L'interesse mediatico e sociale ai fatti di Avetrana.

Punto di incontro della comunità: pensieri, riflessioni, passatempi, discussioni a tema libero

Moderatore: Justinawind

L'interesse mediatico e sociale ai fatti di Avetrana.

Messaggioda Salvaa53 » gio 28 ott 2010 18:03

L’interesse mediatico e sociale (è chiaro che i due si alimentano a vicenda) attorno ai fatti di Avetrana mi sembra che nasca (anche se suona paradossale) dall’idea,inconscia,che si tratta in fondo di notizie RASSICURANTI. Quando le disgrazie capitano agli altri ci diciamo certamente dispiaciuti ma siamo anche sotto sotto felici che non sia capitato a noi; così la cronaca nera rassicura il nostro vivere quotidiano,le nostre piccole perversioni,i nostri piccoli odi,la nostra (inoffensiva) mediocrità. I media insistono tanto con questa vicenda:è come se ci ripetessero,paternalisticamente,”va tutto bene”; non lo si può fare esplicitamente perchè non ci crederebbe nessuno,ma quel “va tutto bene”,in definitiva,avremmo voglia di sentircelo dire.
in mezzo a tutto ciò,una ragazza è stata uccisa, siamo ora diventati tutti degli Sherlock Holmes alla ricerca dell’assassino, ma dopo averla santificata,dopo aver detto che è un angelo eccetera,potremmo anche ammettere un’altra verità celata dall’inconscio,cioè che di lei,una volta espletata la recita della pietà cristiana,non ci importa nulla.
Avatar utente
Salvaa53
Utente
 
Messaggi: 53
Iscritto il: ven 13 nov 2009 10:38

Torna a La Piazzetta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti