[Sant'Anastasia] Il romanzo "I falò nel bosco" della Buccarelli al London Park

Regole del forum
Se crei un nuovo argomento su un comune, metti all'inizio dell'oggetto il nome del comune tra parentesi quadrate, in modo da facilitarne l'individuazione.

[Sant'Anastasia] Il romanzo "I falò nel bosco" della Buccarelli al London Park

Messaggioda CLA » dom 27 feb 2022 12:38

Giovedì prossimo 3 marzo alle ore 18.00 si presentarà a Sant’Anastasia (Na) il romanzo storico di Cristiana Buccarelli “I falò nel bosco” (IOD edizioni), nella rassegna “Il London Park Letterario”, ideata e condotta da Giuseppe Vetromile con la collaborazione del London Park Pub Birreria, sede degli incontri, e dell’Associazione Arte e Saperi di Rita Pacilio. .
L’autrice dialogherà con il poeta, scrittore e critico letterario Giuseppe Vetromile e l’attrice Melania Mollo, che coadiuva nella rassegna, leggerà alcuni brani.

<<Fulvia, il mio personaggio - dice Cristiana Buccarelli-, è una guaritrice che cura con le erbe; si tratta di una donna complessa e densa di vitalità emotiva, che vive nella Tuscia tra il Cinquecento e Seicento, e fa suo desiderio di molteplici esperienze spirituali in varie direzioni: dall’esplorazione della natura, alla conoscenza della parola scritta, alla sperimentazione dell’amore. La sua esistenza viene travolta da una vicenda apocalittica in cui rischierà la vita, sarà infatti accusata di stregoneria e verrà interrogata dal Sant’Uffizio, ciononostante riuscirà a salvarsi e a rinascere, e, infine, saprà di aver trovato la sua ragion d’essere e di avere vissuto pienamente il suo tempo e il suo destino>>.
<<Ho voluto costruire questa vicenda immaginaria, dandole una forma fortemente umana e radicata - continua l’autrice - io credo che, anche quando si affrontano degli eventi immaginati o realmente accaduti in altre epoche storiche, attraverso la scrittura in senso narrativo, ci sia sempre un microcosmo che si crea, cioè un elemento intimo dei personaggi, sia quelli realmente vissuti, sia quelli inventati, che prevale su tutto e li caratterizza, restando sempre il fulcro della storia. In questo caso si tratta di un romanzo ad ambientazione storica che ha una prospettiva femminile. Per quanto riguarda i luoghi in cui ho ambientato il romanzo, prevale su tutti quello del bosco come luogo mistico e interiore… Il bosco come luogo che permette una connessione profonda con la natura e la sua sacralità e con una parte di sé stessi.
Non a caso il frontespizio del romanzo è una frase di Mario Rigoni Stern ‘Per me preghiera è stare in silenzio nel bosco’
Inoltre al centro della narrazione c’è un antico culto pagano dedicato a Diana e alla luna di cui non anticipo nulla…>>

Cristiana Buccarelli è una scrittrice di Vibo Valentia e vive a Napoli.
È dottore di ricerca in Storia del diritto romano. Ha vinto nel 2012 la XXXVIII edizione del Premio internazionale di Poesia e letteratura ‘Nuove lettere’ presso l’Istituto italiano di cultura di Napoli.
Conduce annualmente laboratori e stage di scrittura narrativa.
Ha pubblicato la raccolta di racconti Gli spazi invisibili (La Quercia editore) nel 2015, il romanzo Il punto Zenit (La Quercia editore) nel 2017 ed Eco del Mediterraneo (IOD Edizioni) nel 2019, presentati tutti in edizioni diverse al Festival di letteratura italiana Leggere&Scrivere.
Con il libro Eco del Mediterraneo (IOD Edizioni) ha vinto per la narrativa la V edizione del Premio Melissa Cultura 2020 e la IV edizione Premio Internazionale Castrovillari Città Cultura 2020.
Nel 2020 è stata pubblicata a sua cura la raccolta Sguardo parola e mito (IOD Edizioni).
Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo storico I falò nel bosco (IOD Edizioni), presentato all'interno di Vibo Valentia Capitale italiana del libro 2021 al Festival di letteratura italiana Leggere&Scrivere.
Avatar utente
CLA
Utente
 
Messaggi: 120
Iscritto il: dom 02 nov 2008 20:48

Torna a Campania

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron