GUIDA  Asolo/Cattedrale di Santa Maria Assunta

Da Wiki.
Versione del 23 nov 2011 alle 12:54 di Luciano Salvati (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
La Cattedrale di Santa Maria Assunta
La facciata della Cattedrale
L'interno

La Cattedrale di Santa Maria Assunta (anticamente chiamata anche Santa Maria di Breda) sorge appoggiata alla struttura di un complesso romanico più antico, modificata nel 1747 da un intervento di ristrutturazione su progetto di Giorgio Massari. La facciata attuale invece risale al 1889 ed è opera di Pietro Saccardo.

Il titolo di Cattedrale deriva dal fatto che Asolo fu sede vescovile fin dai primi secoli del Cristianesimo, qui professato da San Prosdocimo, vescovo di Padova. Durante i secoli bui, fra invasioni barbariche, distruzioni, carestie e pestilenze, la sede vescovile venne soppressa con editto dell'imperatore Ottone I nel 969 e la giurisdizione vescovile, che implicava anche il governo del territorio, passò sotto il vescovo di Treviso.

Il titolo di Cattedrale, sempre rivendicato da Asolo, rimase dunque ad honorem, ma comunque contrastato con fermezza da Treviso. Tutti i vescovi hanno però sempre compiuto il gesto formale di prendere possesso della cattedra di Asolo come primo atto pubblico dopo l'ingresso a Treviso; è una pratica che continua tutt'ora.

Inoltre, molti vescovi in passato hanno anche abitato a Asolo, di fronte alla chiesa, nel palazzo che tutt'ora viene chiamato Vescovado. Nel 1969, in occasione del millenario dell'editto di Ottone, la Santa Sede ripristinò la sede vescovile di Asolo, come titolo e senza giurisdizione territoriale per quei vescovi che non hanno sede.

La Cattedrale, nel corso della sua storia, fu insignita di titoli e privilegi da parte di alcuni papi. Particolarmente affezionato fu San Pio X, che qui fu cresimato e da chierico ricevette la tonsura. Giovanni XXIII ripristinò la Collegiata Insigne (1960) e Paolo VI restituì il titolo vescovile (1969).

Uno degli oggetti d'arte di maggior interesse della Cattedrale è la vasca del fonte battesimale, donata dalla Regina del Cornaro nel 1490.

Galleria Foto