23 Febbraio 2010 alle 23:38

dalla “terrazza dell’infinito” ammiro Maiori

di Diana Cocco (Maiori, Campania. Panorami. Categoria B)

Maiori - dalla "terrazza dell'infinito" ammiro Maiori


Visite: 1614.

Risultato voto a scrutinio: 23.55 (Scrutinio: 1827°; Totale: 8681°)
Turni (n.Voti/n.Sfide): 1° = 6/12 (50%); 2° = 8/14 (57%); 3° = 11/27 (41%); 4° = no;

Il comune di Maiori si trova situato sul Golfo di Salerno, a metà strada tra Amalfi e Salerno. E’ un piccolo e caratteristico centro situato sulla Costiera amalfitana, all’imbocco della valle di Tramonti. Gode di un clima piacevole, con poche precipitazioni.
La cittadina è principalmente una località turistica con una vista mirabile, anche sulla spiaggia più lunga di questo tratto di costa della penisola amalfitana. Per queste sue caratteristiche Maiori nel ‘900 è stata prescelta come location da parte di Roberto Rossellini per girare film come Paisà, “Il Miracolo” ed il secondo episodio della pellicola “L’Amore”, “La macchina ammazzacattivi” ed infine “Il Viaggio in Italia”. Anche l’episodio “siciliano” del film Paisà fu girato tra le mura della Torre Normanna di Maiori. Inoltre, nello stesso film, il bambino protagonista dell’episodio “napoletano”, fu Alfonso Bovino, maiorese DOC.
Ad oggi non si sa con certezza chi siano stati i veri fondatori di Maiori. Alcuni attribuiscono la fondazione della cittadina ai greci, agli etruschi, ai picentini, ai romani e finanche al principe dei longobardi Sicardo.
Il nome originario di Maiori era Reghinna Maior per distinguerlo dalla vicina cittadina Reghinna Minor (l’attuale Minori). Inizialmente tutte le cittadine della costa vennero formate dai conquistatori che si susseguivano, come p.e. gli etruschi ed i romani. Nel periodo della caduta dell’ Impero Romano d’Occidente vi furono altri insediamenti. Intorno al 830 i luoghi della costa furono riuniti in una “Confederazione degli Stati Amalfitani”. Fecero parte della Repubblica marinara di Amalfi le città tra Lettere e Tramonti e tra Cetara e Positano, anche Capri. I loro abitanti vennero chiamati “Amalfitani”. Ogni città in quel periodo mantenne il proprio nome e la propria autonomia amministrativa, svolgendo un ruolo specifico nella Confederazione. Dopo l’anno mille Maiori , con Amalfi, passò a fare parte del Principato di Salerno e ne seguí le vicende storiche.
Nel 1343 una mareggiata distrusse gran parte del litorale di tutta la Costiera.

Rete Blog Maiori Guida Wiki Maiori Descrizioni su Maiori Forum Campania

12 commenti a “dalla “terrazza dell’infinito” ammiro Maiori”

  1. pinot scrive:

    Inquadratura invitante, ottimo il contrasto tonale.

  2. Ginoportici scrive:

    E noi ammiriamo il tuo capolavoro… ;)
    Un carissimo saluto!

  3. Giusy Pelu scrive:

    Bellissima inquadratura. brava come sempre.

  4. Diana Cocco (Senior) scrive:

    e sì, il panorma più incantevole del mondo, così scriveva il famoso scrittore americano Hemingway, quando si trovò a Ravello, altrettanto Greta Garbo - Lady Daiana princess of Great Britain, Wagner e anche Diana che adora Ravello. (la foto del mio avatar fu scattata a Ravello qualche anno fa)
    ciao Gino ;)

  5. Diana Cocco (Senior) scrive:

    grazie pinot
    gentilissimo come sempre e sempre contenta di averti nella mia galleria
    ciao Diana

  6. Diana Cocco (Senior) scrive:

    grazie Giusy
    probabilmente avrà un punteggio basso - ma adoro questa terrazza a Villa Cimbrone
    ciao

  7. Ginoportici scrive:

    Possiamo dire che a Ravello è ritornata Lady Diana… ;)

  8. Diana Cocco (Senior) scrive:

    infatti caro,
    e sappi che il mio indirizzo e-mail incomincia proprio con ladydi
    :D

  9. Ginoportici scrive:

    Allora gridiamo in coro: W LADY DIANA (Cocco) :lol:

  10. Ginoportici scrive:

    Grazie per il “caro” :oops:

  11. Norasmind scrive:

    Invitante al massimo, grande!

  12. Diana Cocco (Senior) scrive:

    grazie norasmind
    thanks

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.