GUIDA  La Salle/Storia

Da Wiki.

Storia della città

  • Dell'epoca che ha preceduto l'occupazione romana in Valle d'Aosta ,non si conosce praticamente nulla che riguardi direttamente il paese di La Salle (il cui toponimo deriverebbe dal germanico "sal" (casa) o dal ligure "sal" (corso d'acqua).La dominazione dei Romani, dal I secolo a.C. alla metà del V secolo d.C. non è documentata né dai resti dell'antica strada dei legionari, né da altri monumenti o vestigia di quell'epoca.
  • Successivamente, ondate di Barbari oltrepassarono i confini dell'Impero romano e ne occuparono le province.La Valle d'Aosta fu inizialmente invasa dai Burgundi, che incominciarono a fermarsi nella Valdigne. La loro dominazione, dedita all'agricoltura e alla pastorizia, portò alla costruzione di agglomerati di case e borghi. Secondo la tradizione, furono proprio i Burgundi a portare in Valle i primi vitigni.Ai Burgundi seguirono i Franchi e i Lombardi e solo alla fine del II Regno di Borgogna, verso il 1032, la Valle d'Aosta passò sotto il dominio di Casa Savoia, con il Conte Umberto I detto Biancamano. Nel corso del XIII, XIV e XV secolo, i Conti e i Duchi di Savoia concessero ai sudditi della Valdigne delle franchigie che definirono i diritti e i doveri reciprochi e costituirono la base dell'organizzazione delle nascenti comunità rurali.
  • Le rare informazioni sull'antica La Salle sono state recuperate frugando negli archivi della parrocchia e del vescovado, poiché quelli del comune furono distrutti dalle fiamme che durante la liberazione del 1945 bruciarono l'antico municipio. Tutti i documenti civili anteriori furono dunque persi irrimediabilmente.

Curiosità

  • La peste del 1630:secondo una leggenda locale a La Salle sopravvissero all’epidemia di peste solo sette coppie di persone,e l'evento è ricordato da due piccoli quadri di legno intagliato appesi in cima alle due colonne che sostengono l'arco trionfale,tra la navata principale ed il coro della Chiesa Parrocchiale. Le vittime dell'epidemia furono sepolte in una fossa comune nel "champ de la loi",dove attualmente sorge la casa famiglia parrocchiale.