GUIDA  Perugia/Università di Perugia

Da Wiki.
Università di Perugia - Facciata Via Aquilone

L'Università di Perugia deriva da una storia e da una tradizione antichissima. La sua fondazione risale al 1308 con la Bolla di papa Clemente V, come conseguenza di un andamento che caratterizzava Perugia già dal 1285, quando attraverso uno statuto il Comune si impegnava a promuovere la creazione di uno "Studium" ut civitas Perusii sapientia valeat elucere et in ea Studium habeatur (affinché la città di Perugia brilli per sapienza ed in essa ci sia uno Studium). Proprio per la fedeltà e devozione di Perugia verso la Sede apostolica, che il Papa decise di conferirle questa onorificenza scientifica.

Lo "Studium Generale" nel Trecento è annoverato tra le Scuole più prestigiose d’Italia. Nel quattordicesimo secolo il prestigio dello "Studium" è legato soprattutto alle figure illustri che qui tengono lezione: Cino da Pistoia, Bartolo da Sassoferrato e Baldo degli Ubaldi per gli studi giuridici, Gentile da Foligno, Bartolomeo da Varignana e Tommaso del Garbo per la Medicina e Chirurgia. Proprio a Perugia si forma, con Bartolo e Baldo, una Scuola di Diritto; per quanto riguarda gli studi di Medicina, molto importante fu la tradizione di studi anatomici.Due sono le facoltà attive nello Studium perugino durante il Trecento: una di Diritto ed un'altra delle Arti in genere. Anche per quanto riguarda l'insegnamento delle Scienze rimangono tracce significative: nel Quattrocento a Perugia è docente di Matematica Fra' Luca Pacioli, nel Seicento Giuseppe Neri, amico di Galileo. All'interno dell'università di Perugia tra il 1799 e il 1814, si svilupparono varie riforme.

In seguito alla dominazione napoleonica, il modello degli studi instaurato in Francia si estese anche all'università di Perugia, tracciando un ordinamento universitario distinto in cinque Facoltà, che si è tramandato fino ai nostri giorni. L'attuale Palazzo del Rettorato e gli Uffici dell'amministrazione centrale dell'Università di Perugia erano anticamente sede del Monastero degli Olivetani, Complesso progettato intorno al 1740 da Luigi Vanvitelli, l'architetto della Reggia di Caserta.

Il trasferimento dello "Studium" in questa sede (1811) fu deciso durante la restaurazione da Papa Pio VII. Nel 1842 Leone XII promuove l'Università di Perugia ad Università di Stato. Con la riunificazione di Perugia all’Italia nel 1860, si provvide al riordinamento dell'Università. Quello che un tempo era l'antico "Studio" fu dichiarato Università libera, gestita dal Comune e dai Rettori. Nel 1925, completata la Facoltà di Medicina e Chirurgia, l'Ateneo diventa Università regia. Nel 1927 nasce la Facoltà di Scienze Politiche. Tra il 1935 e il 1936, con il riordino degli Studi superiori, torna la Facoltà di Medicina Veterinaria e si arricchisce quella di Agraria Nel secondo dopoguerra I'Ateneo di Perugia ha avuto un notevole sviluppo fino all'attuale assetto con 11 Facoltà e varie Scuole Dirette a Fini Speciali, Scuole di Specializzazione per laureati e Dottorati di Ricerca.