Parco del Cilento: “benvenuti al sud”.

Regole del forum
Se crei un nuovo argomento su un comune, metti all'inizio dell'oggetto il nome del comune tra parentesi quadrate, in modo da facilitarne l'individuazione.

Parco del Cilento: “benvenuti al sud”.

Messaggioda gianniB » dom 14 ago 2011 11:26

Chi non conosce il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano? Alla domanda non penso ci siano molte risposte positive, e questo non per un innato mio scetticismo, ma per considerazioni reali. Il misterioso parco ha iniziato una drammatica recessione anche dovuta alla crisi mondiale attuale delle risorse e delle finanze.
Ma cos’è il Parco del Cilento: Il Parco nazionale del Cilento e del vallo di Diano èstato istituito nel 1991, corrispondendo a 36.000 ettari interamente compresi nella provincia di Salerno. Successivi ampliamenti ne hanno portato la superficie a circa 180.000. Corrisponde oggi alla parte meridionale della provincia, compresa tra la piana del Sele a Nord, la Basilicata a Est e a Sud, e il mar Tirreno ad Ovest. Comprende, in tutto o in parte, i territori di 8 Comunità Montane e 80 Comuni. Dal 1998 Patrimonio dell’Umanità dell' Unesco (con i siti archeologici di Paestum e Velia e la Certosa di Padula), e dal 1997 è Riserva della Biosfera.
Quest’anno festeggia i 20 anni di istituzione e lo fa con un indice del 12% di turismo in meno. Turismo che non è quello del Parco Nazionale, è il turismo dei frequentatori usuali dei siti conosciuti per la propria storia. Parlo di Palinuro, Marina di Camerota, Paestum, Velia, Certosa di Padula, Grotte di Pertosa e Castelcivita e altri.
Forse quest’anno grazie a Naomi Campbell avremo qualche visitatore in più a motivo del suo matrimonio che si celebrerà nelle Grotte di Pertosa (dove è stato girato il film “il fantasma dell’opera” di Dario Argento) che sicuramente porterà turisti del gossip ..del turismo dei curiosi, di chi potrà dire“ci sono stato anch’io”. Già è successo con Castellabate (nel Parco del Cilento), set di “benvenuti al sud” dove il piccolo borgo salernitano è scoppiato per l’afflusso di curiosi giunti da tutt’Italia, anche con pullman organizzati, per vedere “di persona” i luoghi dove è stato girato il film di successo.
Ma questo non è il turismo che un Parco Nazionale dovrebbe utilizzare per le proprie statistiche, un Parco che si vanta di essere il più grande d’Italia, dovrebbe avere una programmazione e un’organizzazione capace di offrire un prodotto turistico appetibile.
Questo non avviene perché il Parco è una lenta macchina politica gestita da politici, che sanno fare solo politica e non la programmazione e lo sviluppo di un territorio. Cariche istituzionali aggiunte a quelle di sindaco, assessore, consigliere, presidente di comunità montana: prebende su prebende…
Qualche sindaco già si è ribellato chiedendo di uscire dal Parco e molti hanno sottoscritto e realizzato referendum comunali per abbandonare la regione Campania e far parte del progetto di una ipotetica nuova regione Salerno-Lucana.
Sono nato nel cuore del Cilento e quando 20 anni fa il territorio è diventato Parco pensavo ad una nuova era capace di rendere meno evidente quel divario, quello step di cui era vittima il territorio per le ataviche vicissitudini storico-politiche, ma queste speranze sono rimaste inattese.
Girare per il Parco è per il turista problematico. Indicazioni carenti: solo qualche cartellone marrone che ricorda di essere nel parco, strade che spesso sono mulattiere, bellezze naturali nascoste e non pubblicizzate, trasporti fantasma. Fino all’anno scorso c’era un minibus scoperto che effettuava un tour per alcuni paesi: il taglio dei finanziamenti lo ha soppresso.
Il ruolo del Parco ormai, come lamenta qualche sindaco, è solo quello di applicare norme restrittive sul piano urbanistico per lo sviluppo dei comuni favorendo un abusivismo edilizio sfrenato, vista anche l’assoluta incapacità di sorvegliare il territorio.
L’incapacità di gestire e sorvegliare il territorio così ampio lo nota chi visita il Parco trovando spesso rifiuti e discariche negli angoli più disparati, ricordando così la cronica situazione del capoluogo napoletano che di per sé già penalizza il turismo regionale. Non parliamo poi dei sentieri: chi pratica trekking non sceglie questo territorio per la mancanza di tracciature e di mappe adeguate, e quei pochi esistenti sono ormai coperti da vegetazione e non ci sono più segnali e indicazioni, abbandonati e privi di servizi informativi.
Le eccellenze del Parco non vengono pubblicizzate, i territori non vengono promossi nelle apposite sedi espositive del turismo. I tour operator non hanno pacchetti da offrire e non sanno spesso nemmeno dell’esistenza del Parco.
Ricordo negli anni passati che per chi si recava a Palinuro c’era un treno gratis (nominato il "Palinuro"), raccoglieva i turisti dal nord Italia e gratuitamente li portava nella perla della costa cilentana. Ma anche questo è solo un ricordo. Allo stesso modo l’aeroporto Salerno Costa d’Amalfi non è mai stato un ricordo, perché ancora deve partire come strumento di mobilitazione turistica. Anche l’aeroporto subisce la cattiva gestione degli organismi politici, interessati più al ricoprire cariche e poltrone che preoccuparsi della funzionalità e programmazione della struttura.
Mancando una programmazione coordinata, praticamente ognuno fa da sé cercando di sviluppare un microturismo comunale sfruttando le proprie bellezze e organizzando eventi capaci di attirare come il jazz a Laurino o la sagra del fagiolo di Controne.
Un peccato, davvero un peccato non saper cogliere l’importanza di un territorio che ha portato lo slow food e la dieta mediterranea in tutto il mondo, partendo da qui dal Cilento con uomini di valore come il compianto sindaco di Pollica-Acciaroli Angelo Villani. Una dieta che è fatta dai prodotti cilentani, prodotti che potrebbero essere un motore turistico non indifferente, ma che non viene utilizzato adeguatamente come l’olio extravergine dop, il fico bianco del cilento dop, il fagiolo di Controne, il vino cilentano doc.
Allora “benvenuti al sud” benvenuti a tutti coloro che aldilà delle inadempienze politiche vorranno visitare questo stupendo territorio ricco di tradizioni, di bellezze naturali, di storia, di prodotti genuini.
...fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce...
:japan:
Avatar utente
gianniB
DescEditor
 
Messaggi: 1240
Iscritto il: mer 08 ott 2008 08:10

Messaggioda Mariantonietta S » lun 26 mar 2012 18:56

Concordo con quanto redatto da Gianni, concordo anche perchè ho deciso con mio marito di viverci e lo sto frequentando di più, da settembre, rispetto al passato.
Avatar utente
Mariantonietta S
Utente Junior
 
Messaggi: 26
Iscritto il: sab 24 mar 2012 01:03

Grazie a Mariantonietta

Messaggioda gianniB » lun 26 mar 2012 21:23

...grazie, purtroppo le cose continuano a degenerare nel parco viste anche le continue riduzioni di fondi che si stanno attuando, guardie idraulico-forestali disoccupate, stagione estiva che si andrà delineando all'insegna dell'improvvisazione, senza programmi di tutela contro gli incendi che già cominciano a verificarsi e siamo appena a marzo... :furious:
...fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce...
:japan:
Avatar utente
gianniB
DescEditor
 
Messaggi: 1240
Iscritto il: mer 08 ott 2008 08:10

Messaggioda Mariantonietta S » lun 26 mar 2012 23:19

gianniB ha scritto:...grazie, purtroppo le cose continuano a degenerare nel parco viste anche le continue riduzioni di fondi che si stanno attuando, guardie idraulico-forestali disoccupate, stagione estiva che si andrà delineando all'insegna dell'improvvisazione, senza programmi di tutela contro gli incendi che già cominciano a verificarsi e siamo appena a marzo... :furious:


Ho avuto contatti frequenti con due ragazze con marito e fidanzato nel settore, sai...
Non credo sia questione solo di denaro, però. Non parlo, in dettaglio, delle guardie forestali, per carità.
Parlo di soldi che arrivano e che son mal gestiti.
E di una informazione parcellizzata e carente. E con manie di protagonismo.
Sono stata molto colpita da queste vicissitudini...eppure alla mia età poche cose dovrebbero scandalizzarmi, soprattutto perchè faccio la giornalista. Ma la "indignatio" mi appartiene più ora di quando vivevo in città.
Sto facendo ( con la collaborazione di mio marito) il possibile per dare una mano al territorio.Per interpretare questa zolla di salernitano senza nascondere i disastri e valorizzando le bellezze poco note.
Venerdì incontro il sindaco di Controne, sabato quello di Laurino.Entrambi per una intervista da collocare nel mio format culturale ( format per il quale mi son cercata gli sponsor con testardaggine).
Spero di conoscere due amministratori adeguati al ruolo che rivestono.
Avatar utente
Mariantonietta S
Utente Junior
 
Messaggi: 26
Iscritto il: sab 24 mar 2012 01:03

Cilento: un mare di paesini

Messaggioda chiarasensi » mer 16 gen 2013 17:19

Oltre alla costa e ai luoghi piú famosi come le grotte di Pertosa, in ogni caso, ci sono tanti bei paesini da scoprire nelle aree piú interne del Parco del Cilento.

Ad esempio, qualche estate fa ho scoperto questo piccolo paesino - Piano Vetrale (una frazione di Orria).
Ormai ci vivono poche persone, ma gli abitanti riescono ancora a farlo rivivere con qualche manifestazione.
In particolare, il paese é famoso per i graffiti che vengono dipinti sulle facciate delle case.... un posto davvero da scoprire!

http://www.comune.orria.sa.it/piano_vetrale.html
Avatar utente
chiarasensi
Novizio
 
Messaggi: 5
Iscritto il: gio 10 gen 2013 16:51

Messaggioda Mariantonietta S » sab 18 gen 2014 13:17

chiarasensi ha scritto:Oltre alla costa e ai luoghi piú famosi come le grotte di Pertosa, in ogni caso, ci sono tanti bei paesini da scoprire nelle aree piú interne del Parco del Cilento.

E' vero Chiara, e mi fa piacere tu abbia avuto modo di visitare questi luoghi.

Ad esempio, qualche estate fa ho scoperto questo piccolo paesino - Piano Vetrale (una frazione di Orria).
Ormai ci vivono poche persone, ma gli abitanti riescono ancora a farlo rivivere con qualche manifestazione.

Per inciso, :-) pochi mesi or sono vi è stata fatta una manifestazione in onore di un pittore nativo del paese e attivo in molti corti europee del 1700.


In particolare, il paese é famoso per i graffiti che vengono dipinti sulle facciate delle case.... un posto davvero da scoprire!

:fischio: :fischio: ..e non solo Piano Vetrale!!

http://www.comune.orria.sa.it/piano_vetrale.html
Avatar utente
Mariantonietta S
Utente Junior
 
Messaggi: 26
Iscritto il: sab 24 mar 2012 01:03

Messaggioda Macmamauri » sab 18 gen 2014 18:21

E se qualcun volesse passare un paio di giorni, diciamo nel mese di luglio, per scoprire questa regione, dove potrebbe andare?
Il paradiso non é un luogo da raggiungere, ma una condizione da vivere!
Solo quelli che sono così folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero"
Avatar utente
Macmamauri
Utente Senior
 
Messaggi: 17426
Iscritto il: ven 24 ott 2008 20:04

A spasso nel Cilento e Vallo di Diano

Messaggioda Mariantonietta S » sab 18 gen 2014 20:15

Tramite la A3 raggiungere la mitica Certosa di Padula e poi muoversi verso Teggiano, cittadella monastica con una cattedrale bella bella, o tramite il Passo di Corticato nell'interno; c'è l'imbarazzo della scelta: da non perdere Roscigno, la "Pompei del '900".
Immagine
Avatar utente
Mariantonietta S
Utente Junior
 
Messaggi: 26
Iscritto il: sab 24 mar 2012 01:03

Messaggioda Macmamauri » dom 19 gen 2014 12:51

Annotato. Verificheremo se si mangia davvero bene come dice Gianni. Per gli inconvenienti che segnala, dalle discariche diffuse, ai sentieri inagibili, abbiamo già l'esperienza calabrese all'attivo, per cui, niente può sorprenderci >:-(
Il paradiso non é un luogo da raggiungere, ma una condizione da vivere!
Solo quelli che sono così folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero"
Avatar utente
Macmamauri
Utente Senior
 
Messaggi: 17426
Iscritto il: ven 24 ott 2008 20:04


Torna a Campania

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti