28 Febbraio 2010 alle 11:50

I colori di Salandra

di Mizar (Salandra, Basilicata. Panorami. Categoria A)

Salandra - I colori di Salandra


Visite: 365.

Risultato voto a scrutinio: 1.81 (Scrutinio: 11034°; Totale: 49240°)
Turni (n.Voti/n.Sfide): 1° = 2/13 (15%); 2° = no; 3° = no; 4° = no;

Salandra è un comune di 3.007 abitanti della provincia di Matera
Il centro abitato sorge su una collina a 598 m s.l.m. in posizione dominante la valle del torrente Salandrella, che costituisce il corso iniziale del fiume Cavone. Il versante che si affaccia sulla valle della Salandrella è caratterizzato da strapiombi e dai caratteristichi calanchi argillosi, mentre invece il versante opposto del territorio comunale, quello che si affaccia sul torrente Gruso, è ricoperto da boschi di querce, che si estendono per oltre 1000 ettari, uliveti e frutteti. Confina con i comuni di Grassano e Grottole a nord, con Ferrandina ad est, con San Mauro Forte a sud-ovest e con Garaguso ad ovest. A tre chilometri dal centro abitato si trova una frazione di Salandra denominata Montagnola.

Relativamente all’origine del nome vi sono due ipotesi; secondo la prima deriva dal greco Thalassa andros, nome composto che significa mare-uomini, e quindi dalla colonizzazione della Magna Grecia. La seconda ipotesi fa invece riferimento al dio greco Acheloo, divinità fluviale da cui prese il nome la Salandrella, l’antico Acalandro citato da Plinio il Vecchio nella sua Naturalis historia; il toponimo Salandra potrebbe quindi derivare da Acheloo Andros, cioè uomini dell’Acheloo.
Il suo territorio fu abitato dagli Enotri sin dall’VIII secolo a.C., come testimoniato dai resti di un antico villaggio in località Monte Sant’Angelo. L’odierno abitato risale invece all’epoca normanna; le prime notizie ufficiali su Salandra si ritrovano in una bolla papale del 1060. Nel 1119 la contessa Emma di Sicilia, moglie di Rodolfo di Montescaglioso e figlia di Ruggero d’Altavilla, concesse in dono il feudo di Salandra all’Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo di Montescaglioso. Successivamente in epoca sveva Salandra fu proprietà del barone Gilberto da Salandra, mentre in epoca angioina passò alla famiglia Sangineto. Nel 1381, in seguito al matrimonio di Margherita di Sangineto con Venceslao Sanseverino, il feudo passò ai Sanseverino, conti di Tricarico. Nel 1485 Antonello Sanseverino, conte di Salerno e capo della Congiura dei Baroni, fu privato di tutti i suoi feudi dal re Ferdinando I di Napoli; il feudo di Salandra fu così venduto e ricomprato più volte negli anni successivi.
Nel 1544 Salandra fu acquistata definitivamente da Francesco Revertera, luogotenente della Regia Camera della Sommaria; i Revertera, diventati duchi di Salandra dal 1614, ne restarono proprietari fino al 1805. Nel 1656 il paese fu colpito dalla peste, ed a seguito di quella calamità fu proclamato patrono San Rocco, il santo taumaturgo. Nel 1799 partecipò attivamente ai moti per la Repubblica Partenopea con l’innalzamento dell’albero della libertà. Successivamente fu duramente colpita dal terremoto del 1857 che sconvolse la Basilicata. Nel 1861, durante il brigantaggio, Salandra fu assaltata dai briganti capeggiati da Crocco e da Borjes: anche se protetto dalla guardia nazionale, il paese fu invaso dai briganti in quanto il popolo, ostile ai signori, aprì un varco ai briganti consentendo loro di entrare nell’abitato.

Fonte: wikipedia

Rete Blog Salandra Guida Wiki Salandra Descrizioni su Salandra Forum Basilicata

1 commento a “I colori di Salandra”

  1. rosa62 scrive:

    mi piace tanto.

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.