24 Agosto 2009 alle 11:00

Pratola Peligna

di gianniB (Pratola Peligna, Abruzzo. Panorami. Categoria B)

Pratola Peligna - Pratola Peligna


Visite: 314.

Risultato voto a scrutinio: 8.44 (Scrutinio: 2163°; Totale: 17814°)
Turni (n.Voti/n.Sfide): 1° = 3/14 (21%); 2° = 7/14 (50%); 3° = no; 4° = no;

Pratola Peligna è un comune di 7.888 abitanti della provincia dell’Aquila: fa parte della Comunità montana peligna. Il comune di Pratola Peligna è situato nella Conca Peligna.

Il territorio comunale si estende per circa due terzi su una pianura di tipo alluvionale, per il resto in zona montuosa, arrivando fino alla sommità della dorsale del Morrone.

La zona è attraversata dal fiume Sagittario e da alcuni torrenti stagionali, alimentati dalle numerose sorgenti poste lungo il corso del fiume. Il centro abitato sorge sulla riva sinistra del corso d’acqua. Durante l’ultima guerra mondiale, e precisamente il 2 agosto 1943, fu bombardato dagli alleati lo stabilimento della Montecatini a due chilometri dal paese. Poi basta.[[Media:]]Personalmente rilevato da Alfio Tarullo che vi soggiornò dal luglio 1943 al giugno 1944. In epoca romana si suppone che vi sorgesse uno sconosciuto pagus (villaggio) peligno, che avrebbe partecipato con Corfinium alla guerra sociale contro Roma nel 91 a.C., ma mancano ritrovamenti che ne provino l’esistenza. Nel VI secolo una tomba con corredo ostrogoto attesta l’esistenza di un insediamento, forse coincidente con la località Fara de Campiliano, citata nei documenti dei secoli successivi.

Il primo documento in cui compare il nome di Pratola (”in loco Pratulae) è un contratto agrario del 997, riportato nel Chronicon Volturnensis che tuttavia non si riferisce ancora ad un centro abitato. Nel corso del XII secolo fu creato un centro fortificato: nel 1170 il castrum Pratulae fu assegnato dal normanno Guglielmo II al vescovo Odorisio di Forcona. Nel 1294 il feudo viene assegnato da Carlo II d’Angiò all’abate del monastero di abbazia di Santo Spirito del Morrone, sotto il cui dominio Pratola rimarrà fino al 1807.

La storia del paese è caratterizzata da diversi fermenti popolari ; da ricordare nel 1799 la rivolta contro l’invasione francese (insieme a molti altri comuni d’Abruzzo), l’opposizione alla Costituzione del governo borbonico di Ferdinando II nel 1848 e la sommossa del 1934 contro il regime fascista.

Dal 1863, per regio decreto, il paese ha assunto il nome di Pratola Peligna.

Il 9 gennaio 2006 al comune di Pratola è stata conferita dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi la medaglia di bronzo al merito civile[1]. Il motivo del conferimento è il seguente: “Centro strategicamente importante, durante l’ultimo conflitto mondiale, fu sottoposto a continui e violenti bombardamenti che provocarono numerose vittime civili e la distruzione del patrimonio industriale. La popolazione, costretta a rifugiarsi nella campagna circostante, contribuì alla guerra di liberazione con la costituzione dei primi nuclei partigiani, subendo una feroce rappresaglia da parte dell’esercito tedesco. 1943/1944″.
fonte: it.wikipedia.org/wiki/Pratola_Peligna

Rete Blog Pratola Peligna Guida Wiki Pratola Peligna Descrizioni su Pratola Peligna Forum Abruzzo

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.