ECONOMIA

Spazio per argomenti nazionali o che non trovano posto nelle altre sezioni

ECONOMIA

Messaggioda ale79 » lun 28 mag 2012 09:31

DICHIARAZIONE IMU: CE LA FARANNO?



E' stata rinviata al 30 settembre 2012 la dichiarazione Imu, sarà uno dei grandi problemi da affrontare questo autunno, sempre che il ministero dell'Economia predisponga il decreto con le istruzioni relative.
I contribuenti interessati sarannno moltissimi, sicuramente tutti quelli che hanno un'abitazione principale ai fini Ici, ma che non risponde più ai requisiti Imu. Un esempo su tutti è quello della discrepanza tra dimora e residenza; ma, ancora, la disciplina Imu modifica rispetto alle regole dell'Ici le pertinenze: prevede infatti una sola pertinenza all'abitazione principale per categoria catastale (C/2, magazzini; C/6 garage e rimesse; C/7 tettoie), per cui chi nell'Ici considerava pertinenziali due garage in base alle regole locali, dovrà scegliere quale delle due unità collegare all'abitazione principale per il pagamento dell'Imu e dichiararlo.
La nuova dichiarazione è prevista dall'articolo 9, comma 6 del decreto legislativo 23/2011 e dall'articolo 13, comma 12 ter del Dl 201/2012, per tutti gli immobili già posseduti al 1° gennaio 2012 e per i quali la situazione fiscale ai fini Imu sia cambiata rispetto alla situazione Ici (come per l'esempio sopracitato), oltre che per quegli immobili che verranno acquistati o la cui situazione varierà comunque entro il 30 settembre 2012. Inoltre, sembrerebbe che chi varierà la propria situazione dal 1° ottobre 2012 in poi dovrà fare la dichiarazione entro il termine ordinario, cioè entro i 90 giorni successivi alla variazione. Per chi compie atti ufficiali come un rogito o un atto costitutivo di diritto reale o una variazione catastale a seguito di modifiche che possano avere cambiato la rendita catastale, la data di riferimento sarà quella dell'atto.
Di rilievo il fatto che manchi ad oggi un riferimento alle procedure di presentazione attraverso il modello unico informatizzato utilizzato dai notai (articolo 3-bis, Dlgs 463/97), la cui efficacia andrebbe confermata anche ai fini Imu. Prima non c'era bisogno di presentare la dichiarazione Ici, perché ci pensava il notaio in caso di compravendita o costituzione di diritti reali. Oggi, se il legislatore non emenderà la norma, dovrà essere l'acquirente o il titolare del nuovo diritto reale a redigere e presentare la dichiarzione Imu.
Come sempre in Italia tassano indiscriminatamente per finanziare i loro sprechi e complicano la vita ai contribuenti, facendo pendere su di essi la spada di Damocle delle sanzioni!

http://www.cittadinanzasovrana.org
Avatar utente
ale79
Novizio
 
Messaggi: 9
Iscritto il: gio 24 mag 2012 09:26

Messaggioda ale79 » lun 28 mag 2012 09:37

IL DISASTRO IMU: RIUSCIRANNO A FARCI CAPIRE COME PAGARLA?





Si profila all'orizzonte una nuova variazione per la tanto amata imposta patrimoniale sugli immobili - IMU -: con un emendamento presentato dal presidente della commissione Finanze di Montecitorio Gianfranco Conte, si prevede per il 2012 che l'Imu sull'abitazione principale (comprese le pertinenze) sia ripartita su tre rate (ognuna pari ad un terzo del dovuto applicando l'aliquota base), pari al 4 per mille.
Le persone tenute a pagare, se l'emendamento fosse approvato, dovrebbero versare le prime due rate entro il 18 giugno (perchè la scadenza naturale cade di sabato) e il 17 settembre (perchè la scadenza sarebbe di domenica). La terza rata sarebbe versata entro il 17 dicembre (scandenza naturale che cade di domenica), a saldo dell'imposta complessivamente dovuta per l'intero anno e con conguaglio sulle precedenti rate: perchè i comuni entro settembre potrebbero decidere di variare l'aliquota fino ad un massimo dello 0,2%.
Che dire, non solo non riescono a mettere in atto azioni concrete per lo sviluppo ed il rilancio del paese, ma non sono in grado neppure di concretizzare le splendide imposte che ci caricano sulle spalle per colpa dei loro sprechi. Inoltre, come se non bastasse, spetterà al contribuente suddividere gli importi di spettanza del comune da quelli di spettanza dello stato in relazione al gettito e quindi di compilarsi l' F24 con gli appositi codici.

http://www.cittadinanzasovrana.org
Avatar utente
ale79
Novizio
 
Messaggi: 9
Iscritto il: gio 24 mag 2012 09:26


Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron