[TRENTO] PINO MASCIARI, SIMBOLO DELLA RESISTENZA ALLA MAFIA

Regole del forum
Se crei un nuovo argomento su un comune, metti all'inizio dell'oggetto il nome del comune tra parentesi quadrate, in modo da facilitarne l'individuazione.

[TRENTO] PINO MASCIARI, SIMBOLO DELLA RESISTENZA ALLA MAFIA

Messaggioda Giorgio R. » mer 12 mar 2008 19:46

Appello degli Amici di Beppe Grillo di trento per il conferimento della Cittadinanza Onoraria a Pino Masciari, simbolo della Resistenza alla mafia.

Pino Masciari è un imprenditore edile calabrese, nato a Catanzaro nel 1959, sottoposto a programma speciale di protezione dal 18 ottobre 1997, unitamente alla moglie Marisa (medico odontoiatra) e ai loro due figli, per aver denunciato la criminalità organizzata ndrangheta, le sue collusioni politiche e le sue infiltrazioni nelle Istituzioni. La Sua storia è descritta nel sito web: http://www.pinomasciari.org

Leggi l'appello e firma la petizione:
http://www.firmiamo.it/pinomasciaricittadinonorarioditrento
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » mar 01 apr 2008 07:18

COMUNICATO STAMPA

L’IMPRENDITORE CALABRESE GIUSEPPE (PINO) MASCIARI TESTIMONE DI GIUSTIZIA LASCIA LA LOCALITA ’ PROTETTA SENZA SCORTA PER RECARSI IN CALABRIA COME FORMA ESTREMA DI PROTESTA IN ATTESA DELLA RISPOSTA DELLE ISTITUZIONI E CONTEMPORANEAMENTE CHIEDE PER LA FAMIGLIA ASILO POLITICO O ADOZIONE AD ALTRO STATO
:

Sono un imprenditore calabrese che non si è piegato al racket, che ha denunciato, fatto arrestare e condannare decine di appartenenti al sistema `ndranghetista con le sue collusione all’interno delle Istituzioni. Inserito nel Programma Speciale di Protezione a partire dal 17 Ottobre 1997, portato via dalla Calabria e da allora sprofondato in un tunnel senza via d’uscita: in questi 11 anni non si contano i comportamenti omissivi tenuti dalle Istituzioni preposte alla mia protezione, contrari alla legge e prima ancora alla dignità della persona. Abbandonato al mio destino insieme con la mia famiglia, isolati, esiliati dalla propria terra, privati delle imprese edili e del proprio lavoro (mia moglie è un medico-odontoiatra).

Prima mi hanno tolto il pane, poi mi hanno tolto la libertà, infine la speranza.

Dopo 11 lunghi anni di attesa e di fiducia nelle Istituzioni oggi devo ammettere che non ci sono le condizioni perché la mia famiglia continui a restare ancora in Italia considerando la situazione di abbandono e l’assenza dei settori preposti alla protezione, che sarebbe dovuta avvenire in modo vigile e costante nella località (per così dire) protetta.

La conclusione è che mi ritrovo facile bersaglio insieme alla mia famiglia della vendetta mafiosa, nell’allarmante contesto di ‘ndrangheta, acceso e dilagante.

Pertanto chiedo formalmente al Presidente del Consiglio Romano Prodi, al Ministro dell’Interno Giuliano Amato e al Viceministro dell’Interno Marco Minniti con delega alla Commissione Centrale ex art. 10 L . 82/91 di risolvere tempestivamente prima della consultazione elettorale la mia annosa vicenda, garantendo il diritto al lavoro e la sicurezza presente e futura per me e la mia famiglia.

Contemporaneamente chiedo formalmente ad una qualsiasi delle Nazioni dell’Unione Europea o altra Nazione l’ADOZIONE della mia famiglia, per mia moglie ed i miei due figli, perché si prenda cura di loro con la dovuta sicurezza.

Io no! Scelgo di rimanere nel mio paese, a rischio della vita, per proseguire la strada della denuncia civile e legale dell'impotenza delle Istituzioni, che alle parole non fanno seguire i fatti concreti e per raccontare la verità sulla lotta alla mafia in Italia: chi non scende a compromessi con le dinamiche mafiose deve essere fatto fuori, in un modo o nell'altro.

Lascio dunque in data odierna la località protetta per arrivare in Calabria ed affrontare quello che sarà il mio destino, mantenendo almeno fino in fondo la dignità che in questi anni ho difeso dagli attacchi prima della `ndrangheta e poi delle Istituzioni. Poi sarò davanti ai “Palazzi” di Roma e al TAR del Lazio dove giace vergognosamente arenato da più di tre anni il ricorso contro lo Stato che mi ha revocato ingiustamente il programma di protezione, che equivale alla condanna a morte.

Lo farò in giro per l'Italia, fiducioso di trovare al mio fianco i tanti cittadini, associazioni, gruppi e Meetup, le forze sane delle istituzioni e della politica che ho incontrato in questi lunghi anni, che condividono la mia scelta e che si riconoscono nei valori della legalità e della giustizia.

La COMMISSIONE PARLAMENTARE ANTIMAFIA, già nella scorsa legislatura, la quattordicesima, aveva analizzato ed esaminato approfonditamente "il caso dell’imprenditore Giuseppe Masciari", riconoscendo le ragioni di quanto esposto, (si rimanda ai seguenti documenti: Approvazione della Relazione del Comitato TESTI del 9 marzo 2005- Resoconto Stenografico della 69° seduta del 14 giugno 2005 - approvazione della Relazione di Minoranza del 18 gennaio 2006, pag. 72 "Testimoni di giustizia: una risorsa umiliata").

L’attuale COMMISSIONE PARLAMENTARE ANTIMAFIA, quindicesima legislatura, nella Seduta di martedì 19 febbraio 2008 ha approvato la Relazione annuale sulla 'ndrangheta (Rel. On. Forgione) e la Relazione sui testimoni di giustizia (Rel. On. Napoli), che ha fatto emergere "le gravi cadute di efficienze del sistema di protezione dovute spesso a inettitudine, trascuratezza ed irresponsabilità" per questo "Lo Stato recuperi il terreno perso nei confronti di chi ha mostrato di possedere uno spirito civico esemplare". Ha riconosciuto il rispetto dei diritti dei testimoni di giustizia, risorsa da premiare e non da umiliare. Nella relazione sulla `ndrangheta ha dichiarato la pericolosità mondiale di tale struttura criminale.

Le Istituzioni, la politica, Confindustria, raccolgono collezioni di buone intenzioni cui non seguono fatti concreti. Non ho bisogno di pacche sulle spalle, ma di sicurezza, impiego e futuro per me e soprattutto per la mia famiglia.

Se si permette che chi ha scelto di stare dalla parte della Giustizia maturi solo disagi diventando esempio tangibile del fallimento di una rapida risposta dello Stato, ciò non rappresenta una sconfitta solo per Pino Masciari, ma una sconfitta per l’Italia intera, una vittoria per la `ndrangheta, che ha continuato e continua a fare imprenditoria moltiplicando i suoi guadagni, tanto è vero che in Calabria ha un bilancio di 35 miliardi di euro sporchi, mentre al sottoscritto non gli viene restituito il diritto di ritornare a fare l’imprenditore. Addirittura il Ministero dell’Interno con delibera del 28 luglio 2004, così afferma: "non consente di autorizzare il rientro del testimone di giustizia Masciari Giuseppe e del suo nucleo familiare nella località di origine ritenuto che sussistono gravi ed attuali profili di rischio".

Una sconfitta per lo Stato Italiano, un messaggio devastante per chi domani si trovasse a decidere se denunciare o abbassare la testa di fronte alle intimidazioni mafiose. .

Confermo fino alla fine e con fermezza che non ho alcun rimpianto per ciò che ho fatto, perché ritengo che la denuncia sia atto doveroso di ciascun cittadino che appartenga ad uno Stato che possa ancora considerarsi di diritto.

Lì 31 marzo 2008 f.to Giuseppe (Pino) Masciari
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » mer 02 apr 2008 15:22

Ciao,
volevo segnalarvi un'iniziativa a sostegno di Pino Masciari.
Pino, lunedì, ha deciso di scendere in Calabria senza scorta, a rischio della vita, accompagnato da due ragazzi che fanno parte di Libera di don Ciotti e del Meetup di Torino. Un segnale forte per dare uno scossone soprattutto alle istituzioni affinchè si impegnano seriamente a risolvere la sua situazione.
Noi, come Amici di Pino Masciari di Trento abbiamo organizzato un sit-in simbolico per sabato prossimo, 5 aprile, davanti al Commissariato del Governo dalle ore 10, seguendo l'esempio di altri meetup in Italia (Bari, Torino, La Spezia, Vibo Valentia e Catanzaro).

Qui trovate il volantino dell'iniziativa:
http://files.meetup.com/216573/Volantin ... i_Mail.PDF

Vi aspettiamo!!!
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » mer 09 apr 2008 19:31

Il video e le foto del sit-in per Pino Masciari:

http://it.youtube.com/watch?v=pt9w5mAocM4

http://www.flickr.com/photos/2540909...7604407270570/

E' sempre online la petizione per chiedere la cittadinanza onoraria di Trento per Pino....firmate numerosi:

http://www.firmiamo.it/pinomasciaricittadinonorarioditrento
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » mer 09 apr 2008 19:32

SIT-IN per PINO MASCIARI
11 APRILE - ORE 14.45
PIAZZA DANTE

Dopo il sit-in dello scorso 5 aprile, venerdì 11 il Meetup "Amici di Beppe Grillo" proporrà un nuovo momento di sensibilizzazione a favore di Pino Masciari davanti al Palazzo della Regione, in Piazza Dante, a partire dalle ore 14.45.

L'obiettivo rimane quello di informare e stimolare le istituzioni e l'opinione pubblica sulla vicenda dell'imprenditore calabrese che oltre 11 anni fa ha denunciato la n'drangheta e i rappresentanti dello Stato che con questa intrattenevano rapporti.
A seguito delle sue denunce Pino, sua moglie Marisa e i due giovanissimi figli sono tuttora costretti a vivere lontano dalla propria terra e dai propri affetti. Sono stati espropriati del proprio lavoro e della propria libertà per difendere principi di legalità e di giustizia che appartengono a tutti noi.

Pino ha deciso in questi giorni di uscire allo scoperto, di tornare senza scorta nella sua terra per parlare alla gente e per ribellarsi ad uno Stato che mette al confino chi si oppone alla mafia, anzichè portarlo ad esempio, disincentivando in questo modo chiunque pensi di seguire il suo esempio.

In questo momento Pino sta rischiando la sua vita, quella della sua famiglia e quella degli amici che lo accompagnano.
Questo è il nostro modo di star loro vicino e invitiamo tutti quelli che hanno a cuore gli stessi nostri principi ad unirsi a noi. Questo è anche il nostro modo per dire alla politica, a pochi giorni dal voto, che la lotta alla mafia deve rientrare nei programmi di governo.

Come dice Pino, è assurdo ricordare le vittime di mafia quando non si è fatto nulla per difenderle e sostenerle quando sono state in vita!!

Per chi volesse seguire l'evolversi della situazione, sul sito http://www.pinomasciari.org vengono pubblicati giorno per giorno filmati e dichiarazioni a cura dei ragazzi del meetup di Torino.

--
Amici di Beppe Grillo - Trento
http://beppegrillo.meetup.com/164/
grillitrentini@gmail.com

Firma per Pino Masciari cittadino di Trento
http://www.firmiamo.it/pinomasciaricittadinonorarioditrento
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » lun 21 apr 2008 20:33

PINO MASCIARI, UN CITTADINO VERO
22 Aprile - ORE 21.00
Sala Circoscrizione Piedicastello
Via Verruca, 1



Dopo la serata dello scorso 22 febbraio, il Meetup "Amici di Beppe Grillo" di Trento propone un nuovo momento di informazione e sensibilizzazione sui temi della lotta alla mafia e del rispetto della legalità.

Lo faremo raccontando la storia di Pino Masciari, un'imprenditore calabrese che 11 anni fa si è ribellato al racket, denunciando esponenti della 'ndrangheta e le sue collusioni con la politica e le istituzioni.
Nell'ottobre del '97 Pino, sua moglie Marisa, medico odontoiatra, e i suoi due bambini, Ottavia e Francesco, entrano nel programma di protezione e vengono trasferiti in una località protetta, con la speranza e soprattutto con le promesse da parte delle istituzioni di poter presto tornare al proprio lavoro e ad una vita normale.

Dopo 9 anni "vissuti" in una localita' protetta, considerando che le promesse di un ritorno ad una nuova vita normale tardavano a manifestarsi, Pino decide di esporsi in prima persona. Nel 2006 inizia una ininterrotta serie di incontri con i cittadini al fine di far conoscere la sua storia e soprattutto di contribuire a divulgare in Italia una vera cultura della legalità.

Ad oggi, dopo oltre 11 anni la risposta delle istItuzioni ancora non c'è.
Il 31 marzo scorso, pertanto, Pino ha preso un'altra importante e coraggiosa decisione: dopo aver chiesto a una qualsiasi delle Nazioni Europee l'adozione per la moglie e i figli, è tornato in Calabria per proseguire, anche nella sua terra, la strada della denuncia civile.
Pino Masciari resterà in Calabria a tempo indeterminato, mettendo a rischio la propria incolumità fino a quando le Istituzioni non risolveranno la sua situazione, testimoniando con un gesto concreto che lo Stato tutela gli imprenditori che decidono di ribellarsi alle mafie.

In Calabria Pino Masciari continuerà a testimoniare il suo senso dello Stato e la sua fiducia per le Istituzioni, certo di aggregare intorno a se tutte le forze che vogliono impegnarsi seriamente nella lotta alle mafie senza strumentalizzazioni.

Se si permette che chi ha scelto di stare dalla parte della giustizia maturi solo disagi, diventando esempio tangibile del fallimento di una rapida risposta dello Stato, ciò non rappresenta una sconfitta solo per Pino Masciari ma una sconfitta per l'Italia intera.

In questo momento Pino sta rischiando la sua vita, quella della sua famiglia e quella degli amici che lo accompagnano.
Questo è il nostro modo di star loro vicino e invitiamo tutti quelli che hanno a cuore gli stessi nostri principi di legalità e giustizia, ad unirsi a noi e a visitare il suo blog http://www.pinomasciari.org

Vi aspettiamo numerosi martedì 22 aprile, alle ore 21, presso la sala circoscrizionale di Piedicastello, in via Verruca 1.

--
Amici di Beppe Grillo - Trento
http://beppegrillo.meetup.com/164/
grillitrentini@gmail.com

Firma per Pino Masciari cittadino di Trento
http://www.firmiamo.it/pinomasciaricitt ... ioditrento
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » ven 09 mag 2008 22:06

La petizione per la richiesta di cittadinanza al comune di Trento e per un'onorificenza alla Provincia per Pino Masciari simbolo della lotta alle mafie è sempre attiva, firmete se non l'avete ancora fatto e giratela ai vostri contatti:
http://www.firmiamo.it/pinomasciaricitt ... ioditrento
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » ven 23 mag 2008 17:32

ANONIMO FUNZIONARIO DEL MINISTERO DEGLI INTERNI DELEGITTIMA I
TESTIMONI DI GIUSTIZIA------------

Abbiamo letto con sgomento le dichiarazioni di un funzionario anonimo del
ministero degli interni sul tema dei testimoni di giustizia apparse su
un'articolo di avvenire mercoledi 21 maggio.

Intendiamo rispondere con un comunicato stampa, sottoscritto dal più ampio
numero di espressini della società civile, che formeranno un elenco alfabetico
dei sottoscrittori.

Vi preghiamo quindi di adoperarvi perchè l'associazione o il gruppo a cui
appartenete dia la sua adesione nel più breve tempo possibile ricercando altri
possibili sottoscrittori.

Invieremo il comunicato Lunedi 26 maggio agli organi di stampa.
vi prego quindi di rispondere entro tale termine indicando il nome o il gruppo
di riferimento.

Le adesioni possono essere comunicate al seguente indirizzo
testimonidigiustizia@gmail.com

Qui l'articolo apparso su Avvenire:
http://files.meetup.com/206829/210508av ... istero.gif

Qui il comunicato stampa da sottoscrivere:
http://files.meetup.com/206829/comunica ... venire.doc

Gia che ci siamo ringraziamo sul suo Blog, Angela Napoli che ha presentato una
interrogazione parlamentare sulla situazione dei testimoni.
clicca qui per leggerla e lasciare un commento:
http://angelanapoli.blogspot.com/2008/0 ... ni-di.html

Grazie
Amici di Pino Masciari
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » sab 31 mag 2008 16:54

Gli Amici di Pino Masciari saranno presenti il giorno 2 giugno 2008 al Festival dell'Economia di Trento, presso il Palazzo della Provincia, in occasione della conferenza "Mercato, welfare e solidarietà" con l'obiettivo di sensibilizzare le Istituzioni e l'opinione pubblica sulla vicenda dell'imprenditore calabrese Giuseppe "Pino" Masciari (http://www.pinomasciari.org), che oltre 10 anni fa ha denunciato la 'ndrangheta e le sue collusioni. Sottoposto a programma speciale di protezione dal 18 ottobre 1997, insieme a sua moglie Marisa Salerno (medico odontoiatra) e due bambini, lui e la sua famiglia sono tuttora costretti a vivere lontano dalla propria terra, dai propri affetti, espropriati del proprio lavoro e della propria libertà.

Vogliamo stimolare una riflessione sulla situazione che i Testimoni di Giustizia, in Italia, stanno vivendo ormai da molti anni, persone che si sono battute per la giustizia e la legalità, lottando contro i poteri forti, perdendo la propria dignità, la propria famiglia, il lavoro e a volte anche la vita.

Per noi questo è un prezzo troppo alto da pagare.

Come evidenziato anche dalla Relazione sui Testimoni di Giustizia che l'ultima Commissione Parlamentare Antimafia ha approvato all'unanimità il 20 febbraio 2008, relatore Angela Napoli:

"Lo spaccato emerso appare evidenziare come i testimoni di giustizia siano i primi a sperimentare sulla loro pelle quelle gravi cadute di efficienza del sistema, dovute spesso a inettitudine, trascuratezza e irresponsabilità.
E l'inefficienza non riguarda casi isolati ma, sistematicamente, anche se con forme e modalità che variano da caso a caso, tutto il comparto, per cui, per far si che lo Stato recuperi il terreno perso nei confronti di chi ha mostrato di possedere uno spirito civico esemplare, occorrono un intervento normativo ed un approccio alla materia innovativi ed urgenti secondo le seguenti proposte, da distinguere tra quelle che possono essere assunte a legislazione invariata e quelle che richiedono appropriati interventi normativi."

"Occorre un mutamento di mentalità e metodo, una diversa filosofia nell'approccio alla figura del testimone che va visto non come un "peso" ma come una "risorsa".

Vogliamo aprire un dibattito, vogliamo parlare con la gente, parlare con i rappresentanti delle Istituzioni, sensibilizzare e informare su questo argomento taciuto e dimenticato per troppo tempo. Il coraggio dei Testimoni di Giustizia nel denunciare, preferendo la legalità e la giustizia alla sudditanza o alla complicità, rappresenta l'anima della nostra Costituzione. Il dolore e la solitudine in cui queste persone troppo spesso si trovano a vivere, rappresentano una ferita profonda per tutti noi.

La conoscenza attraverso l'informazione è la base della democrazia, è proprio da qui che vogliamo iniziare.

Per questo gli Amici di Pino Masciari si ritroveranno il giorno 2 giugno a Trento per continuare a dare visibilità alla storia di Pino Masciari e della sua famiglia, affinchè persone come loro, con un alto senso della Giustizia e della Legalità, riacquistino la dignità di una vita normale, sperando di poter condividere questo momento con quanti si sentono corresponsabili delle loro scelte, delle loro fatiche e della loro fame di giustizia. Speriamo che questo gesto ci aiuti a vivere con rinnovata consapevolezza la festa del 2 Giugno.
http://www.pinomasciari.org
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » mar 29 lug 2008 15:52

Lettera al Tar degli Amici di Pino Masciari

Gli amici di Pino Masciari hanno scritto una lettera al presidente del Tar del Lazio affinchè sia fissata udienza del ricorso di Pino Masciari presentato al tribunale amministrativo ormai 42mesi fa.

Per leggere la lettera, firmarla e scaricarla, clicca qui!

http://pinomasciari.org/node/1675
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41

Messaggioda Giorgio R. » gio 07 mag 2009 15:35

Incontro con Pino Masciari

L’Associazione TrentoAttiva vi invita l’8 maggio 2009, presso la Sala Rosa della Regione in P.za Dante a Trento alle ore 20.45, ad un incontro per parlare di lotta alle mafie.

Gli ospiti della serata:

• Il testimone di giustizia PINO MASCIARI : ex imprenditore calabrese sottoposto a programma speciale di protezione per aver denunciato la 'ndrangheta e le sue collusioni. Dopo 12 anni di esilio dalla sua terra ha deciso di rivolgersi alla Società Civile per sopperire alle mancanze dello Stato. Pino racconterà la realtà di chi si ribella al sistema mafioso e a quella parte di politica corrotta.

• I giornalisti EMILIANO MORRONE e FRANCESCO SAVERIO ALESSIO: scrittori e collaboratori del Laboratorio Culturale Antimafia “La Voce di Fiore” . Presenteranno il loro libro “La Società Sparente” con prefazione di Gianni Vattimo e Angela Napoli, racconta la vicenda dell’ex pm Luigi De Magistris, la Calabria della corruzione, l’impegno dei movimenti civili a favore del magistrato, le indagini a carico dei consiglieri regionali, la sparizione della società calabrese, delitti e omicidi impuniti alla punta dello Stivale italiano.
Avatar utente
Giorgio R.
Utente Junior
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mer 12 mar 2008 19:41


Torna a Trentino-Alto Adige

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti