Appello per la Siria

Punto di incontro della comunità: pensieri, riflessioni, passatempi, discussioni a tema libero

Moderatore: Justinawind

Appello per la Siria

Messaggioda graziam » mer 04 lug 2012 13:46

Non ci lasciano giocare… in Siria

La repressione da parte del regime è in corso da anni, ma ha attualmente assunto i caratteri di una ferocia inimmaginabile prendendo di mira i bambini e le bambine che non muoiono soltanto a causa dei bombardamenti o come vittime casuali di attentati, ma vengono arrestati arbitrariamente con l’accusa precisa di avere pronunciato parole contro il dittatore.

In quanto dissidenti o figli e figlie di dissidenti, queste creature vengono torturate, stuprate, usate come scudi umani, sgozzate. I loro corpi straziati sono esposti pubblicamente, secondo una strategia che ha per obiettivo quello di piegare l’opposizione violando quanto di più sacro e profondo ci sia negli gli esseri umani, l’amore e l’istinto di protezione per i più piccoli e le più piccole. Queste modalità non hanno precedenti nella storia delle dittature.

Radhika Coomaraswamy, il rappresentante speciale dell’ONU per i bambini e le bambine nei conflitti armati, ha dichiarato «L’uccisione e il ferimento di bambini durante gli scontri armati avviene in molti conflitti, ma la tortura di bambini in prigione, bambini di dieci anni, è qualcosa di straordinario, che non abbiamo visto prima in altri luoghi».

Ci rendiamo conto che la crisi siriana è estremamente complessa e si sviluppa su molti livelli, toccando interessi internazionali e relazioni di equilibrio nello scacchiere politico mondiale. Chi appoggia chi? Chi tollera e non denuncia? Chi aspetta il momento più conveniente?

In questo contesto percepiamo un senso di impotenza che fa sembrare inutile ogni condanna, ogni denuncia, ogni gesto di ribellione.

Siamo però di fronte a una situazione inaccettabile, non possiamo restare a guardare senza denunciare, senza dichiarare pubblicamente la nostra indignazione.

Consapevoli del fatto che la nostra accorata condanna, nel tuonare devastante di questa assurda guerra, è solo una debole voce, chiediamo a tutte e a tutti una parola, un gesto, un pensiero solidali per moltiplicarne la forza e renderla un immenso gesto collettivo di denuncia contro chi pianifica questo orrore, chi lo appoggia, chi acconsente, chi tace.

Per questo vi invitiamo da venerdì 6 luglio

- a portare al polso in segno di lutto per l’uccisione dei bambini un nastro bianco su cui scrivere

LIBERI DI GIOCARE IN SIRIA LIBERA

- a informare, sensibilizzare e coinvolgere il maggior numero di persone diffondendo questa iniziativa con lettere, mail, sms, comunicati rivolgendoci anche alle donne e agli uomini delle istituzioni perché si facciano interpreti della nostra condanna.

:ciao:
Allegati
APPELLO PER LA SIRIA, liberi di giocare in Siria libera copy (Custom).jpg
Avatar utente
graziam
Utente Qualificato
 
Messaggi: 57
Iscritto il: dom 06 dic 2009 15:42

Messaggioda greenland » mer 04 lug 2012 14:29

graziam ha scritto:Non ci lasciano giocare… in Siria

La repressione da parte del regime è in corso da anni, ma ha attualmente assunto i caratteri di una ferocia inimmaginabile prendendo di mira i bambini e le bambine che non muoiono soltanto a causa dei bombardamenti o come vittime casuali di attentati, ma vengono arrestati arbitrariamente con l’accusa precisa di avere pronunciato parole contro il dittatore.

In quanto dissidenti o figli e figlie di dissidenti, queste creature vengono torturate, stuprate, usate come scudi umani, sgozzate. I loro corpi straziati sono esposti pubblicamente, secondo una strategia che ha per obiettivo quello di piegare l’opposizione violando quanto di più sacro e profondo ci sia negli gli esseri umani, l’amore e l’istinto di protezione per i più piccoli e le più piccole. Queste modalità non hanno precedenti nella storia delle dittature.

Radhika Coomaraswamy, il rappresentante speciale dell’ONU per i bambini e le bambine nei conflitti armati, ha dichiarato «L’uccisione e il ferimento di bambini durante gli scontri armati avviene in molti conflitti, ma la tortura di bambini in prigione, bambini di dieci anni, è qualcosa di straordinario, che non abbiamo visto prima in altri luoghi».

Ci rendiamo conto che la crisi siriana è estremamente complessa e si sviluppa su molti livelli, toccando interessi internazionali e relazioni di equilibrio nello scacchiere politico mondiale. Chi appoggia chi? Chi tollera e non denuncia? Chi aspetta il momento più conveniente?

In questo contesto percepiamo un senso di impotenza che fa sembrare inutile ogni condanna, ogni denuncia, ogni gesto di ribellione.

Siamo però di fronte a una situazione inaccettabile, non possiamo restare a guardare senza denunciare, senza dichiarare pubblicamente la nostra indignazione.

Consapevoli del fatto che la nostra accorata condanna, nel tuonare devastante di questa assurda guerra, è solo una debole voce, chiediamo a tutte e a tutti una parola, un gesto, un pensiero solidali per moltiplicarne la forza e renderla un immenso gesto collettivo di denuncia contro chi pianifica questo orrore, chi lo appoggia, chi acconsente, chi tace.

Per questo vi invitiamo da venerdì 6 luglio

- a portare al polso in segno di lutto per l’uccisione dei bambini un nastro bianco su cui scrivere

LIBERI DI GIOCARE IN SIRIA LIBERA

- a informare, sensibilizzare e coinvolgere il maggior numero di persone diffondendo questa iniziativa con lettere, mail, sms, comunicati rivolgendoci anche alle donne e agli uomini delle istituzioni perché si facciano interpreti della nostra condanna.

:ciao:

:ok:
Gli uomini passano, le idee restano. ... Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.(G.Falcone)


flickr

gallery 2012
Avatar utente
greenland
Utente Senior
 
Messaggi: 4285
Iscritto il: ven 14 nov 2008 18:37

Messaggioda Mizar » mer 04 lug 2012 20:24

E' una di quelle cose si finiscono per ignorare nella frenesia del nostro quotidiano, e quando tornano agli occhi non posso fare a meno di provare un senso di vergogna, e di colpevole impotenza...

Bella iniziativa comunque Grazia
Steppa distesa accoglimi in te senza guardare se io piangerò...

https://www.facebook.com/notes/andrea-baio/caro-grillo-a-fanculo-stavolta-ti-ci-mando-io/10151369651885920

MzЯ
Avatar utente
Mizar
Utente Qualificato
 
Messaggi: 2416
Iscritto il: dom 25 ott 2009 15:12
Località: Matera

Messaggioda Macmamauri » gio 05 lug 2012 05:04

:scratch: esportiamo anche in Siria la nostra democrazia! :saint:
Il paradiso non é un luogo da raggiungere, ma una condizione da vivere!
Solo quelli che sono così folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero"
Avatar utente
Macmamauri
Utente Senior
 
Messaggi: 17426
Iscritto il: ven 24 ott 2008 19:04


Torna a La Piazzetta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron