4 Ottobre 2009 alle 13:13

carlo gesualdo

di DI MAURO GENNARO (Gesualdo, Campania. Castelli e Fortificazioni. Categoria A)

Gesualdo - carlo gesualdo


Visite: 264.

Risultato voto a scrutinio: 24.32 (Scrutinio: 775°; Totale: 8098°)
Turni (n.Voti/n.Sfide): 1° = 14/16 (88%); 2° = 10/18 (56%); 3° = 12/37 (32%); 4° = no;

Situato al culmine di una collinetta visibile già dalla strada statale offre un’immagine suggestiva immediata: il tipico esempio di ambiente architettonico feudale.
Le origini si fanno risalire alla metà del VII secolo (epoca longobarda). Il complesso edilizio è delimitato da quattro torrioni circolari con cortine cinte da rivellini e con corte centrale, nella quale vi è una vera da pozzo finemente lavorata.
Sotto il cornicione , a lettere cubitali si legge: “CAROLUS GESUALDUS EX NOBILISSIMI ROGERII NORTMANNI APULIAE ET CALABRIAE DUCIS GENERE CONPSAE COMES VENUSII PRINCEPS ETC EREXIT” (Carlo Gesualdo, discendente dal nobilissimo Ruggero il Normanno, Duca di Puglia e Calabria, Conte di Conza, Principe di Venosa, etc. eresse).
Sulla parete di fronte all’ingresso vi è una testa di leone con la bocca spalancata per ospitare, dal retro della stessa, un cannoncino, vero trabocchetto per eventuali assalitori.
Il castello ha subito vari danni e saccheggi nel corso dei secoli: durante la guerra franco-spagnola (1460), quando Ferrante I d’Aragona, per impadronirsi della fortezza, la distrusse in parte; con l’arrivo delle truppe francesi nel 1799; con gli eventi sismici avuti nel corso dei secoli fino a quelli gravissimi del 1980 che hanno costretto i proprietari ad abbandonarlo per pericolo di ulteriori crolli. Oggi è in attesa di un costosissimo intervento di ripristino.

Rete Blog Gesualdo Guida Wiki Gesualdo Descrizioni su Gesualdo Forum Campania

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.