GUIDA  Issogne/Castello di Issogne

Da Wiki.

Indice

Castelli e Fortificazioni/Castello di Issogne

Castello - Panoramica
Castello - Panoramica


Castello

Storia

  • E' uno dei monumenti più belli e pittoreschi della zona che deve la sua fortuna al fatto di essere situato in un importantissimo nodo strategico, all’imbocco della Val d'Ayas protetta ad oriente dal Forte di Bard e ad occidente dalla Rocca di Montjovet . Le prime notizie archivistiche risalgono al 1151, quando il castello, di proprietà del Vescovo di Aosta, veniva utilizzato da quest’ultimo come stazione di riposo lungo la via che portava a Torino. Con buona probabilità, la prima torre medievale sorse là dove esisteva una precedente fortificazione romana, quasi completamente distrutta in occasione delle invasioni barbariche. Il grande sviluppo del complesso è, tuttavia, legato ad Ibleo di Challant che ne prese possesso nel 1399, sostituendo la piccola casaforte vescovile con un’elegante dimora cortese. All’epoca di Ibleo, gli Challant, Famiglia dominante in Valle_d'Aosta, vivevano il proprio apogeo, e sono numerosi i programmi architettonici volti a segnare il territorio con costruzioni che dovevano magnificare il casato. I lavori ad Issogne, infatti, si dipanarono nello stesso momento in cui la schiatta fortificava il castello di Verrès e, ivi, costruiva una cappella sepolcrale che doveva rappresentare il pantheon della dinastia. In realtà, subito dopo la morte di Ibleo, gli Challant furono fortemente ridimensionati, ed il Castello, andò incontro ad una rapida rovina. La struttura si riprese nella prima metà del 1500, grazie a Giorgio di Challant-Varey, fine umanista che trasformò il castello secondo il proprio gusto cortese ricercato. La struttura militare originale, assolutamente superata dal punto di vista tecnologico, venne inglobata in una nuova struttura a base di logge e soluzioni architettoniche ispirate al "rinascimento". Il castello passò nell'anno 1565 ai Madruzzo, per poi tornare agli Challant ed, infine, ai Passerin d’Entreves. Venne, in ultimo, acquistato da Vittorio Avondo, nell'anno 1872, e ceduto allo Stato nell'anno 1907.
Pianta

Descrizione

  • La struttura ha una forma trapezoidale. Le torri sono quadrate ed aperte da finestre di gusto gotico-francese a croce, mentre il cortile è caratterizzato per l’elegante loggiato ad arco ribassato, di gusto rinascimentale italiano, e per le interessanti volte a costoloni gotiche, esemplificative della parte più antica. Particolarmente ricca è la collezione pittorica, all’interno del castello, che è sopravvissuta ai secoli. Molte sale, infatti, conservano intatte le coperture a capriate lignee e cassettoni, decorate con motivi fitomorfi e cortesi. Lungo le pareti, sopravvivono spesso, sia le cornici, le decorazioni geometriche, che le rappresentazioni figurative che spaziano dalle scene sacre, ai motivi cortesi e mondani, incluso un interessante ciclo che raffigura le "arti e i mestieri", sotto le arcate dell’atrio d’ingresso e del portico. Particolarmente importate è l’affresco raffigurante l’Assunzione della Vergine, con gli apostoli e la Maddalena che osservano l’Ascensione, nella parte bassa del dipinto. Gli affreschi sono in stile gotico-rinascimentale e, alcuni lavori, sono tributari dello stile piemontese di Defendente Ferrari.

Video

Riferimenti

Visite

Servizio navetta dalla stazione di Verrès al castello, ogni 10 minuti

dal 1 ottobre al 31 marzo, ore 10.00-17.00

dal 1 aprile al 30 settembre, ore 9.00-19.00

Per informazioni, telefono: 0125 929 373