GUIDA  Tricarico

Da Wiki.
Versione del 16 giu 2016 alle 16:49 di Mavi80 (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Tricarico
Mappa Interattiva
Siti tricaricesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Tricarico
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Tricarico:
2012, 2009, 2008
L'imponenza della Torre Normanna sull'abitato
Panorama dalla Torre Normanna
Piazzale Santa Croce e la Torre Normanna
Scorcio con Piazzale Santa Croce

Tricarico è situata in Basilicata, in Provincia di Matera a 698 m s.l.m.. Il 14 gennaio si festeggia il patrono, San Potito.

Confina con i comuni di: Albano di Lucania, Tolve, San Chirico Nuovo, Grassano, Irsina e Calciano ed ha un'isola amministrativa in provincia di Potenza: la Serra del Ponte, con la quale confina anche con i comuni di Vaglio Basilicata, Brindisi Montagna e Trivigno.

Indice

Ritratto della Città

Tricarico - Scorcio con Piazzale Santa Croce.jpg
Porta della Saracena - Rabata
Piazza Garibaldi
Scorcio panoramico da via delle Matine

Lucania

M'accompagna lo zirlio dei grilli
e il suono del campano al collo
d'un'inquieta capretta.
Il vento mi fascia
di sottilissimi nastri d'argento
e là, nell'ombra delle nubi sperduto,
giace in frantumi un paesetto lucano.
( Rocco Scotellaro in " Lucania" – 1940 )

Tricarico possiede uno dei centri storici medioevali più interessanti della regione, con un tipico schema "a fuso" e con un'amalgama perfetta tra la sua parte araba, a struttura labirintica (Ràbata e Saracena) e quella normanna, a pianta squadrata (Monte e Piano). Tra gli edifici religiosi: Cattedrale, dedicata a Santa Maria Assunta; chiesa di San Francesco; chiesa e convento di Santa Chiara; chiesa e convento di Santa Maria del Carmine, chiesa e convento di Sant'Antonio di Padova.

Tra gli edifici civili spiccano la torre normanna (sec. XI), alta 27 metri e con muri spessi anche oltre 5 metri, orlata di beccatelli ed archetti di coronamento; la torre saracena (sec. X), la torre e porta della Ràbata (sec. X),
La Torre Saracena
il palazzo ducale, di probabile edificazione trecentesca, con due portali di accesso uniti da una rampa. Nelle sue sale, una delle quali è impreziosita da un controsoffitto ligneo dipinto con scene della "Gerusalemme liberata", sono ubicati gli uffici della sede operativa della Soprintendenza Archeologica ed il museo archeologico in cui sono esposti reperti che vanno dalla preistoria all'età romana.

Tricarico è sede di una diocesi millenaria ed ha uffici e servizi cui fanno riferimento molti comuni del bacino del medio Basento e della provincia di Potenza. Tra i più importanti: Ospedale con annesso un Centro d'eccellenza della riabilitazione gestito dalla Fondazione don Gnocchi; Distretto sanitario; Comando Compagnia dei Carabinieri; Comunità Montana Medio Basento; Giudice di Pace; Università degli Studi di Bari, corsi di laurea triennali in fisioterapia.

In località Tre Cancelli, raggiungibile proseguendo sulla s.s. 7 Appia in direzione Potenza, oltre ad aree pic-nic e ludico ricreative ed a strutture ricettive, vi è il sito archeologico di Piano della Civita nel quale sono stati rinvenuti i resti di un antico vasto insediamento risalente al IV sec. a.C. composto di un acropoli e di tre cinte murarie concentriche dotate di porte monumentali.

Altri siti archeologici, anch'essi risalenti a pochi secoli prima della nascita di Cristo, sono quelli di Serra del Cedro e Calle

Il Carnevale Tricaricese è tra i più caratteristici e antichi della regione.

Tricarico ha dato i natali al poeta Rocco Scotellaro.

Da Vedere

Cattedrale
Monumento ai Caduti di tutte le Guerre - Piazza Garibaldi
Chiesa Convento S. Francesco d'Assisi
Quartieri Saracena e Rabata

Territorio

Scorci del Borgo Antico

Piazze e Vie


Edifici Religiosi

Edifici Civili

Fortificazioni

Panorama con Torre della Saracena
Torre Normanna
Ponte Antico

Aree archeologiche

Monumenti

Musei

Personalità Illustri

Lapidi Commemorative

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale Rocco Scotellaro, Via Vittorio Veneto, 2
  • Biblioteca del Centro servizi educativi e culturali della Regione Basilicata, Via Vittorio Veneto, 2
  • Biblioteca della Cattedrale
  • Biblioteca dell'Archivio vescovile, Piazza mons. R. Delle Nocche, 18
  • Centro di documentazione Rocco Scotellaro,Ex convento S. Francesco - L.go San Francesco

Dove Mangiare

  • Ristorante la Tettoia, Via Piè Del Prato
  • Ristorante Il Campanaccio, Contrada Tre Cancelli
  • Ristorante Pizzeria Tre Cancelli, Contrada Tre Cancelli Telefono 0835-726295

Dove Dormire

  • Coop. La Serena Casa Albergo, Via S.Giovanni Telefono 0835-726454

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Associazione Pro Loco, c/o torre normanna
  • Associazione di Protezione Civile Tricarico Gruppo Lucano, Via Nitti, 6
  • Associazione di Volontariato Don Pancrazio Toscano, Via Pietro Antonio Ferri, snc

Bibliografia

Torre della Saracena
  • Tricarico Storia - Arte - Architettura, Carmela Biscaglia e Sabrina Lauria, 129 Edizioni (1993)
  • Tricarico, Rocco Stasi, in Enciclopedia dei Comuni della Basilicata (2005)
  • Tricarico nella rivoluzione lucana del 1860, R. Sanseverino (1928)
  • Tricarico. Rinvenimento di tombe d'età greca, E. Bracco, in "Notiz. Scavi" (1945)
  • Contadini e cultura - Ricerche antropologiche in un paese lucano, Nicola Martelli, Ed. Il Salice-Potenza (1994)

Memorie Storiche

In Corografia fisica, storica e statistica (1845) così viene descritto il comune:

Il Circondario di cui Tricarico è capoluogo, viene limitato a levante dal torrente Acquaviva, a settentrione e greco dal corso del Bradano, a ponente dal lato orientale dei circondarii di Tolve e Trivigino, e ad ostro dal fiume Vasente. Della trojana origine di Tricarico, sogno del Bracini a cui fa eco l'Ughelli, è inutile il ragionare. Riferisce l'Abate Sacco che ai tempi del Re Ruggero, l'utile dominio della città fu dato a Ruggero di Lauro figliuolo di Roberto Conte di Caserta. Il Giustiniani si contenta di cominciare la enumerazione di quei feudatarii da Niccolò Bernardino Sanseverino, la cui famiglia sembra che succedesse in quella signoria alla spenta famiglia dei Lauro. Nota il Sacco, che ricaduta Tricarico alla Corona, il Re Ladislao ne fece dono a Francesco Sforza e che pochi anni dopo la riebbero i Sanseverino; ma il Giustiniani tace su questo, e sull'appoggio de' registri pubblici indica solamente, che dal 1605 in avanti dai Sanseverino, per tre vendite successive, pervenne nel 1631 ad Ippolito Revertera, i cui discendenti continuarono a goderne il possesso fino allo scioglimento de' feudi. La cattedra vescovile che tuttora fregia Tricarico, dicesi dal Giustiniani eretta verso il 968 dal Patriarca di Costantinopoli Polieto, e perciò scismatici ne furono i primi Pastori; ma non ha poi trovata la indicazione del tempo in cui il vescovo di Tricarico riconobbe la supremazia del Pontefice. Sorge Tricarico su di una petrosa collina, a non lunga e quasi eguale distanza dall'occidentale e dal meridionale confine del Circondario; e le sue mura turrite racchiudono varii buoni edifizii, tra i quali vuolsi annoverare il Duomo, detto dall'ab. Sacco forse con enfasi soverchia, magnifico, il Seminario diocesano, tre chiese parrocchiali e tre altre annesse a case religiose, oltre il suburbano convento dei Cappuccini. Il terremoto del Settembre 1694, che accennammo nel parlare di Stigliano, riuscì funesto alla intera Basilicata, e anche Tricarico ebbe non poca parte del danno, giacché rovinarono circa 25 edifizii.

Galleria Foto

Video