24 Luglio 2009 alle 18:03

Curon Venosta…un comune speciale

di gianniB (Curon Venosta, Trentino-Alto Adige. Panorami. Categoria A)

Curon Venosta - Curon Venosta...un comune speciale


Visite: 1085.

Risultato voto a scrutinio: 52.42 (Scrutinio: 1135°; Totale: 8126°)
Turni (n.Voti/n.Sfide): 1° = 11/14 (79%); 2° = 8/13 (62%); 3° = 17/31 (55%); 4° = 23/54 (43%);

Curon Venosta (in tedesco Graun im Vinschgau) è un comune di 2.397 abitanti della Provincia Autonoma di Bolzano.
Il toponimo è attestato dal 1122 come Curunes e deriva dal latino corona (”balza”).[1]
Situato all’estremità nordoccidentale della provincia, confina a nord presso il Passo Resia con l’Austria, e ovest con la Svizzera (Engadina nei Grigioni) e a sud con Malles Venosta. Spesso il comune di Curon viene erroneamente chiamato “Resia”, a causa della maggiore popolarità della omonima frazione. Nel suo territorio si trova il lago di Resia (a 1.498 m s.l.m., con una superficie di 660 ettari), un lago artificiale riempiendo il quale venne sommerso l’antico abitato che venne ricostruito più a monte (1950). Rimane a ricordo soltanto il campanile che emerge dalle acque. Nel territorio comunale, è ubicata anche la stazione meteorologica di San Valentino alla Muta, ufficialmente riconosciuta dall’Organizzazione meteorologica mondiale. Nell’anno 15 a.C. il popolo celtico che abitava la Val Venosta è caduto sotto il dominio dei Romani. Di conseguenza i Romani costruirono la prima via di comunicazione commerciale e militare attraverso il Passo Resia dando ad essa il nome di Via Claudia Augusta, e che nel Medioevo prese il nome di Via Superiore oppure Schwabenweg collegando l’Italia con la Germania. Dopo il 450 dalla Valle dell’Adige e da Coira giunsero nella zona i primi evangelizzatori. Nell’alto Medioevo si stabilirono nell’alta Val Venosta in prevalenza popolazioni provenienti della Germania. Il comune catastale di Resia ha un’Amministrazione Separata dei Beni Civici e viene appunto chiamato frazione. Un composto da 5 membri amministra complessivamente 2900 ettari di cui 921 sono boschivi, circa 1884 alpeggio e 46 destinati al pascolo, il rimanente è improduttivo. Su questa superficie si trovano quattro rifugi per i pastori di cui uno è la Malga di Resia. Durante l’estate le circa 60 famiglie che conducono attività contadine, consegnano per il pascolo circa 550 fino a 600 capi di bestiame. L’attività è svolta da cinque pastori con degli aiutanti. Inoltre una dozzina di boscaioli è impiegata nei vari lavori del bosco. II ricavo da questi beni di uso civico é destinato al mantenimento delle attività.

Rete Blog Curon Venosta Guida Wiki Curon Venosta Descrizioni su Curon Venosta Forum Trentino-Alto Adige

4 commenti a “Curon Venosta…un comune speciale”

  1. giselanto scrive:

    Che spettacolo! Bella foto!
    Ciao

  2. gianniB scrive:

    grazie antonio, questa mi piaceva particolarmente per l’inquadratura differente, saluti, gianni

  3. akane scrive:

    Bellissima questa foto!

  4. gianniB scrive:

    grazie akane della tua gentilezza, gianniB

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.