GUIDA  Pisciotta

Da Wiki.
Riga 17: Riga 17:
 
==Biblioteche==
 
==Biblioteche==
 
*Biblioteca Comunale, Via Roma
 
*Biblioteca Comunale, Via Roma
 +
 +
==Memorie Storiche==
 +
In [[Libri/Corografia dell'Italia]] ('''1834''') così viene descritta la frazione del comune:
 +
 +
{{Citazione|RODIO, vill. del regno delle Duesicilie, nel citeriore Principato, dist. di Vallo, cant. di Pisciotta, 2 miglia discosto dalla spiaggia del mare Tirreno, in una valle ubertosissima di cereali e di legumi, con floride piantagioni di viti e di ulivi. Le vicine montagne abbondano di castagneti e di roveri, per cui vi si ingrassano molti maiali. Gli aranci ed i fichi consideransi i migliori di quel distretto, per il che se ne esporta una buona quantità. Formasi di quattro frazioni, ''Rodio, Ascea, Catona e Terradura'', e conta quasi 1,900 abitanti. Tra Rodio ed Ascea sorge una collinetta chiamata i Candidati, alle di cui falde veggonsi alcuni ruderi, fra i quali, scavando, si sono trovati dei sepolcri antichi. Sta 5 miglia ad ostro dal Vallo e 2 a borea da Pisciotta.
 +
}}
  
 
==Lapidi Commemorative==
 
==Lapidi Commemorative==

Versione delle 15:05, 10 dic 2010

Pagine Utili sul Comune
Scheda su Pisciotta
Mappa Interattiva
Siti pisciottani
Amministrazione Comunale
Statistiche su Pisciotta
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Pisciotta:
2012, 2009, 2008
Panorama della città tra gli ulivi

Pisciotta è situato in Campania in Provincia di Salerno. Il 10 agosto si festeggia il Patrono, Sant'Agnello Abate.

Confina con i comuni di: Ascea, San Mauro La Bruca e Centola.

Il Comune, in quanto parte del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, è Patrimonio dell'Umanità iscritto nella prestigiosa lista dei Siti Unesco.

Indice

Da Vedere

Il borgo medioevale
  • Chiesa Madre dei SS. Apostoli Pietro e Paolo

Dove Mangiare

  • Ristorante Angiolina, Via Passariello, 2 Telefono 0974/973188. Vedi: intervista
  • Ristorante Perbacco, Contrada Marina Campagna, 5. Tel. 0974-973889

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale, Via Roma

Memorie Storiche

In Corografia dell'Italia (1834) così viene descritta la frazione del comune:

RODIO, vill. del regno delle Duesicilie, nel citeriore Principato, dist. di Vallo, cant. di Pisciotta, 2 miglia discosto dalla spiaggia del mare Tirreno, in una valle ubertosissima di cereali e di legumi, con floride piantagioni di viti e di ulivi. Le vicine montagne abbondano di castagneti e di roveri, per cui vi si ingrassano molti maiali. Gli aranci ed i fichi consideransi i migliori di quel distretto, per il che se ne esporta una buona quantità. Formasi di quattro frazioni, Rodio, Ascea, Catona e Terradura, e conta quasi 1,900 abitanti. Tra Rodio ed Ascea sorge una collinetta chiamata i Candidati, alle di cui falde veggonsi alcuni ruderi, fra i quali, scavando, si sono trovati dei sepolcri antichi. Sta 5 miglia ad ostro dal Vallo e 2 a borea da Pisciotta.

Lapidi Commemorative