GUIDA  Provincia di Teramo

Da Wiki.
Versione del 4 dic 2009 alle 11:21 di Alessandra Schettino (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Pagine Utili sulla Provincia
Scheda Provincia di Teramo
Offerte Lavoro
Giunta e Consiglio
La Provincia di Teramo è parte della Regione Abruzzo e comprende 47 comuni. Confina con le province di Ascoli Piceno, L'Aquila, Pescara e Rieti.
Teramo
I guardiani della cascata ruggente

Il capoluogo è Teramo, qui gli altri comuni della provincia.

Ritratto della Provincia

E' la provincia più piccola della regione per numero di abitanti. Il territorio ha una aspetto abbastanza variegato, passando dalle guglie della catena del Gran Sasso (che in Corno Grande la vetta maggiore) e dai canyon della Laga a un sistema di vallate legato ai corsi principali (come la Val Tordino e quella del Vomano), che culmina sul versante orientale nel tratto di costa (compreso tra le foci del fiume Tronto e del torrente Piomba) bagnato dal mar Adriatico.

L'economia teramana abbraccia diversi settori: dall'agricoltura alla pesca (Silvi principale mercato all'ingrosso del pesce), dall'industria (in particolare alimentare e tessile, tra i centri principali, oltre al capoluogo, a Giulianova, Tortoreto, Pineto, Sant'Egidio alla Vibrata) all'artigianato (su tutti il corallo di Giulianova e le ceramiche di Castelli). Il turismo ruota sulle stazioni balneari della costa adriatica (Tortoreto Lido, Alba Adriatica, Roseto degli Abruzzi, Silvi Marina) e le località montane immerse nel Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, tra cui: Civitella del Tronto (con le affascinanti grotte del Salinello); Cortino (con le tipiche case dei pastori sulla strada del rifugio di Cegno); Tossicia (porta d'accesso al Parco); Fano Adriano (con la stazione sciistica a Prato Selva); Isola del Gran Sasso d'Italia (con la splendida cornice della frazione Fano a Corno ai piedi del Gran Sasso).

Tra i monumenti più significativi: il quattrocentesco Palazzo Farnese e la Scala Santa a Campli (che si caratterizza per le case porticate di origine medievale del centro storico); la Fortezza Sveva (la seconda in Europa per dimensioni) e l'abbazia di Santa Maria in Montesanto (del XIII sec.) a Civitella del Tronto; Castello Bonifaci a Vallenquina; la quattrocentesca chiesa di San Donato (con lo splendido soffitto maiolicato) a Castelli (che ospita un interessante Museo della Ceramica); la trecentesca chiesa di Santa Maria Apparens a Crognaleto; la chiesa degli Zoccolanti (del XVI sec.) a Montorio al Vomano; la duecentesca cattedrale di Santa Maria Assunta (con il Museo Capitolare) e la gotico-rinascimentale chiesa di Sant'Agostino ad Atri; la chiesa di Santa Maria di Ronzano a Castel Castagna; la romanica chiesa di San Salvatore a Canzano; la chiesa di San Martino (del XII sec.) a Nereto; la romanica chiesa di Santa Maria di Propezzano a Morro d'Oro.

Bibliografia

  • L'economia della provincia di Teramo. Modelli produttivi e cambiamenti strutturali, G. Mauro; Franco Angeli (2008)