GUIDA  Assisi/Basilica di San Francesco

Da Wiki.
(Chiesa superiore)
(Chiesa superiore)
 
Riga 55: Riga 55:
 
*Prime quattro campate e termine della navata. E' lo stupendo ciclo di 28 affreschi opera di '''Giotto''': '''vita di San Francesco'''. All'originale interpretazione di Giorgio Vasari che attribuiva al solo Giotto l'intero ciclo, si contrappone la critica moderna che ritiene che vi abbiano lavorato anche gli altri citati maestri anonimi; ma assolutamente sotto l'unica direzione del pittore di Bondone. La serie, straziante e di struggente bellezza, si ispira alla ''Legenda Maior'' di Bonaventura da Bagnoregio che ci narra gli episodi più significativi della vita del Poverello. I primi sette episodi vanno dalla conversione di San Francesco fino all'approvazione della regola. Il gruppo centrale mostra lo sviluppo dell'Ordine e descrive episodi della vita di San Francesco fino alla sua morte. Gli ultimi sette episodi rappresentano le esequie e la canonizzazione del Santo.
 
*Prime quattro campate e termine della navata. E' lo stupendo ciclo di 28 affreschi opera di '''Giotto''': '''vita di San Francesco'''. All'originale interpretazione di Giorgio Vasari che attribuiva al solo Giotto l'intero ciclo, si contrappone la critica moderna che ritiene che vi abbiano lavorato anche gli altri citati maestri anonimi; ma assolutamente sotto l'unica direzione del pittore di Bondone. La serie, straziante e di struggente bellezza, si ispira alla ''Legenda Maior'' di Bonaventura da Bagnoregio che ci narra gli episodi più significativi della vita del Poverello. I primi sette episodi vanno dalla conversione di San Francesco fino all'approvazione della regola. Il gruppo centrale mostra lo sviluppo dell'Ordine e descrive episodi della vita di San Francesco fino alla sua morte. Gli ultimi sette episodi rappresentano le esequie e la canonizzazione del Santo.
 
<gallery>
 
<gallery>
 +
File:Assisi - Rosone - basilica superiore.jpg
 
File:Assisi_-_Chiostro_Basilica_S._Francesco_Superiore.jpg|Chiostro Basilica di San Francesco Superiore
 
File:Assisi_-_Chiostro_Basilica_S._Francesco_Superiore.jpg|Chiostro Basilica di San Francesco Superiore
 
File:Assisi_-_Cortile_Basilica_S_Francesco_Superiore.jpg
 
File:Assisi_-_Cortile_Basilica_S_Francesco_Superiore.jpg

Versione attuale delle 17:06, 23 ott 2020

La Basilica di San Francesco
La Basilica

Indice

Storia

I lavori di costruzione della Basilica furono iniziati da frate Elia, nominato dallo stesso Francesco vicario dell'Ordine, un anno dopo la morte del Santo, avvenute nel 1226. Già nel 1228 Francesco era stato canonizzato e papa Gregorio IX poneva la prima pietra della basilica. La chiesa fu costruita fuori dalla città, su di un terreno attiguo ad un dirupo donato da Simone di Pucciarello. Il dirupo era noto, almeno fino a quel momento, come Colle dell'Inferno, in quanto vi si impiccavano i malfattori. Da quel momento in poi il colle è stato ribatezzato Colle del Paradiso.

Descrizione

Assisi - Dettaglio Basilica di San Francesco.jpg

La Basilica si compone di due chiese reminiscenti di diverse influenze. All'originale impianto romanico umbro, si sovrappongono elementi di gotico francese, nella chiesa superiore, legate alle maestranze d'oltralpe giunte a seguito della venuta ad Assisi di Aymone di Faversham. Nel 1230 la chiesa inferiore fu ultimata e lì venne traslato il corpo del Santo, fino a quel momento custodito nella Chiesetta di San Giorgio, nelle vicinanze della casa paterna. I lavori si protrassero fino al 1367, con il completamento della cappella di Santa Caterina. Il complesso è tradizionalmente riconosciuto come opera del già citato Elia, al quale si aggiunsero anonime maestranze locali e francesi.


Facciata

Sobria e lineare la facciata coronata da un frontone; propriamente si tratta della facciata della Basilica superiore, in quanto la navata della chiesa inferiore è scavata nella roccia. La facciata è aperta da un portale gemino con due ingressi trilobati. Notevole è il rosone istoriato. Sul fianco sinistro c'è un massiccio campanile romanico ritmato da cornici e diviso da lesene, con cella campanaria aperta da tre fornici.

L'ingresso della chiesa inferiore

Rosone posto sopra l'ingresso della Chiesa Inferiore

L'ingresso della basilica inferiore è spostata sul fianco della navata a causa della pendenza della collina. Si trova sotto la Basilica superiore, scavata entro le viscere del Colle del Paradiso.

L'ingresso è preceduto da un bel protiro rinascimentale opera di Francesco di Bartolomeo da Pietrasanta. Notevoli le imposte lignee del cinquecento, opera di Pompeo Scurscione da Foligno e Niccolò Ugolinuccio da Cagli. L'ingresso vero e proprio, duecentesco, è sormontato da un bassorilievo che raffigura il Poverello.

Interni

Chiesa inferiore

L'interno è a croce egizia con volte a vela lungo le navate e a botte sul transetto. L'ingresso è uno pseudonartece decorato con dipinti del seicento ed alcuni cenotaffi tre-quattrocenteschi.

  • Notevole il monumento sepolcrale a Giovanni da Brienne, di anonimo duecentesco, all'inizio della navata centrale in corrispondenza dello pseudonartece.
  • All'estremità orientale dello pseudonartece è la bella cappella di Santa Caterina o del Crocefisso. Fu l'ultima cappella ad essere aperta nella chiesa. E' di chiara matrice gotica. Meravigliose sono le vetrate policrome delle bifore. Gli affreschi, del 1368, furono realizzati da Andrea da Bologna. Qui venne sepolto il cardinale Egidio Albornoz, prima che la salma fosse traslata in Spagna. Prezioso è il crocefisso duecentesco custodito nella cappella.
  • La navata centrale è completamente decorata con gli affreschi del Maestro di San Francesco. Si tratta di un importante anonimo giottesco. Oltre alle storie di Cristo e del poverello, particolarmente interessanti sono i costoloni con motivi geometrici e le volte con il cielo stellato, diventate un simbolo di Assisi, caro a tutto il pubblico.
  • I cappella a destra: Cappella di Santo Stefano, affreschi di Dono Doni (1575)
  • II cappella a destra: Cappella di Sant'Antonio, bella quadrifora finestrata opera di Giovanni di Bonino
  • III cappella a destra: E' la Cappella della Maddalena, affrescata da Giotto e bottega. Vengono rappresentati vari santi ed altre storie fra le quali segnaliamo la resurrezione di Lazzaro e la cena a casa del fariseo. Notevole è è l'affresco di Tebaldo Pontano protetto da San Rufino.
  • Presbiterio e transetto. Notevole ciclo di affreschi, tradizionalmente attribuiti a Giotto, ma riassegnati, dalla critica più recente a due ignoti artisti della sua bottega, noti come il Parente di Giotto, toscano, e il Maestro delle Vele, umbro. Si tratta di un ciclo sorprendente che ci narra l'Apoteosi di San Francesco e l'Allegoria delle virtù francescane.
    • Nel transetto destro sopravvivono due Madonna col Bambino, una opera di Cimabue ed un'altra di Simone Martini.
    • Abside: notevole coro ligneo (1471)
    • Nel Braccio sinistro della Crociera vi è un meraviglioso ciclo opera di Pietro Lorenzetti, eseguiti fra il 1315 e il 1320.
  • Cappella di san Giovanni Battista, all'estremità del transetto sinistro: Madonna col Bambino, il Battista e San Francesco, opera di Pietro Lorenzetti.
  • All'altezza della terza campata destra. Ambone cosmatesco. Alle spalle è l'Incoronazione di Maria di Puccio Capanna, giottesco umbro.
  • I cappella a sinistra: è la Cappella di San Martino che ospita un fastoso ciclo del maestro senese Simone Martini dedicato al santo.

Chiesa superiore

Rosone della Basilica di San Francesco
Assisi - Rosone della basilica di S. Francesco.jpg

Si tratta di una squisita struttura gotica, a croce latina, con le volte a crociera, meravigliosi pilastri polistili che ritmano le campate. Volte e campate, è tutto superbamente affrescato in modo da meravigliare l'occhio del visitatore. Ampi finestroni cleristorio ed il magistrale rosone illuminano l'interno. Si notino con molta attenzione le antiche e preziose vetrate.

  • Nel transetto sinistro è il sontuoso ciclo di affreschi di Cimabue e bottega, iniziati a partire dal 1277. Da notare la Crocefissione, una delle più suggestive prodotte dal Maestro.
  • Nell'abside è un prezioso ciclo di un anonimo, forse francese o inglese, Maestro Oltremontano. Gli affreschi sono finemente installati nelle strutture architettoniche
    • Si noti la cattedra cosmatesca ed il coro: quest'ultimo è pregevole opera di ebanisteria di Domenico Indivini. Consta di 102 tarsie finemente intagliate.
  • Transetto destro: La fascia superiore è ancora opera del Maestro Oltremontano, coadiuvato da un anonimo maestro romano.
    • La fascia inferiore è opera di Cimabue.
  • Le volte della crociera sono anch'esse opera di Cimabue. Rappresentano gli evangelisti intenti ad evangelizzare i paesi: Giovanni, l'Asia; Luca, la Grecia; Marco, l'Italia. Matteo che evangelizza la Giudea è la vela crollata a seguito del sisma del 1997.
  • Volta della navata, III campata: sono un Gesù, Maria, Battista e Francesco opera del romano Jacopo Toritti e un Dottori della Chiesa, opera collettiva del Maestro della Cattura e del Maestro di Isacco (da alcuni identificato con Giotto giovane).
  • Pareti della Navata, 34 storie del Vecchio e Nuovo Testamento, attribuiti a Jacopo Toritti, al Maestro della Cattura e al Maestro della Pentecoste.
  • Prime quattro campate e termine della navata. E' lo stupendo ciclo di 28 affreschi opera di Giotto: vita di San Francesco. All'originale interpretazione di Giorgio Vasari che attribuiva al solo Giotto l'intero ciclo, si contrappone la critica moderna che ritiene che vi abbiano lavorato anche gli altri citati maestri anonimi; ma assolutamente sotto l'unica direzione del pittore di Bondone. La serie, straziante e di struggente bellezza, si ispira alla Legenda Maior di Bonaventura da Bagnoregio che ci narra gli episodi più significativi della vita del Poverello. I primi sette episodi vanno dalla conversione di San Francesco fino all'approvazione della regola. Il gruppo centrale mostra lo sviluppo dell'Ordine e descrive episodi della vita di San Francesco fino alla sua morte. Gli ultimi sette episodi rappresentano le esequie e la canonizzazione del Santo.

Descrizione del ciclo giottesco

Notes.png Vedi: Descrizione del ciclo giottesco