150° anniversario dell'Unità d'Italia

Spazio per argomenti nazionali o che non trovano posto nelle altre sezioni

Messaggioda Luca Rigato » mar 22 mar 2011 18:11

Alberto Gagliardi ha scritto::italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia:


Alberto, ma è vera o frutto di post produzione? In ogni caso idea geniale!
Avatar utente
Luca Rigato
Utente Senior
 
Messaggi: 3326
Iscritto il: gio 23 ott 2008 08:02
Località: Veneto

Messaggioda Alberto Gagliardi » mar 22 mar 2011 21:28

Luca Rigato ha scritto:
Alberto Gagliardi ha scritto::italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia:


Alberto, ma è vera o frutto di post produzione? In ogni caso idea geniale!

Ciao Luca,
la Cascata delle Marmore è realmente illuminata così come la vedi,
per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia
ultime repliche del grandioso spettacolo sabato 26 e domenica 27
dalle ore 19,00 alle ore 21,00
costo del biglietto 7,00 Euro
gratuito per i residenti, eh eh eh eh.

per avere maggiori chiarimenti guarda i link:

http://www.terninrete.it/headlines/arti ... _ID=274077

http://ternioggi.blogspot.com/2011/03/c ... per-i.html

Saluti a tutti
Avatar utente
Alberto Gagliardi
Utente Qualificato
 
Messaggi: 147
Iscritto il: lun 05 gen 2009 02:08
Località: Terni

Messaggioda Massimo Di Bello » mer 23 mar 2011 17:43

Segnalo che grazie al fattivo contributo dei nostri fotoreporter,
abbiamo coperto l'evento con più di una ventina di articoli.

Trovate la lista aggiornata nella pagina del blog: 150° Anniversario dell’Unità d’Italia
:-)
:arrow: Iscriviti a Dizy! La piattaforma con i contest fotografici.

Fatti non foste a viver come bruti, / ma per seguir virtute e canoscenza. Dante Alighieri
Avatar utente
Massimo Di Bello
Redazione
Redazione
 
Messaggi: 18472
Iscritto il: mar 07 ago 2007 14:04

Messaggioda luce61 » mer 23 mar 2011 19:10

Dalla Val d'Aosta, con simpatia!
Allegati
DSC_0340.JPG
Avatar utente
luce61
Utente Qualificato
 
Messaggi: 53
Iscritto il: ven 05 dic 2008 13:37

Messaggioda Massimo Di Bello » mer 23 mar 2011 19:36

luce61 ha scritto:Dalla Val d'Aosta, con simpatia!

:ok:
:arrow: Iscriviti a Dizy! La piattaforma con i contest fotografici.

Fatti non foste a viver come bruti, / ma per seguir virtute e canoscenza. Dante Alighieri
Avatar utente
Massimo Di Bello
Redazione
Redazione
 
Messaggi: 18472
Iscritto il: mar 07 ago 2007 14:04

Messaggioda Luca Rigato » gio 24 mar 2011 18:25

Alberto Gagliardi ha scritto:
Luca Rigato ha scritto:
Alberto Gagliardi ha scritto::italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia: :italia:


Alberto, ma è vera o frutto di post produzione? In ogni caso idea geniale!

Ciao Luca,
la Cascata delle Marmore è realmente illuminata così come la vedi,
per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia
ultime repliche del grandioso spettacolo sabato 26 e domenica 27
dalle ore 19,00 alle ore 21,00
costo del biglietto 7,00 Euro
gratuito per i residenti, eh eh eh eh.

per avere maggiori chiarimenti guarda i link:

http://www.terninrete.it/headlines/arti ... _ID=274077

http://ternioggi.blogspot.com/2011/03/c ... per-i.html

Saluti a tutti


Grazie della risposta dettagliata e complimenti per la foto.

Ciao
Avatar utente
Luca Rigato
Utente Senior
 
Messaggi: 3326
Iscritto il: gio 23 ott 2008 08:02
Località: Veneto

“PASSIONE ITALIA” nstallazione 2011- Stefano Rollero

Messaggioda stefano rollero » gio 31 mar 2011 19:02

“PASSIONE ITALIA”
Installazione 2011- Stefano Rollero

Penso che lo sguardo dell’arte sia al tempo stesso critico, etico e di
immaginazione.
Questo significa analizzare le situazioni criticamente, confrontarsi in modo
etico con gli altri, soprattutto oggi in cui l’Italia deve fare i conti con
una fase di declino culturale ed economico.

A proposito di ciò, la mia installazione è costruita con materiali riciclati,
oggetti di uso comune, libri e la saggina, volutamente ruvidi e grezzi.

Il significato dell'opera emerme dalla prorompente volontà di testimoniare la
nostra realtà: il patrimonio culturale raccolto negli ultimi 150 anni di un
paese straordinariamente ricco come l’Italia di beni quali musei, biblioteche,
siti archeologici, monumenti, eventi artistici e spettacoli di teatro e musica,
rischia di soccombere inevitabilmente.Piuttosto che svilupparsi come una grande
pianta, si ferma e secca trasformandosi in saggina….

Uno società di questo genere rischia la deriva, in quanto priva nel tempo di
introspezione, etica, prospettiva, memoria storica e soprattutto autocritica.
Il messaggio è quello di credere nel valore assoluto della conoscenza, nell’
importanza della memoria storica, nella necessità di preservare e studiare il
patrimonio; chi affossa la Scuola e l’Università, chi limita la capacità di
espressione e chi taglia i fondi alla cultura, mina alla base la stabilità e
alla continuità di uno Stato.

Senza la conoscenza sulla propria provenienza, senza amare visceralmente il
proprio patrimonio storico-artistico, non si ha futuro.

(In mostra a di Cuorgnè)
Avatar utente
stefano rollero
Utente Junior
 
Messaggi: 31
Iscritto il: ven 19 ott 2007 10:36
Località: Caselle Torinese

150mo anniverario

Messaggioda vtucci28 » ven 11 nov 2011 19:27

Mia moglie, Renata,ed io partecipiamo ai festeggiamento con un nostro video. Se vuoi vederlo, clicca sul seguente indirizzo: http://www.youtube.com/watch?v=a_HXD-A21pk
Avatar utente
vtucci28
Novizio
 
Messaggi: 2
Iscritto il: ven 11 nov 2011 17:06

Messaggioda Viviana Bernardini » dom 13 nov 2011 22:45

vtucci28 ha scritto:Mia moglie, Renata,ed io partecipiamo ai festeggiamento con un nostro video. Se vuoi vederlo, clicca sul seguente indirizzo: http://www.youtube.com/watch?v=a_HXD-A21pk

:ok:

Grazie Renata e Vincent :-) , e benvenuti! Siete capitati nel sito giusto! Qui troverete tanti progetti e iniziative per conoscere e valorizzare il nostro Paese, attraverso i suoi Comuni :italia:
Avatar utente
Viviana Bernardini
Utente Senior
 
Messaggi: 5633
Iscritto il: mar 23 set 2008 20:45

Messaggioda ale79 » lun 28 mag 2012 09:34

NON VOGLIO L'ITALIA DELLE REGIONI,
MA LE REGIONI D'ITALIA!



PREMESSA DEL PRESIDENTE: cotrapporre il nord e il sud è uno dei tanti modi di applicare il celebre sistema noto come "divide et impera", tanto caro a chi governa e vuole dirottare la rabbia crescente di molti cittadini, per evitare di diventarne il target. Ma 150 anni di unità nazionale non possono e non devono essere liquidati con slogan da quattro soldi e facili quanto sciocchi pregiudizi. Cittadinanza Sovrana crede in un'Italia unita, nella quale anche il Meridione possa partecipare attivamente alla ripresa economica, con investimenti mirati che tengano conto delle peculiarità specifiche di ogni Regione.

Siamo al dunque?! No, siamo sempre alle solite, sempre pronti a parlar male del meridione, sempre abbastanza esperti da far un'analisi del sud Italia in poche frasette preconfezionate, sempre abbastanza sapienti da poter modificare la storia e il presente a nostro vantaggio. Ho proposto un'immagine della Lega Nord, non perché i suoi ideali rappresentino il nord, ma perché sono tanti, aggiungo troppi, quelli che hanno l'idea di un sud che sfrutta il nord. E' vero che al sud c'è la mafia, è vero che al sud ci sono gli evasori, è vero che al sud ci sono i politici corrotti, ma è altrettanto vero che le stesse cose ci sono in egual misura
anche al nord. Da dove viene fuori l'idea di un sud che sfrutta il nord? Gli stanziamenti al sud sono possibili anche grazie alla ricchezza del nord, ma qui non ci sono delle regioni che sfruttano delle altre, c'è uno stato unitario che fa fronte alle sue difficoltà come può. E sono le circostanze storiche che hanno portato a questo: mentre la borghesia settentrionale sotto gli Austriaci cominciava ad investire, quella meridionale sotto i Borboni puntava allo sfruttamento della classe contadina, e questo perché la ferrovia c'era, ma la utilizzava il re per andare in vacanza, c'erano piccole industrie, che però non potevano competere con il mercato e quindi destinate a chiudere, c'erano le coltivazioni, ma di sussistenza e non di esportazione. Già ai tempi dei Romani il nord aveva più comunicazioni con l'esterno della penisola. Con questo non voglio giustificare le colpe del sud, né tanto meno attribuirne qualcuna al nord, però prima di parlare, anzi sparlare, del sud Italia dovremmo informarci, fermarci un attimo a capire e a conoscere, e poi porci delle domande, come ad esempio perché i briganti sono sorti qui e non al nord. Quando nella novella di Verga i contadini gridavano "Libertà, libertà", non è perché mancasse loro davvero la libertà, volevano finalmente quelle terre che sono sempre state loro vietate facendoli vivere in miseria! Quella parola,“Italia„ era per loro garanzia di terra e prosperità, ma hanno ricevuto solo sterminio (vedi il massacro di Pontelandolfo e Casalduni ma la stessa Bronte verghiana).
Può sembrare strano, ma per alcuni diventare delinquenti era l'unico modo per sopravvivere in uno Stato che non aveva mai considerato le esigenze del sud. Cavour neppure ci venne mai al sud, e il suo interesse era solo quello di creare una nazione grande abbastanza per fronteggiare la Francia e l'Inghilterra però un'Italia c'era, c'è e c'è sempre stata a prescindere dagli interessi economici, perché a differenza del popolo padano, un popolo italiano esisteva ed esiste per lo meno dal punto di vista culturale, e di questa identità sono orgoglioso. Dal 1861 in poi sono cambiate molte cose, altre no, l'Italia è stata fatta, e credo pure gli italiani. Ma rimangono gli sciocchi, che in una situazione difficile per il nostro Paese, credono di trovare la soluzione nell'indipendenza della Padania, che neppure la storia ha mai riconosciuto. Mi è difficile capire perché uno come Bossi non riesca a capire che il sud, quello che un popolo nobile come quello dell'antica Grecia definì Magna Grecia, ha delle risorse che devono essere ancora sfruttate, risorse che possono portare vantaggio all'Italia tutta. Sono del sud, eppure parlo italiano, mangio italiano, lavoro per l'Italia e amo il tricolore, lo stesso con cui Bossi disse di pulircisi il sedere. Studio, e non per sfruttare il nord, ma le mie capacità. E qui ci sono tanti giovani che lottano per un posto di lavoro proprio come al nord, tanti giovani che hanno voglia di fare, che vorrebbero fare del sud un'ottima Italia. Il cambiamento ci deve essere, e l'Italia tutta si deve riprendere da questa crisi, e in un contesto in cui l'Europa gioca un ruolo fondamentale, dividere l'Italia mi sembra una mossa politica priva di fondamenta. Non voglio l'Italia delle regioni, ma le regioni dell'Italia.
Oggi se c'è da studiare, ci si trasferisce al nord, se c'è da lavorare ci si trasferisce al nord, se c'è da andare all'ospedale ci si trasferisce al nord, eppure il sud ha ottime scuole, ottimi ospedali, ottimi medici e tante capacità. La verità è che noi desideriamo sempre il meglio, e guardiamo al nord con ammirazione, tanto da aver perso la fiducia in noi stessi.
Non abbiamo fiducia nelle istituzioni, non abbiamo fiducia nello stato; e questa è una cosa vecchia, è una cosa che ci deriva dai nostri poveri contadini dai secoli scorsi. Portiamo con noi la nostra determinazione e la volontà, sia che andiamo al nord, sia che emigriamo all'estero, e al di là dell'immagine che gli altri hanno di noi, vorremmo solo dimostrare di poter migliorare. Non ci interessa essere autonomi per competere con il nord, ma per collaborare con esso per l'Italia, vogliamo essere autonomi perché noi siamo Italia e agiamo nei suoi interessi. Vogliamo un'Italia fatta di scambi reciproci, di merci, persone, e cultura.
Vogliamo un'Italia per cui nord e sud siano indicazioni geografiche e identità tradizionali, ma anche e soprattutto uno stesso stato, l'Italia.
http://www.cittadinanzasovrana.org
Avatar utente
ale79
Novizio
 
Messaggi: 9
Iscritto il: gio 24 mag 2012 09:26

Messaggioda fgihuf » mar 24 lug 2012 08:08

Il mio primo pensiero è stato "come siamo caduti in basso", e inorridito dalla cosa ho cominciato a pensare male di tutta l'informazione che ci viene propinata ogni giorno.



---------------------------------


Gafas Ray Ban
Avatar utente
fgihuf
Novizio
 
Messaggi: 2
Iscritto il: mar 24 lug 2012 03:26

Messaggioda DiavolorossoSalvo » ven 14 dic 2012 19:26

È troppo bello per metterci un mio commento personale!
cito; Virtù contra furore
Prenderà l'armi; e fia il combatter corto,.....
Chè l'antico valore
Negli Italici cor non è ancor morto.
(PETRARCA)
:flowers:
EVVIVA UGO BASSI :italia:
Avatar utente
DiavolorossoSalvo
Utente Junior
 
Messaggi: 10
Iscritto il: ven 14 dic 2012 18:58

Precedente

Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron