GUIDA  Gradisca d'Isonzo

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Gradisca d'Isonzo
Mappa Interattiva
Siti gradiscani
Amministrazione Comunale
Statistiche su Gradisca d'Isonzo
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Gradisca d'Isonzo:
2012, 2009, 2008

Gradisca d'Isonzo è situato in Friuli-Venezia Giulia in Provincia di Gorizia. Il 29 giugno si festeggia il Patrono, SS. Pietro e Paolo. Tra gli edifici religiosi: Duomo, in via Bergamas. Da Vedere: Palazzo dei Provveditori Veneti, quattrocentesco, all'angolo fra le vie Battisti e Dante; Palazzo Torriani (Municipio), in Via Ciotti.

Confina con i comuni di: Farra d'Isonzo, Fogliano Redipuglia, Moraro, Romans d'Isonzo, Sagrado, Villesse e Mariano del Friuli.

Indice

Dove Mangiare

  • Azienda Agrituristica SantElena , Via Gasparini, 1 Telefono: 0481-92388

Biblioteche

  • Biblioteca Civica e popolare, Via Bergamas, 30

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Ass. Centro Isont. Ric. Edoc. Stor. e Soc. L. Gasparini, Piazza Unità D'Italia, 14
  • Croce Verde Gradiscana, Via Zorutti, 35

Complessi Bandistici

  • Banda Musicale Armonie

Lapidi Commemorative

Bibliografia

  • Gradisca d'Isonzo. Città fortezza, città giardino, Marina Bressan, Edizioni della Laguna (1999)
  • Il Duomo di Gradisca, L. Alberton - V. Tomadin, Ed. Arti Grafiche Friuliane (1981)

Memorie Storiche

In Corografia dell'Italia (1833) così viene descritto il comune:

GRADISCA, picciola, ma forte città dipendente dal governo di Trieste, da cui è distante quasi 20 miglia verso maestro, 5 a libeccio da Gorizia e 15 a levante da Udine, presso la destra riva dell'Isonzo. Fu edificata dai Veneziani nel 1473 contro gli Ottomani, e nel 1511 fu presa dall'imp. Massimiliano I; nel 1616 e 1617 fu invano assediata dai Veneti. È cinta di mura e fosse, ed ha un vecchio castello. I Francesi, avendo sforzato il passaggio dell'Isonzo nel giorno 20 marzo 1797, s'impadronirono tosto di Gradisca. La sua chiesa è concattedrale con Gorizia; conia nulla più di 1,000 abitanti. In tempo del regno d'Italia era capoluogo di una vice prefetura nel dipartimento di Passeriano, ed il suo distretto conteneva 33,750 abitanti. I suoi dintorni producono squisiti vini. Quivi la via che proviene da Vicenza, dividesi in due alla stazione di Romano; una conduce a Trieste, e l'altra in Germania.