Mazzarino descritta da lapochka

Città molto bella ed elegante con la sua piazza centrale e la Chiesa Madre con una statua rappresentande la testa del Vescovo che fece costruire la suddetta Chiesa.
Si può notare la testa in alto sopra il tetto dalla parte laterale in alto. A seguire nella strada principale un bel belvedere a ridosso della chiesa, dove si può ammirare gran parte del territorio di Caltanissetta.

Commenti: 0

Mazzarino descritta da emanuelea

Uno dei centri più interessanti del centro Sicilia. Esistono segni di vari popoli, dai sicani ai greci, dai romani agli arabi nonchè ai normanni. E’ stata dichiarata ” Città d’Arte” e fra i centri del Val di Noto patrimnio dell’Unesco.. Molto bello i ruderi del castello detto ” u Cannuni” per la sua forma cilindrica della torre esistente, simbolo della città.

Commenti: 0
10

Mazzarino descritta da Vitellaro Salvatore

Mazzarino è considerata Città d’arte per lo stile Barocco dei suoi monumenti.
Molto caratteristiche sono le sue Chiese da visitare e il Castello detto “Lu Cannuni”.
Particolare da visitare in contrada “Albanella” si trova una tenuta antica, sede oggi della forestale.

Commenti: 0

Inserisci Descrizione

Alcune Descrizioni sui Comuni Vicini

Barrafranca descritta da emanuelea Una bella cittadina situata in collina a metri 450 sul ...
Butera descritta da Vincenzo491 Butera ha origini antichissime risalenti all’età del bronzo, edificata sembra ...
Riesi descritta da salvatore pirrera Detta la Repubblica delle Pignatelle,durante la seconda guerra mondiale prima ...
Pietraperzia descritta da salvatore pirrera Pietraperzia nel suo territorio conserva ben 11 aree di interesse ...
San Cono descritta da Vincenzo491 Definità a ragione la Città del Ficodindia, vi si giunge ...
12 Agosto 2013 alle 21:53: Lipari descritta da sangiopanza
11 Agosto 2013 alle 12:42: Patti descritta da sangiopanza
9 Agosto 2013 alle 01:50: Capo d'Orlando descritta da sangiopanza
23 Luglio 2013 alle 16:40: Avola descritta da Michele Nardella
23 Luglio 2013 alle 16:40: Valguarnera Caropepe descritta da Michele Nardella