GUIDA  San Nicandro Garganico/Torri Costiere d'Avvistamento

Da Wiki.
Versione del 8 nov 2013 alle 11:16 di Emmaromanazzi (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Le Torri costiere d’avvistamento costruite in tutta la Puglia, dalla provincia di Lecce, alla provincia di Taranto e Foggia,così come in tutto il Regno di Napoli, anche nel territorio del Gargano,le torri costiere di avvistamento furono costruite e realizzate tra il 1568 ed il 1569 e si estendono da Termoli a Margherita di Savoia, quando il funzionario della corte di Napoli, Alfonso Salazar ordinò la costruzione di 21 torri. Il sistema difensivo mirava affinchè le torri potessero essere viste le une con le altre e trasmettersi segnali visivi di fumo o fuoco, oppure sonori. Costruite generalmente da privati, le caratteristiche architettoniche comuni erano: base a pianta quadrata o circolare, una forma tronco – piramidale, provviste di feditoie per gli archibugi , smeriglie e alabardi. Al piano terra era prevista una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana, generalmente la torre era costituita da un unico vano; in seguito vennero realizzate torri a pianta quadrangolare e negli ambienti superiori o sulla terrazza delimitata da merlature, si poteva accedere per mezzo di una scala interna di legno che veniva calata. Le scale esterne in pietra, visibili in alcune torri, come la Torre San Felice a Vieste furono costruite molti anni dopo, infatti risalgono al secolo XVI/XVII, quando ormai non vi erano piu’ timori di attacchi da parte dei pirati e dei briganti. Alcune torri erano piccole in quanto servivano soltanto come torri d’avvistamento; altre avevano una costruzione piu’ massiccia perché utilizzate come sede di comando o per deposito delle merci ed avevano una altezza di circa 12 metri. Alcune torri costiere sono rimaste intatte, altre ridotte a ruderi o abbandonate.