GUIDA  Provincia di Cosenza

Da Wiki.
m (Creazione della Pagina)
 
 
(6 revisioni intermedie di 3 utenti non mostrate)
Riga 1: Riga 1:
 
{{BoxProvincia|idp=078|nome=Provincia di Cosenza}}La '''Provincia di Cosenza''' è parte della [[Calabria|Regione Calabria]] e comprende '''155''' comuni. Confina con le province di [[Provincia di Catanzaro|Catanzaro]], [[Provincia di Crotone|Crotone]], [[Provincia di Matera|Matera]] e [[Provincia di Potenza|Potenza]].
 
{{BoxProvincia|idp=078|nome=Provincia di Cosenza}}La '''Provincia di Cosenza''' è parte della [[Calabria|Regione Calabria]] e comprende '''155''' comuni. Confina con le province di [[Provincia di Catanzaro|Catanzaro]], [[Provincia di Crotone|Crotone]], [[Provincia di Matera|Matera]] e [[Provincia di Potenza|Potenza]].
  
Il capoluogo è '''[[Cosenza]]''', mentre gli altri comuni della provincia sono: [[Acquaformosa]], [[Acquappesa]], [[Acri]], [[Aiello Calabro]], [[Aieta]], [[Albidona]], [[Alessandria del Carretto]], [[Altilia]], [[Altomonte]], [[Amantea]], [[Amendolara]], [[Aprigliano]], [[Belmonte Calabro]], [[Belsito]], [[Belvedere Marittimo]], [[Bianchi]], [[Bisignano]], [[Bocchigliero]], [[Bonifati]], [[Buonvicino]], [[Calopezzati]], [[Caloveto]], [[Campana]], [[Canna]], [[Cariati]], [[Carolei]], [[Carpanzano]], [[Casole Bruzio]], [[Cassano allo Ionio]], [[Castiglione Cosentino]], [[Castrolibero]], [[Castroregio]], [[Castrovillari]], [[Celico]], [[Cellara]], [[Cerchiara di Calabria]], [[Cerisano]], [[Cervicati]], [[Cerzeto]], [[Cetraro]], [[Civita]], [[Cleto]], [[Colosimi]], [[Corigliano Calabro]], [[Cropalati]], [[Crosia]], [[Diamante]], [[Dipignano]], [[Domanico]], [[Fagnano Castello]], [[Falconara Albanese]], [[Figline Vegliaturo]], [[Firmo]], [[Fiumefreddo Bruzio]], [[Francavilla Marittima]], [[Frascineto]], [[Fuscaldo]], [[Grimaldi]], [[Grisolia]], [[Guardia Piemontese]], [[Lago]], [[Laino Borgo]], [[Laino Castello]], [[Lappano]], [[Lattarico]], [[Longobardi]], [[Longobucco]], [[Lungro]], [[Luzzi]], [[Maierà]], [[Malito]], [[Malvito]], [[Mandatoriccio]], [[Mangone]], [[Marano Marchesato]], [[Marano Principato]], [[Marzi]], [[Mendicino]], [[Mongrassano]], [[Montalto Uffugo]], [[Montegiordano]], [[Morano Calabro]], [[Mormanno]], [[Mottafollone]], [[Nocara]], [[Oriolo]], [[Orsomarso]], [[Paludi]], [[Panettieri]], [[Paola]], [[Papasidero]], [[Parenti]], [[Paterno Calabro]], [[Pedace]], [[Pedivigliano]], [[Piane Crati]], [[Pietrafitta]], [[Pietrapaola]], [[Plataci]], [[Praia a Mare]], [[Rende]], [[Rocca Imperiale]], [[Roggiano Gravina]], [[Rogliano]], [[Rose]], [[Roseto Capo Spulico]], [[Rossano]], [[Rota Greca]], [[Rovito]], [[San Basile]], [[San Benedetto Ullano]], [[San Cosmo Albanese]], [[San Demetrio Corone]], [[San Donato di Ninea]], [[San Fili]], [[San Giorgio Albanese]], [[San Giovanni in Fiore]], [[San Lorenzo Bellizzi]], [[San Lorenzo del Vallo]], [[San Lucido]], [[San Marco Argentano]], [[San Martino di Finita]], [[San Nicola Arcella]], [[San Pietro in Amantea]], [[San Pietro in Guarano]], [[San Sosti]], [[San Vincenzo la Costa]], [[Sangineto]], [[Santa Caterina Albanese]], [[Santa Domenica Talao]], [[Santa Maria del Cedro]], [[Santa Sofia D'Epiro]], [[Sant'Agata di Esaro]], [[Santo Stefano di Rogliano]], [[Saracena]], [[Scala Coeli]], [[Scalea]], [[Scigliano]], [[Serra d'Aiello]], [[Serra Pedace]], [[Spezzano Albanese]], [[Spezzano della Sila]], [[Spezzano Piccolo]], [[Tarsia]], [[Terranova da Sibari]], [[Terravecchia]], [[Torano Castello]], [[Tortora]], [[Trebisacce]], [[Trenta]], [[Vaccarizzo Albanese]], [[Verbicaro]], [[Villapiana]] e [[Zumpano]].
+
Il capoluogo è '''[[Cosenza]]''', qui gli altri [[:Categoria:Comuni Provincia di Cosenza|comuni della provincia]].
  
[[Categoria:Province Calabria]] [[Categoria:Province Italia]]
+
==Ritratto della Provincia==
 +
E' la quinta provincia più estesa d'[[Italia]], la prima della [[Calabria]] per numero di abitanti e di comuni (in tutto 105). Il territorio è disegnato tra la catena del Pollino a nord, il golfo di Taranto a est, l''''altopiano della Sila''' a sud, il mar Tirreno a sud.
 +
 
 +
Dal punto di vista morfologico può essere suddivisa in '''cinque regioni morfologiche''': il gruppo calabro-lucano (tra cui svetta Cozzo Pellegrino); la catena costiera Paolana; il vallo del fiume Crati, il principale della regione (che comprende la piana di Sibari); l'altopiano della Sila Grande; la fascia retrostante la costiera ionica. L'immenso patrimonio forestale silano la rende '''una delle zone più boscose d'Italia'''.
 +
Nell'economia regionale e dell'intero meridione ha un ruolo centrale la produzione di energia elettrica impiantata sugli invasi dei '''numerosi laghi artificiali''' - vedi l'Ampollino, il Cecita, l'Arvo. Per il resto l'economia cosentina si presenta per lo più di carattere agricolo (tra i maggiori centri [[Rossano]], [[Cassano all'Ionio]] e [[Castrovillari]], questi ultimi due rinomati
 +
centri di produzione di '''vini pregiati'''). Attivi anche lo sfruttamento delle risorse forestali, l'industria e l'artigianato (lavorazioni tipiche del tessile a [[Longobucco]] e ceramiche a [[Cariati]] e [[Bisignano]]).
 +
 
 +
Il settore turistico viaggia su grandi numeri per il fascino delle risorse montane e della costa.
 +
Le mete montane più suggestive sono legate ai due principali parchi della provincia: il '''Parco Nazionale del Pollino''' e il '''Parco Nazionale della Sila'''.
 +
Il patrimonio naturalistico del Pollino cosentino comprende: la catena montuosa dell'Orsomarso con la '''Valle del fiume Argentino''' (di enorme valore floro-faunistico), nell'omonimo [[Orsomarso|comune]]; la Valle del Fiume Lao (a [[Papasidero]]); le Gole del Raganello (a [[San Lorenzo Bellizzi]]).
 +
Dal punto di vista culturale , quest'area consegna testimonianze preziose della '''civiltà Arbereshe''' (antica stirpe albanese impiantatasi nell'Italia meridionale nel XV sec.), in borghi che hanno conservato l'antico assetto medievale: [[Civita]] (con un affascinante Museo etnico), [[Frascineto]], [[Lungro]], [[Plataci]] e [[San Basile]]. Altre zone d'interesse storico: [[Castrovillari]], [[Morano Calabro]] (borgo tardomedievale, che ospita un prezioso Museo di civiltà agricola e pastorale) e [[Laino Borgo]].
 +
 
 +
Il versante cosentino della Sila è ricco di '''rarità paesaggistiche''': i canyon del torrente Trionto a [[Longobucco]] (da cui si raggiunge monte Paleparto, il più alto della Sila Greca), la stazione sciistica di Lorica, tra [[Pedace]] e [[San Giovanni in Fiore]] (con l'abbazia Florense fondata nel XII sec. da '''Gioacchino da Fiore''' e il Museo demologico); la favolosa '''Oasi naturalistica del Lago di Ariamacina''' a [[Serra Pedace|Silvana Mansio]] (che ospita gli impianti sciistici di Carlomagno, raggiunti dalla locomotiva a vapore del Trenino della sila); la ineguagliabile cornice di '''Botte Donato''' (il più alto di tutta la catena della Sila) e di Lago Votturino a [[Spezzano della Sila|Camigliatello Silano]] (rinomata meta per gli amanti degli sport invernali); la fiumarella di Macchialonga a [[Spezzano Piccolo]] (con la quattrocentesca parrocchiale dell'Assunta). 
 +
 
 +
Le principali mete balneari: [[Cassano all'Ionio|Sibari]], [[Diamante]], [[Praia a Mare]], [[Cetraro]].
 +
 
 +
==Bibliografia==
 +
*''Monumenti naturali della provincia di Cosenza'', Ortensio Longo, Ed. Le Nuvole (2004)
 +
*''Provincia di Cosenza'', Francesco Donato, collana "Arte e storia", Ed. Pellegrini (1970)
 +
*''Suggestioni e incanti. Provincia di Cosenza'', Enzo Costabile, collana "Le province d'Italia", Ed. Italia Turistica
 +
*''Monumenti naturali della provincia di Cosenza'', Ortensio Longo, Ed. Le Nuvole (2004)
 +
*''Cosenza e la sua provincia dall'Unità al fascismo'', Enzo Stancati, Ed. Pellegrini (1988)
 +
*''I processi politici del 1848 nella provincia di Cosenza'', Rossella Folino Gallo, Ed. Ursini
 +
 
 +
[[Categoria:Province Calabria]] [[Categoria:Province Italia|Cosenza]]

Versione attuale delle 17:40, 8 giu 2010

Pagine Utili sulla Provincia
Scheda Provincia di Cosenza
Offerte Lavoro
Giunta e Consiglio
La Provincia di Cosenza è parte della Regione Calabria e comprende 155 comuni. Confina con le province di Catanzaro, Crotone, Matera e Potenza.

Il capoluogo è Cosenza, qui gli altri comuni della provincia.

Ritratto della Provincia

E' la quinta provincia più estesa d'Italia, la prima della Calabria per numero di abitanti e di comuni (in tutto 105). Il territorio è disegnato tra la catena del Pollino a nord, il golfo di Taranto a est, l'altopiano della Sila a sud, il mar Tirreno a sud.

Dal punto di vista morfologico può essere suddivisa in cinque regioni morfologiche: il gruppo calabro-lucano (tra cui svetta Cozzo Pellegrino); la catena costiera Paolana; il vallo del fiume Crati, il principale della regione (che comprende la piana di Sibari); l'altopiano della Sila Grande; la fascia retrostante la costiera ionica. L'immenso patrimonio forestale silano la rende una delle zone più boscose d'Italia. Nell'economia regionale e dell'intero meridione ha un ruolo centrale la produzione di energia elettrica impiantata sugli invasi dei numerosi laghi artificiali - vedi l'Ampollino, il Cecita, l'Arvo. Per il resto l'economia cosentina si presenta per lo più di carattere agricolo (tra i maggiori centri Rossano, Cassano all'Ionio e Castrovillari, questi ultimi due rinomati centri di produzione di vini pregiati). Attivi anche lo sfruttamento delle risorse forestali, l'industria e l'artigianato (lavorazioni tipiche del tessile a Longobucco e ceramiche a Cariati e Bisignano).

Il settore turistico viaggia su grandi numeri per il fascino delle risorse montane e della costa. Le mete montane più suggestive sono legate ai due principali parchi della provincia: il Parco Nazionale del Pollino e il Parco Nazionale della Sila. Il patrimonio naturalistico del Pollino cosentino comprende: la catena montuosa dell'Orsomarso con la Valle del fiume Argentino (di enorme valore floro-faunistico), nell'omonimo comune; la Valle del Fiume Lao (a Papasidero); le Gole del Raganello (a San Lorenzo Bellizzi). Dal punto di vista culturale , quest'area consegna testimonianze preziose della civiltà Arbereshe (antica stirpe albanese impiantatasi nell'Italia meridionale nel XV sec.), in borghi che hanno conservato l'antico assetto medievale: Civita (con un affascinante Museo etnico), Frascineto, Lungro, Plataci e San Basile. Altre zone d'interesse storico: Castrovillari, Morano Calabro (borgo tardomedievale, che ospita un prezioso Museo di civiltà agricola e pastorale) e Laino Borgo.

Il versante cosentino della Sila è ricco di rarità paesaggistiche: i canyon del torrente Trionto a Longobucco (da cui si raggiunge monte Paleparto, il più alto della Sila Greca), la stazione sciistica di Lorica, tra Pedace e San Giovanni in Fiore (con l'abbazia Florense fondata nel XII sec. da Gioacchino da Fiore e il Museo demologico); la favolosa Oasi naturalistica del Lago di Ariamacina a Silvana Mansio (che ospita gli impianti sciistici di Carlomagno, raggiunti dalla locomotiva a vapore del Trenino della sila); la ineguagliabile cornice di Botte Donato (il più alto di tutta la catena della Sila) e di Lago Votturino a Camigliatello Silano (rinomata meta per gli amanti degli sport invernali); la fiumarella di Macchialonga a Spezzano Piccolo (con la quattrocentesca parrocchiale dell'Assunta).

Le principali mete balneari: Sibari, Diamante, Praia a Mare, Cetraro.

Bibliografia

  • Monumenti naturali della provincia di Cosenza, Ortensio Longo, Ed. Le Nuvole (2004)
  • Provincia di Cosenza, Francesco Donato, collana "Arte e storia", Ed. Pellegrini (1970)
  • Suggestioni e incanti. Provincia di Cosenza, Enzo Costabile, collana "Le province d'Italia", Ed. Italia Turistica
  • Monumenti naturali della provincia di Cosenza, Ortensio Longo, Ed. Le Nuvole (2004)
  • Cosenza e la sua provincia dall'Unità al fascismo, Enzo Stancati, Ed. Pellegrini (1988)
  • I processi politici del 1848 nella provincia di Cosenza, Rossella Folino Gallo, Ed. Ursini