Lo sapevate che ... ci sono i referendum?

Punto di incontro della comunità: pensieri, riflessioni, passatempi, discussioni a tema libero

Moderatore: Justinawind

Messaggioda Salvaa53 » mer 08 giu 2011 14:54

[Ma di che stiamo a parlare? Leggiamo quel che succede con l'attuale gestione: un esempio su http://www.iltempo.it/lazio_nord/2011/0 ... rica.shtml :? E sui costi? http://www.soldiblog.it/post/1103/la-bo ... qua-salata
Vogliamo parlare di libero mercato e concorrenza? Cose che vadano a favore del servizio reso ai cittadini ed alla qualità di ciò che dovremmo ricevere ?


Ho l'impressione che con tutti i siti sull'acqua su cui vai sbirciando, stai facendo sin troppa confusione e al riguardo per il prossimo referendum non ho capito ancora le tue intenzioni.
Avatar utente
Salvaa53
Utente
 
Messaggi: 53
Iscritto il: ven 13 nov 2009 10:38

Messaggioda dous » mer 08 giu 2011 15:07

Salvaa53 ha scritto:Ho l'impressione che con tutti i siti sull'acqua su cui vai sbirciando, stai facendo sin troppa confusione e al riguardo per il prossimo referendum non ho capito ancora le tue intenzioni.

Questo è un forum su cui si discute su dei temi. E la mia intenzione è quella di approfondire queste questioni che ritengo siano importanti per tutti. :-)
Avatar utente
dous
Utente Qualificato
 
Messaggi: 20284
Iscritto il: lun 03 nov 2008 17:01
Località: Roma

Messaggioda Salvaa53 » mer 08 giu 2011 15:30

Dous ha scritto:Questo è un forum su cui si discute su dei temi. E la mia intenzione è quella di approfondire queste questioni che ritengo siano importanti per tutti. :-)



[SNIP]
Appunto,il tema è il referendum sull'acqua,penso che sia riferito nel contesto della domanda sulla quale il cittadino dovrà fare la sua scelta nelle varie opzioni che riguardano il pubblico con il privato, ma se incominciamo a preoccuparci sulle origini storiche e manutenzioni degli acquedotti romani, allora è meglio lasciar perdere.
Ultima modifica di Justinawind il mer 08 giu 2011 15:33, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Non sono ammessi attacchi personali
Avatar utente
Salvaa53
Utente
 
Messaggi: 53
Iscritto il: ven 13 nov 2009 10:38

Messaggioda Justinawind » mer 08 giu 2011 15:31

Salvaa53 ha scritto:Ho l'impressione che con tutti i siti sull'acqua su cui vai sbirciando, stai facendo sin troppa confusione e al riguardo per il prossimo referendum non ho capito ancora le tue intenzioni.

Dous sta facendo ottimo servizio informandoci anche sull'attuale gestione della rete idrica.
Avatar utente
Justinawind
Moderatore
 
Messaggi: 40305
Iscritto il: mar 10 feb 2009 18:09
Località: Rieti

Messaggioda dous » mer 08 giu 2011 15:41

Salvaa53 ha scritto:
Dous ha scritto:Questo è un forum su cui si discute su dei temi. E la mia intenzione è quella di approfondire queste questioni che ritengo siano importanti per tutti. :-)



[SNIP]
Appunto,il tema è il referendum sull'acqua,penso che sia riferito nel contesto della domanda sulla quale il cittadino dovrà fare la sua scelta nelle varie opzioni che riguardano il pubblico con il privato, ma se incominciamo a preoccuparci sulle origini storiche e manutenzioni degli acquedotti romani, allora è meglio lasciar perdere.

Tema dei referendum è riportato nel riepilogativo iniziale del 3d: non l'acqua e la sua proprietà bensì la sua distribuzione, se possa essere oggetto di privatizzazione o debba restare pubblica. :-)
Avatar utente
dous
Utente Qualificato
 
Messaggi: 20284
Iscritto il: lun 03 nov 2008 17:01
Località: Roma

Messaggioda Massimo Di Bello » mer 08 giu 2011 15:55

Il problema sull'acqua non è tanto pubblico/privato ma quali sono le regole che sia le municipalizzate sia eventuali gestori privati devono rispettare

dire che ai gestori spetta recuperare tutti i costi che fanno, più un reddito garantito,
non assicura che il privato si impegni a rendere il sistema più efficiente e il più economico,
anzi, si ha l'effetto contrario,
potrebbe spendere tutto quello che vuole per effettuare i lavori di manuntenzione (magari facendoli fare ad altre aziende amiche),
tanto più spende, più può chiedere agli utenti sulla bolletta

a solo titolo di esempio, sarebbe diverso se si effettuassero gare, dicendo, oggi gli utenti spendono 100 per l'acqua,
vince la gara chi offre un prezzo più basso per gli utenti
poi sta all'azienda rendere la gestione dell'acqua il più efficiente possibile in modo che se anche fa pagare 90, lui su quello riesce a guadagnare 10, 20 ma anche 50, a quel punto è l'azienda che ha tutto l'interesse a rendere il tutto più funzionale
poi si potrebbe impostare parametri minimi come il livello di efficienza della distribuzione, il livello di servizio agli utenti, il livello di qualità dell'acqua etc.
non è detto che bisogna solo considerare il prezzo più basso,
così potrebbe avere senso, in alcuni casi, dare la concessione ai privati
mentre è insensato dire, spendi quello che vuoi, tanto puoi mettere sulla bolletta tutto e IN PIU' ci puoi mettere il 7% di reddito sopra,
più i costi sono alti , più io azienda ci guadagno

inoltre non si capisce perché se la gestione è data ad una municipalizzata, questa deve PER FORZA far entrare un privato nell'azienda,
magari ci sono tante municipalizzate che già oggi funzionano più che bene, e per legge bisogna imporre che una parte va ceduta ai privati???

Se non si fosse capito, io voto due sì
(o meglio, quattro sì in totale)
;-)
:arrow: Iscriviti a Dizy! La piattaforma con i contest fotografici.

Fatti non foste a viver come bruti, / ma per seguir virtute e canoscenza. Dante Alighieri
Avatar utente
Massimo Di Bello
Redazione
Redazione
 
Messaggi: 18472
Iscritto il: mar 07 ago 2007 15:04

Messaggioda Macmamauri » mer 08 giu 2011 16:12

Massimo Di Bello ha scritto:non assicura che il privato si impegni a rendere il sistema più efficiente e il più economico,
...
;-)

:ok: :ok: :ok:
Credo che dous si dia la risposta da solo:
autostrade: regalate a Benetton in cambio di investimenti: dopo 10 anni, manca il 70% degli investimenti stipulati, ma gli aumenti vanno a ritmo sostenuto
Ferrovie: tutto permesso ai privati della tav, ma i pendolari continuano a viaggiare in piedi in qualcosa che assomiglia a carri bestiame
Telecom: Tronchetti Provera si é ritagliato dei bonus fovolosi, ma la telecom continua a esercitare un semi.monopolio e la banda larga deve finanziarla lo stato
Elettricita: Sono nate nuove company che promettono ribassi, ma dove la bolletta é spesso un 10% più salata.
Alitalia: paghiamo e pagheremo per averla privatizzata, ma qualcuno i profitti li ha già incamerati...
Adesso ci privatizzano le spiagge, prossimamente privatizzeremo isole intere, poi i laghi e anche il Colosseo.
A me sembra che in Italia più che di privatizzazioni si possa parlare di scambio di favori tra membri della casta (che gira e rigira sono sempre i soliti: imprenditori che dividono rischi e perdite, ma incamerano benefici).
Il paradiso non é un luogo da raggiungere, ma una condizione da vivere!
Solo quelli che sono così folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero"
Avatar utente
Macmamauri
Utente Senior
 
Messaggi: 17426
Iscritto il: ven 24 ott 2008 20:04

Messaggioda dous » mer 08 giu 2011 16:39

Macmamauri ha scritto: :ok: :ok: :ok:
Credo che dous si dia la risposta da solo:

Beh perchè allora non proponiamo un referendum per far tornare pubblico ciò che è stato malamente privatizzato allora? 8)
Una bella revolution insomma... :fischio:
Credo poi che la casta annoveri tante leve, pubbliche e private, senza distinzioni. :-)
Avatar utente
dous
Utente Qualificato
 
Messaggi: 20284
Iscritto il: lun 03 nov 2008 17:01
Località: Roma

Messaggioda Macmamauri » mer 08 giu 2011 18:07

:ok: ;-)
Il paradiso non é un luogo da raggiungere, ma una condizione da vivere!
Solo quelli che sono così folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero"
Avatar utente
Macmamauri
Utente Senior
 
Messaggi: 17426
Iscritto il: ven 24 ott 2008 20:04

Messaggioda Justinawind » mer 08 giu 2011 18:08

L'idea della privatizzazione era partita da qui:
http://www.senato.it/service/PDF/PDFSer ... 215756.pdf

Interessanti i firmatari della legge... ma sappiamo bene che il punto del vista dipende - se si sta al governo, o nell'opposizione :jfs2: :jfs2: :jfs2:
Avatar utente
Justinawind
Moderatore
 
Messaggi: 40305
Iscritto il: mar 10 feb 2009 18:09
Località: Rieti

Messaggioda dous » mer 08 giu 2011 22:46

Justinawind ha scritto:Interessanti i firmatari della legge... ma sappiamo bene che il punto del vista dipende - se si sta al governo, o nell'opposizione :jfs2: :jfs2: :jfs2:

:doh:
Avatar utente
dous
Utente Qualificato
 
Messaggi: 20284
Iscritto il: lun 03 nov 2008 17:01
Località: Roma

Messaggioda Mizar » gio 09 giu 2011 00:13

dous ha scritto:dici? hai mai provato a privare la gente delle linee telefoniche, elettriche, del gas, del transito autostradale e ferroviario? ;-)

Stai cercando di farmi credere che quelle che hai elencato siano necessità primarie? No perché, se è questo lo scopo

Assemblea Generale delle Nazioni Unite Risoluzione A/64/L.63/Rev.1
[...]
Dichiara il diritto all'acqua potabile e sicura ed ai servizi igienici un diritto umano essenziale al pieno godimento della vita e di tutti i diritti umani


http://www.contrattoacqua.it/public/up/ ... %20ONU.pdf

dous ha scritto:Qui nessuno vuol privare le persone di un bene sì fondamentale, semmai garantirgli che non vada sprecato, che venga valorizzato attraverso una gestione che solo con l'ingresso di investimenti privati sarebbe possibile rilanciare davvero.

Quindi un privato, solo in quanto tale, dovrebbe darmi la garanzia che un bene come l'acqua non andrà sprecato... fosse così sarebbe molto bello, ma purtroppo non lo è, ed è sotto gli occhi di tutti noi.

dous ha scritto:
Mizar ha scritto:
dous ha scritto:La loro gestione può essere più efficiente se si instaura un regime di mercato e concorrenza al pari di altre reti distributive?
Forse si.

Trattandosi di acqua, con tutto quello che significa, non mi accontento di un "forse si", perché ad esso corrisponde un "forse no"

Da cosa proviene l'incertezza?

Dal tuo forse. Tutto significa, tranne che certezza

Mizar ha scritto:L'interesse nel migliorare la produzione e l'efficacia dei sistemi di distribuzione sono certo che non manca neanche a tanti bravi dipendenti statali: il punto è che non si fanno le nozze coi fichi secchi ed occorrono investimenti e professionalità che le aziende detengono anche a scala sovranazionale (penso ad esempio ad Enel Spa) :-)

La stessa che spinge perché il programma di attuazione del nucleare non sia bloccato e che fa le pubblicità con tante belle pale eoliche ed attiva le centrali a carbone? Lo so che è solo un esempio... ma pessimo a mio modesto parere
Steppa distesa accoglimi in te senza guardare se io piangerò...

https://www.facebook.com/notes/andrea-baio/caro-grillo-a-fanculo-stavolta-ti-ci-mando-io/10151369651885920

MzЯ
Avatar utente
Mizar
Utente Qualificato
 
Messaggi: 2416
Iscritto il: dom 25 ott 2009 16:12
Località: Matera

Messaggioda Justinawind » gio 09 giu 2011 00:37

Mizar ha scritto:Stai cercando di farmi credere che quelle che hai elencato siano necessità primarie? No perché, se è questo lo scopo
Assemblea Generale delle Nazioni Unite Risoluzione A/64/L.63/Rev.1
[...]
Dichiara il diritto all'acqua potabile e sicura ed ai servizi igienici un diritto umano essenziale al pieno godimento della vita e di tutti i diritti umani


http://www.contrattoacqua.it/public/up/ ... %20ONU.pdf

Tale diritto è garantito dall'acqua nelle fontanelle pubbliche.
In pratica non paghi l'acqua, ma la comodità di averla a casa, a portata di mano.

Come con autostrada - vuoi viaggiare comodo e veloce, la usi e paghi, non vuoi, usi le strade gratuite e scomode.

Inoltre vorrei farti presente che anche energia elettrica per alcuni è una necessità primaria - chi è attaccato ai macchinari salvavita a casa, per lui mancanza di energia vuol dire morire.
E a proposito di salvavita - ossigeno che respiriamo è gratis... ma se ti serve per un malato, e lo prendi in farmacia, diventa una merce che si paga.
Avatar utente
Justinawind
Moderatore
 
Messaggi: 40305
Iscritto il: mar 10 feb 2009 18:09
Località: Rieti

Messaggioda Mizar » gio 09 giu 2011 01:02

Justinawind ha scritto:Tale diritto è garantito dall'acqua nelle fontanelle pubbliche.
In pratica non paghi l'acqua, ma la comodità di averla a casa, a portata di mano.


Oddio.. il mio diritto all'acqua potabile e sicura ed ai servizi igienici inteso come un diritto umano essenziale al pieno godimento della vita e di tutti i diritti umani è assicurato dalle fontanelle pubbliche?
Che tristezza se fosse davvero così...


Justinawind ha scritto:Come con autostrada - vuoi viaggiare comodo e veloce, la usi e paghi, non vuoi, usi le strade gratuite e scomode.


Viaggiare non è un diritto umano essenziale

Justinawind ha scritto:Inoltre vorrei farti presente che anche energia elettrica per alcuni è una necessità primaria - chi è attaccato ai macchinari salvavita a casa, per lui mancanza di energia vuol dire morire.
E a proposito di salvavita - ossigeno che respiriamo è gratis... ma se ti serve per un malato, e lo prendi in farmacia, diventa una merce che si paga.


Il diritto all'acqua potabile e sicura ed ai servizi igienici è un diritto umano essenziale al pieno godimento della vita e di tutti i diritti umani

E sottolineo ancora, essenziale al pieno godimento di tutti gli altri diritti umani. Non sono io a dirlo, ma una risoluzione dell'ONU

Ovviamente non ho più intenzione di rispondere ad altri tentativi di far passare come diritti umani essenziali l'usufruibilità delle autostrade, delle linee telefoniche, dell'energia elettrica (inutile far retorica e tirar fuori casi limite quando parliamo della totalità della popolazione) e la reperibilità dei Mc Donald's sul territorio nazionale
Steppa distesa accoglimi in te senza guardare se io piangerò...

https://www.facebook.com/notes/andrea-baio/caro-grillo-a-fanculo-stavolta-ti-ci-mando-io/10151369651885920

MzЯ
Avatar utente
Mizar
Utente Qualificato
 
Messaggi: 2416
Iscritto il: dom 25 ott 2009 16:12
Località: Matera

Messaggioda dous » gio 09 giu 2011 10:50

una risposta :-)
Mizar ha scritto:Stai cercando di farmi credere che quelle che hai elencato siano necessità primarie? No perché, se è questo lo scopo

No, sto facendo un esempio di come molti di noi considerano altrettanto importante e vitale altri servizi che sono stati privatizzati e funzionano (pur con le dovute critiche riguardanti soprattutto il caso delle autostrade e delle ferrovie). Naturalmente come sai la nostra latitudine ci distanzia un pò dalle zone per le quali l'ONU aveva pensato quella risoluzione, riferendosi soprattutto a nazioni in cui il diritto di accedere al servizio idrico non è garantito in alcun modo.
Qui secondo questo criterio dovremmo infatti pensare che i servizi igienici non lo siano ad esempio, visto che almeno qui a Roma non vedo frequentemente (anzi mai) i bagni pubblici, il cui servizio è stato semplicemente delegato agli esercizi pubblici come ad es. i bar (e pochi di loro ti fanno accedere come ben sai senza che consumi...) :fischio:
Dire poi che attualmente l'acqua sicura sia cosa garantita non è perfettamente vero visto che si potrebbe disquisire sul grado di sicurezza e qualità dell'acqua, visti i recenti casi di cronaca, gli inquinamenti della falda acquifera, la percentuale di cloro contenuta in ciò che beviamo...
Avatar utente
dous
Utente Qualificato
 
Messaggi: 20284
Iscritto il: lun 03 nov 2008 17:01
Località: Roma

PrecedenteProssimo

Torna a La Piazzetta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite