GUIDA  Marnate

Da Wiki.
Riga 1: Riga 1:
 
{{BoxComune|idp=012|idc3=098|nome=Marnate|abitanti=marnatesi}}
 
{{BoxComune|idp=012|idc3=098|nome=Marnate|abitanti=marnatesi}}
'''Marnate''' è situato nella [[Lombardia]] nella [[Provincia di Varese]]. Il 13 settembre si festeggia il Patrono, Sant’Ilario. Tra gli edifici religiosi: Chiesa di Sant'Ilario; Chiesa di San Pietro e Paolo; Chiesa di San Sebastiano.
+
'''Marnate''' è situato in [[Lombardia]] in [[Provincia di Varese]]. Il 13 settembre si festeggia il Patrono, Sant’Ilario. Tra gli edifici religiosi: Chiesa di Sant'Ilario; Chiesa di San Pietro e Paolo; Chiesa di San Sebastiano.
  
 
Confina con i comuni di: [[Gorla Minore]], [[Olgiate Olona]], [[Castellanza]] e [[Rescaldina]].
 
Confina con i comuni di: [[Gorla Minore]], [[Olgiate Olona]], [[Castellanza]] e [[Rescaldina]].
 +
 +
==Dove Mangiare==
 +
*Ristorante Mondo Domani, Via Giovanni Pascoli, 222
  
 
==Biblioteche==
 
==Biblioteche==

Versione delle 21:26, 25 ago 2008

Pagine Utili sul Comune
Scheda su Marnate
Mappa Interattiva
Siti marnatesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Marnate
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Marnate:
2012, 2009, 2008

Marnate è situato in Lombardia in Provincia di Varese. Il 13 settembre si festeggia il Patrono, Sant’Ilario. Tra gli edifici religiosi: Chiesa di Sant'Ilario; Chiesa di San Pietro e Paolo; Chiesa di San Sebastiano.

Confina con i comuni di: Gorla Minore, Olgiate Olona, Castellanza e Rescaldina.

Indice

Dove Mangiare

  • Ristorante Mondo Domani, Via Giovanni Pascoli, 222

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale, Piazza S. Ilario, 1

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • La Primula Associazione di Volontariato Onlus, Via Italia, 143

Memorie Storiche

Il libro Antiquario della Diocesi di Milano (1828) così riporta:

MARNATE, di cui è titolare il vescovo s. Ilario, che sebbene estraneo, fu benemerito della Chiesa Milanese. Fu qui l'abitazione di nobili famiglie, come lo è ancora questo paese. Un tragico avvenimento, qui accaduto nel 1257, diede l'ultima spinta al popolo di Milano contro la nobiltà. Guglielmo Salvo di Porta Vercellina andava creditore di una grossa somma dal nobile Guglielmo da Landriano. Questi invitò a questa sua villa il suo creditore, e dopo la cena con un colpo di scure se ne sbrigò. Ritrovato il cadavere sotto un mucchio di paglia, fu recato a Milano, dove essendo mostrato in pubblica piazza, v'era chi gridava: Così si tratta la povera gente, che cerca il suo! A tai voci furibondo il popolo distrusse la casa del Landriani, e scacciò dalla città i nobili.