GUIDA  Traversella

Da Wiki.
Versione del 3 mar 2011 alle 15:14 di Maria Minopoli (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Traversella
Mappa Interattiva
Siti traversellesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Traversella
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Traversella:
2012, 2009, 2008

Traversella è situato nel Piemonte, ai confini con la Valle d'Aosta, nella Provincia di Torino. Il 16 gennaio si festeggia il Patrono, San Marcello. Tra gli edifici religiosi: Chiesa Parrocchiale di Santa Croce.

Confina con i comuni di: Meugliano, Tavagnasco, Trausella, Valprato Soana, Ingria, Frassinetto, Quincinetto, Vico Canavese, Ronco Canavese, Brosso, Castelnuovo Nigra, Pontboset e Donnas. E' a circa cinquantasette chilometri da Torino.

Storia

Nell'undicesimo secolo Traversella è già feudo dei Castellamonte, una delle principali famiglie del canavese e, probabilmente, imparentati direttamente con Arduino.

Nel 1171 i marchesi del Monferrato riescono ad estendere la loro influenza nella Valchiusella. Nel XIII secolo vengono infeudati i San Martino di Parella.

Gli intrecci fra le famiglie canavesane e le principali potenze regionali interessate ad assorbire la valle nella loro sfera d'influenza è lo scenario entro il quale si determina, prima, lo scontro fra i nobili del Canavese, stretti fra casa Savoia e aleramici, e dopo, i tumulti dei Tuchini.

Nel 1382 i traversellesi cercano di sottomettersi spontaneamente all'autorità dei Savoia che si proponevano come arbitri e pacificatori del tuchinaggio. Traversella, parte dei domini sabaudi, segue le sorti di casa Savoia.

Il comune è attivo centro politico sia durante il Risorgimento che durante la Resistenza; in quest'ultima occasione patisce una cruenta rappresaglia nazifascista.

Fra XVII e XIX secolo si sviluppa un'intensa ed importante attività mineraria; a Traversella si estraeva rame, magnetite, piombo, argento e anche alcuni minerari radioattivi. Le miniere sono state utilizzate estensivamente dallo Stato sabaudo e anche da Napoleone, in occasione dell'occupazione francese del Piemonte. Le ultime miniere funzionanti sono state chiuse nel 1970. Da allora la popolazione si è riconvertita nelle industrie di Ivrea ed il comune ha subito drammatici fenomeni di spopolamento.

Personaggi Illustri

  • Abbondio e Giuseppe Chialiva, padre e figlio, eroi ed esuli del Risorgimento

Dove Mangiare

  • Bar Trattoria Bertolino Luciana, Regione Fondo