Progetto Teatri

Dove discutere sull'organizzazione del wiki

Moderatore: Luciano Salvati

Messaggioda Diana Cocco » ven 15 gen 2010 15:31

ciao Luciano, "the best"
ok
mi informerò
e ti farò sapere

mio figlio ne ha inserite di bellissime (l'interno del teatro) su fb
ma sono dal cellulare epoi le ha scattate lui e nn io
appena riesco ad entrare
vedrai
la foto postata da me l'avevo in archivio
provvederò appena il lavoro (molto duro in questo momento)
mi lascia un po' di tempo

anche perchè voglio fotografare "Il Piccinni" e il "Margherita" di Bari

ciao
see you soon!!! :popcorn: :popcorn: :popcorn:
Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene (Ansel Adams)
http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Utente:Diana_Cocco CIMINO
https://www.flickr.com/photos/dianaciminococco/
Avatar utente
Diana Cocco
Utente Senior
 
Messaggi: 17704
Iscritto il: gio 18 dic 2008 15:58
Località: Bari

Messaggioda Luciano Salvati » ven 15 gen 2010 17:48

Diana Cocco ha scritto:anche perchè voglio fotografare "Il Piccinni" e il "Margherita" di Bari


Si può chiedere di meglio? :D

Grazie oh "grande" Diana! :-)

:flower: :flower: :flower:
Luciano

"Che tu sei qui, che la vita esiste, che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso"
Quale sarà il tuo verso?
Avatar utente
Luciano Salvati
Redazione
Redazione
 
Messaggi: 5359
Iscritto il: gio 13 nov 2008 13:27

Messaggioda Diana Cocco » ven 15 gen 2010 19:11

thanks
vediamo se ci riesco domenica all 6 di mattina
quando n c'è gente :jfs2: :jfs2: :jfs2:
ciao :D :D :D
Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene (Ansel Adams)
http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Utente:Diana_Cocco CIMINO
https://www.flickr.com/photos/dianaciminococco/
Avatar utente
Diana Cocco
Utente Senior
 
Messaggi: 17704
Iscritto il: gio 18 dic 2008 15:58
Località: Bari

Messaggioda Luciano Salvati » lun 18 gen 2010 12:54

Temeraria! :superman:

:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Luciano

"Che tu sei qui, che la vita esiste, che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso"
Quale sarà il tuo verso?
Avatar utente
Luciano Salvati
Redazione
Redazione
 
Messaggi: 5359
Iscritto il: gio 13 nov 2008 13:27

Messaggioda Diana Cocco » lun 18 gen 2010 20:03

Luciano Salvati ha scritto:Temeraria! :superman:

:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:


ok
scattate
appena posso le inserisco
ciao
Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene (Ansel Adams)
http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Utente:Diana_Cocco CIMINO
https://www.flickr.com/photos/dianaciminococco/
Avatar utente
Diana Cocco
Utente Senior
 
Messaggi: 17704
Iscritto il: gio 18 dic 2008 15:58
Località: Bari

Il Teatro Sociale di Villa Bartolomea

Messaggioda marche48 » lun 01 feb 2010 00:06

Il TEATRO SOCIALE di VILLA BARTOLOMEA

La costruzione del Teatro Sociale fu il frutto di un fermento politico-culturale che animò il paese di Villa Bartolomea agli inizi del Novecento. Un gruppo di cittadini di idee progressiste avvertì la necessità di una sala per i pubblici spettacoli e per le grandi riunioni, dato che in paese esisteva solo un salone-teatro della Parrocchia.
Il gruppo, dopo aver trovato i finanziamenti necessari per la realizzazione dell’opera, ottenne nel 1913 dal Consiglio Comunale la cessione, a titolo gratuito, di 900 mq. di terreno, in posizione centrale, a fianco del Municipio, dove poter costruire il Teatro.
Costituitasi ufficialmente il 17 ottobre 1914 la Società Teatrale “Risorgimento”, furono avviate subito le pratiche per la realizzare la nuova costruzione.
I lavori, su progetto dell’Ing. Raffaello De Marchi, da anni tecnico comunale, cominciarono negli ultimi mesi del 1915, in coincidenza con l’inizio della I guerra mondiale, e già dopo due anni il Teatro, in stile liberty, con una capienza massima di 400 posti nella platea e 250 nella loggia, era completato e collaudato.
Alle decorazioni interne ed esterne parteciparono alcuni prigionieri di guerra presenti a Villa Bartolomea e impiegati nei lavori pubblici.
Di pregevole fattura risultarono le decorazioni di motivi floreali e musicali realizzate all’interno della sala dal prigioniero Giuseppe Pikora, proveniente dalla Boemia, attuale Repubblica Ceca.
La Società Teatrale avrebbe voluto inaugurare il teatro con la stagione dell’autunno 1917, ma le tragiche notizie di guerra costrinsero a rimandare l’evento, e nel 1918 il Teatro, come altri edifici pubblici del paese, fu requisito per uso militare e riconsegnato alla Società “Risorgimento” nei primi mesi del 1919.
L’inaugurazione ufficiale avvenne il 27 settembre 1919 con il Don Pasquale di Donizetti. Enorme fu la soddisfazione dei soci promotori che vedevano finalmente realizzato il loro progetto.
Il Teatro Sociale interpretò fino agli anni '40 le esigenze di una popolazione sensibile alla musica e allo spettacolo e con un forte desiderio di riscatto sociale. Gli anni successivi segnarono alti e bassi nella vita del Teatro che, adibito a cinematografo fin dagli anni cinquanta, andò degradando fino alla chiusura definitiva negli anni '70.
L'Amministrazione Comunale, presieduta dal Sindaco Luigi Montagnana, ne venne in possesso nel 1996 e, con un'operazione culturale di grande spessore, nel 1999 ne decise il restauro, interpretando la volontà della popolazione, in quanto il Teatro Sociale ha rappresentato un periodo importante nella storia del paese, una storia piena di difficoltà, ma anche caratterizzata da tanta vivacità culturale.
Il restauro, su progetto dell'Arch. Luciano Mirandola, ne ha fatto un vero gioiello, conservando la struttura originaria, ma con qualche elemento di novità soprattutto nei toni piuttosto forti delle tinte interne e nell'arredo.
All’esterno è stata usata una tinteggiatura che creasse un impatto “forte”, in grado di rendere immediatamente evidente la funzione dell’edificio, alleggerendo il tutto con l’uso del bicolore e con le trasparenze dei serramenti di facciata.
Per gli interni si è scelta una tinteggiatura molto più vivace, giocando sulle tonalità gialle e rosse, con lo scopo di dare al luogo un carattere allegro e distante dalla vita di ogni giorno. Tale caratteristica è stata rinforzata sia dalle pannellature lignee colorate alle pareti che dalle tinte blu e rosse dei tendaggi e delle poltrone.
Per arricchire l’immagine degli interni sono state rifatte le fasce decorative nella parte inferiore della loggia, ricreando i cartoni originali, mentre nell’atrio sono stati collocati due pregevoli mosaici realizzati e donati al Teatro da un’artista di Villa Bartolomea, valorizzati da un’illuminazione sinuosa e moderna e dai pavimenti in marmette, tipo Venezia, dai colori vivaci.
Per l’illuminazione sulle pareti sono state installate lampade altamente tecnologiche, ma che richiamano effetti caratteristici delle torce.
Per quanto riguarda la “macchina di scena” il palco è stato considerato come una scatola magica, un contenitore invisibile in continua trasformazione. Particolare attenzione è stata posta alle dotazioni illuminotecniche, di regia, controllo e distribuzione delle luci di scena.
I lavori di ristrutturazione e restauro terminarono nel novembre 2001. Il teatro fu collaudato con una capacità di 300 posti a sedere, con annessi bar e spazi di sosta e con tutte le dotazioni tecniche necessarie, in grado di farne un importante luogo di incontro e sviluppo culturale per Villa Bartolomea e il suo territorio.
Il teatro nel suo nuovo splendore venne inaugurato il I dicembre 2001 con lo spettacolo “Don Giovanni” di Molière, a cui seguì un apprezzabile programma di musica, danza e teatro, per adulti e per ragazzi
Da allora ospita ogni anno una stagione teatrale di tutto rispetto, con un programma possibilmente alternativo rispetto agli altri teatri presenti in zona e con una buona risposta da parte della popolazione. Il teatro è inoltre molto utilizzato dagli alunni delle scuole del paese e per le attività culturali in genere.
Un volume (Villa Bartolomea riscopre il TEATRO SOCIALE, a cura di P. Roman, Legnago 2002), a cui queste note rimandano, corredato da una ricca documentazione di foto, d'epoca e attuali, ricostruisce dettagliatamente le varie tappe della vita del Teatro, dalle scintillanti feste degli anni '30 alla proiezione degli ultimi fìlms, e ne descrive le caratteristiche architettoniche e le modalità del restauro.
Recensione di Laura Passuello
Avatar utente
marche48
Novizio
 
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 28 dic 2009 14:45

Messaggioda marche48 » lun 01 feb 2010 00:44

come posso inserire delle foto del Teatro Sociale di Villa Bartolomea ?
Avatar utente
marche48
Novizio
 
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 28 dic 2009 14:45

Messaggioda Diana Cocco » lun 01 feb 2010 19:32

marche48 ha scritto:come posso inserire delle foto del Teatro Sociale di Villa Bartolomea ?


qui clicca su questo link

http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Speciale:Carica
Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene (Ansel Adams)
http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Utente:Diana_Cocco CIMINO
https://www.flickr.com/photos/dianaciminococco/
Avatar utente
Diana Cocco
Utente Senior
 
Messaggi: 17704
Iscritto il: gio 18 dic 2008 15:58
Località: Bari

Messaggioda marche48 » mer 03 feb 2010 12:48

carissimo Luciano
ho inserito nel PROGETTO TEATRI una sintesi di un libro recentemente stampato che riporta in modo sintetico la nascita e la successiva ristrutturazione del Teatro Sociale fino ai nostri giorni.
Ho incluso una foto attuale ma vorrei anche mettere alcune foto tratte dal volume -Villa Bartolomea riscopre il TEATRO SOCIALE- a cura di Pierluigi Roman mio carissimo amico che mi ha autorizzato alla pubblicazione delle foto ma non so come fare. Mi potresti aiutare?
Ringrazio anticipatamente della collaborazione e saluto cordialmente
Gabrielle Marchesini
marche48
Avatar utente
marche48
Novizio
 
Messaggi: 5
Iscritto il: lun 28 dic 2009 14:45

Messaggioda Massimo Di Bello » mer 03 feb 2010 13:10

marche48 ha scritto: a cura di Pierluigi Roman mio carissimo amico che mi ha autorizzato alla pubblicazione delle foto ma non so come fare

Ciao Gabrielle, purtroppo le foto le può inserire solo direttamente l'autore, per evitare problemi sulle licenze
(l'unica eccezioni sono le foto presenti sul web, con una esplicitamente indicata licenza free, che va indicata nel momento del caricamento della foto insieme al nome dell'autore e con il link alla pagina della foto da dove è stata presa)
:arrow: Iscriviti a Dizy! La piattaforma con i contest fotografici.

Fatti non foste a viver come bruti, / ma per seguir virtute e canoscenza. Dante Alighieri
Avatar utente
Massimo Di Bello
Redazione
Redazione
 
Messaggi: 18469
Iscritto il: mar 07 ago 2007 14:04

Messaggioda Luciano Salvati » mar 01 giu 2010 17:51

Amici del palcoscenico (ma anche della galleria, della platea e del loggione)... dove siete???
Dopo il decollo stile quaglia il Progetto Teatri langue :(
Niente foto :/
Niente informazioni o recensioni :bonk:
Niente fondi alla cultura... :scissors: ulp, sto andando OT. Questo almeno non dipende da noi :fischio:

Dicevo: date un occhiata qui --> http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Categoria:Teatri
Vi sembra che siano rappresentate in maniera sufficiente non dico tanto, ma almeno 1/1000 delle sale teatrali presenti in Italia? :dotto:
E' un peccato. Molti teatri sono abbandonati a loro stessi e l'unica giustizia possibile che noi possiamo fornirgli è quella di diffondere la loro conoscenza nella maniera più completa possibile. Solo i più importanti continuano a a funzionare ed hanno la loro bella visibilità, ma gran parte di quelli storici ormai sono soltanto degli "essi furono" : :ghost:
Le foto sono importanti :fotografo: , ma sono sopratutto le storie quelle che devono essere raccolte e tramandate. :reporter:
Ed io so, per esperienza personale, che le storie attorno ai teatri sono uniche.
Aspetto le vostre ambasciate, menestrelli e cantastorie di un tempio magico, quando non isola felice per qualcuno. :wizard:
Luciano

"Che tu sei qui, che la vita esiste, che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso"
Quale sarà il tuo verso?
Avatar utente
Luciano Salvati
Redazione
Redazione
 
Messaggi: 5359
Iscritto il: gio 13 nov 2008 13:27

Messaggioda Diana Cocco » mar 01 giu 2010 19:26

Luciano Salvati ha scritto:Amici del palcoscenico (ma anche della galleria, della platea e del loggione)... dove siete???
Dopo il decollo stile quaglia il Progetto Teatri langue :(
Niente foto :/
Niente informazioni o recensioni :bonk:
Niente fondi alla cultura... :scissors: ulp, sto andando OT. Questo almeno non dipende da noi :fischio:

Dicevo: date un occhiata qui --> http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Categoria:Teatri
Vi sembra che siano rappresentate in maniera sufficiente non dico tanto, ma almeno 1/1000 delle sale teatrali presenti in Italia? :dotto:
E' un peccato. Molti teatri sono abbandonati a loro stessi e l'unica giustizia possibile che noi possiamo fornirgli è quella di diffondere la loro conoscenza nella maniera più completa possibile. Solo i più importanti continuano a a funzionare ed hanno la loro bella visibilità, ma gran parte di quelli storici ormai sono soltanto degli "essi furono" : :ghost:
Le foto sono importanti :fotografo: , ma sono sopratutto le storie quelle che devono essere raccolte e tramandate. :reporter:
Ed io so, per esperienza personale, che le storie attorno ai teatri sono uniche.
Aspetto le vostre ambasciate, menestrelli e cantastorie di un tempio magico, quando non isola felice per qualcuno. :wizard:


ok Luciano "the best"
appena posso vado a Mola di Bari
e ti scatto le foto al teatro :fotografo: :fotografo: :fotografo:
ciao
Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene (Ansel Adams)
http://rete.comuni-italiani.it/wiki/Utente:Diana_Cocco CIMINO
https://www.flickr.com/photos/dianaciminococco/
Avatar utente
Diana Cocco
Utente Senior
 
Messaggi: 17704
Iscritto il: gio 18 dic 2008 15:58
Località: Bari

Messaggioda VITTORIA7 » mer 02 giu 2010 09:21

Ciao Luciano, quando si parla di teatri sono inclusi anche quelli moderni?
G.DB
Avatar utente
VITTORIA7
Utente Qualificato
 
Messaggi: 207
Iscritto il: sab 10 gen 2009 12:01
Località: Palermo

Messaggioda VITTORIA7 » mer 02 giu 2010 09:27

Ancora una domanda. Sono compresi anche quelli che hanno cambiato destinazione d'uso?
G.DB
Avatar utente
VITTORIA7
Utente Qualificato
 
Messaggi: 207
Iscritto il: sab 10 gen 2009 12:01
Località: Palermo

Messaggioda Luciano Salvati » gio 03 giu 2010 10:08

Diana Cocco ha scritto:ok Luciano "the best"
appena posso vado a Mola di Bari
e ti scatto le foto al teatro :fotografo: :fotografo: :fotografo:
ciao


:D :D :D
Sei sempre la più supersonica :superman:

VITTORIA7 ha scritto:Ciao Luciano, quando si parla di teatri sono inclusi anche quelli moderni?


Ciao Vittoria :-)
Assolutamente si! :beret:

VITTORIA7 ha scritto:Ancora una domanda. Sono compresi anche quelli che hanno cambiato destinazione d'uso?


Dipende da QUANTO è cambiata la destinazione d'uso e quanto hanno perso del loro aspetto originario. Tu a cosa avevi pensato? Fammi sapere che vediamo insieme :-)
Luciano

"Che tu sei qui, che la vita esiste, che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso"
Quale sarà il tuo verso?
Avatar utente
Luciano Salvati
Redazione
Redazione
 
Messaggi: 5359
Iscritto il: gio 13 nov 2008 13:27

Precedente

Torna a Il Wiki

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron