco descritta da gianniB

Posto a 328 mt ai piedi del monte Coscerno è un borgo medievale, bello e da visitare, che conserva l’aspetto originario. Il nome del borgo nel medioevo fù dato dopo la distruzione del castello e unito successivamente a Narco, un nobile francese che possedette il luogo. La Patrona è Sant’Anatolia (significa l’Orientale) festeggiata il 9 luglio, è detta Callistene che sta per “la più bella”.

Commenti: 0

Inserisci Descrizione

Alcune Descrizioni sui Comuni Vicini

Scheggino descritta da fador Suggestivo lo spettacolo della Torre che troneggia tra il verde ...
Vallo di Nera descritta da fador Antico paese con le caratteristiche di un castello medievale, circondato ...
Spoleto descritta da mari3007 Piccola cittadina, ma non basta un giorno per vedere tutto ...
Poggiodomo descritta da fador Uno dei comuni più piccoli d’Italia e il più in ...
Campello sul Clitunno descritta da fador Il Comune è diviso in due nuclei abitati: Campello Alto, ...
12 Dicembre 2013 alle 08:43: Spello descritta da lapochka
18 Agosto 2013 alle 17:02: Spello descritta da sangiopanza
15 Luglio 2013 alle 16:40: Spello descritta da emanuelea
16 Novembre 2012 alle 22:39: Bevagna descritta da rofragio
14 Novembre 2012 alle 20:59: Assisi descritta da rofragio