GUIDA  Marigliano

Da Wiki.
Versione del 3 set 2014 alle 10:37 di Luciano Salvati (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Marigliano
Mappa Interattiva
Siti mariglianesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Marigliano
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Marigliano:
2012, 2009, 2008
Chiesa di San Vito
Villa Comunale

Marigliano è situato in Campania in Provincia di Napoli. Il 20 gennaio si festeggia il Patrono, San Sebastiano. Tra gli edifici religiosi: Chiesa di San Vito; Collegiata di Santa Maria delle Grazie. Da Vedere: Castello Ducale; Palazzo Doria (palazzo nobiliare del XVIII secolo).

Confina con i comuni di: Acerra, Brusciano, Mariglianella, Nola, Somma Vesuviana, San Vitaliano e Scisciano.

Indice

Storia

La struttura urbana di Marigliano è di tipo ippodamea, con sette cardini, due decumani e quattro porte d'accesso, ora non più presenti. Si pensa che per questa sua forma sia nata come oppidulum, cioè una città cinta da mura, con templi, abitazioni e terme.

La sua origine risale al periodo romano, infatti è proprio dai romani che deriva il toponimo. L'origine più probabile del termine Marigliano è la parola latina Marilius, meno probabile è l'origine da Marius, appartenente alla gens Maria.

Non si sa precisamente quando la città sia diventata un vero e proprio villaggio, si sa solo che Quinto Fabio Labeone la sottrasse ai napoletani rendendola campus romanus.

Purtroppo con la caduta dell'Impero Romano fu soggetta ad una serie di saccheggi ad opera dei barbari. Con l'età feudale passò nelle mani di alcune famiglie nobili, tra cui i Carafa, e solo nel XVII secolo poté elevarsi a ducato.

Lapidi Commemorative

Durante il XX secolo sono stati riportati alla luce resti di un tempietto. I ritrovamenti sono stati casuali e di rilevante importanza sono le lapidi e le tombe le cui iscrizioni fanno risalire i reperti al periodo che va dal I al III secolo d.C.

La frase latina incisa sul mezzo busto di un uomo con la toga è: "C.Statio Q.F.Fal.Heredes Ex Testamento". Da ricordare sono anche due blocchi funerari in onore agli antichi Dei con l'iscrizione "Diis Manibus".

Dell'epoca medievale sono invece le antiche mura di cinta, realizzate tra il XII e il XIII secolo.

Anche lo stemma della città rimanda al Medioevo e presenta un castello con dei merli e delle torrette.

Eventi

La festa più importante è quella dedicata a San Sebastiano, patrono della città.

In due occasioni i cittadini si riuniscono per adorarlo: a gennaio e a settembre. A gennaio i fedeli organizzano una processione al seguito della statua del Santo, mentre a settembre sagre di prodotti tipici e musiche dal vivo allietano la celebrazione.

Biblioteche

  • Biblioteca del Convento francescano di San Vito dei Frati minori, Corso Vittorio Emanuele, 236
  • Biblioteca pubblica, Piazza Roma

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Associazione Miuli Onlus, Via Somma, 157
  • Collettivo Utopia, Corso Umberto I, 413 [1]
  • Di Vivo Disabili e Volontari, Via San Pietro
  • Irene 95 Soc. Cooperatica Solidarieta Sociale A R.L. Onlus, Corso Campano, 106
  • U. S. Comprensorio Mariglianese, Via Arcamone (Contrada Pantano)
  • Un Cuore Nella Città - Opera Assistenza Socio Sanitaria Int. Onlus - C.S.P.A., Via Masseriola Del Bosco, 12

Informazioni Utili

Icona train t.gif Come Arrivare Icona church t.gif Edifici Religiosi Icona palazzi t.gif Ville e Palazzi Icona dinner t.gif Dove Mangiare Icona sport t.gif Impianti Sportivi

Memorie Storiche

In Corografia dell'Italia (1833) così viene descritto il comune:

MARIGLIANO, borgo del regno delle Duesicilie, prov. di Napoli, dalla qual città è distante 12 miglia verso greco. È stazione postale lungo la via Reggia, cioè che conduce a Reggio di Calabria. Contiene quasi 5,000 abitanti; ha strade tutte in retta linea ed un bel tempio per sua chiesa parrocchiale. Vi sono preziosi ruderi d'antichità, supposti essere le rovine del palazzo dei Marii, famiglia romana, che quivi edificata vi avea una magnifica villa; in fatti il nome latino di questo borgo è Marianum. I suoi dintorni abbondano di cereali, di viti, di ulivi e di quasi ogni sorta di piante fruttifere. Ai 9 di giugno comincia una fiera, che dura cinque giorni.