GUIDA  Provincia di Torino/Valle di Susa

Da Wiki.

Indice

Provincia di Torino/Valle di Susa

Area del Colle del Monginevro (q.1.850) - Territorio Francese
Area del Colle del Monginevro (q.1.850) - Territorio Francese
Area del Colle del Moncenisio (q.2.081) - Territorio Francese
Area del Colle del Moncenisio (q.2.081) - Territorio Francese

Ritratto della Valle di Susa

Itinerari tematici culturali
  • Fin dall'antichità la Valle è stata una delle aree privilegiate per il collegamento dell'Italia con l'oltralpe,grazie ai Colli del Monginevro (sito in territorio Francese e con accesso dal Comune di Claviere ,lungo la Strada Statale n.25) e del Moncenisio (sito in territorio Francese e con accesso dall'omonimo Comune di Moncenisio ,lungo la Strada Statale n. 24) che ha lo sbocco nella Val Cenischia ,valle laterale alla sinistra idrografica del Fiume Dora Riparia,adducente alla conca di Susa .Il Medioevo ne ha sancito il ruolo di primo piano anche Europeo,in quanto via di transito di mercanti,eserciti,nobili, ecclesiastici e pellegrini che dovevano raggiungere Roma , cuore della cristianità , o Santiago de Compostela (in Spagna),secolare meta di religiosa.Già nell'anno 333 d.C. il Colle del Monginevro venne attraversato da un anonimo pellegrino diretto in Terra Santa e che scrisse l' Itinerarium burdigalense nel quale annotò con precisione le mansio e le statio della Valle di Susa,alcune delle quali oggi sono importanti siti archeologici.A partire dall'Alto Medioevo è il Colle del Moncenisio a diventare uno dei punti nevralgici della scena politica europea con la prima discesa in Italia di Carlo Magno (nell'anno 773) per la Battaglia delle Chiuse contro i Longobardi (svoltasi sul territorio dell'attuale Comune di Chiusa di San Michele ) ed il matrimonio della Contessa Adelaide Manfredi con Oddone di Moriana di Savoia ,avvenuto nell'anno 1046 in Susa ,grazie al quale la dinastia Sabauda entrò in Piemonte e quindi in Italia.
Tratto di Via Francigena in Valle di Susa (disegno)
  • L'afflusso intenso di genti produsse una circolazione di idee ed un costante scambio di saperi,lingue e religisità che contribuirono allo sviluppo in valle di una vivacità culturale d'impronta Europea:sorsero monasteri di notorietà internazionale come l'Abbazia dei Santi Pietro e Andrea della Novalesa e l'Abbazia Sacra di San Michele nel Comune di Sant'Ambrogio di Torino ;luoghi di culto di dimensione ridotte come la Cripta oggi presente nella Parrocchiale di Santa Maria Assunta in Frazione Celle nel Comune di Caprie ,Cappelle e centri cittadini sedi mercato o luoghi di transito obbligati come Oulx , Susa ,Bussoleno ed Avigliana .Lungo il percorso sorsero ospedali (come quello del Colle del Moncenisio,fondato tra l'anno 814 e l'anno 825) ,le locande di Novalesa e Bussoleno o luoghi di assistenza come la Precettoria di Sant'Antonio di Ranverso (nel Comune di Rosta ) nota per le cure contro le intossicazioni croniche di origine alimentare.Castelli fortificati,caseforti e palazzi,che contraddistinguono molti pasi Valsusini quali Oulx , Chiomonte ,Susa , San Giorio di Susa , Chianocco e Bruzolo sono la testimonianza del capillare controllo territoriale esercitato dal potere Signorile considerata l'importanza economica e commerciale dell'itinerario lungo la Valle .
  • Nella seconda metà del 1500 l’ Alta Valle è turbata,oltre che dai soliti transiti e soste di Truppe Francesi che effettuano scorrerie a chiese e case private,da sconfinamenti delle Truppe Sabaude e dalle Guerre di Religione che - sostenuti da Francia,Olanda ed,in posizioni alterne,dal Piemonte) - vedono opporsi Cattolici a Riformati (Ugonotti, Valdesi,..).Il 13 aprile 1598,con l’ Editto di Nantes , Enrico IV di Francia pose termine alle guerre di religione (durate circa quarant’anni) concedendo libertà alla religione Riformata.Un sollievo per le Comunità dell’Alta Valle e gli edifici religiosi si arricchiscono di sculture ed artistici dipinti policromi.Nel periodo 1700-1712 la zona diventa terra di conquista ed i fatti furono anche connessi ad un avvenimento di portata Europea:la Guerra per la successione di Spagna (che vede schierate Austria, Inghilterra,Olanda,e Piemonte contro la Francia e la Spagna) che per anni coinvolse la locale popolazione.Tutto si concluse nell’aprile 1713 col Trattato di Utrecht che sanciva il passaggio dell’Alta Valle di Susa dalla Francia al Piemonte .Questo passaggio non fu indolore in quanto i due versanti alpini abitati da secoli da popolazioni di contadini e pastori,che avevano origini e cognomi in comune,con gli stessi usi/costumi e tradizioni,con una stessa concezione della vita ed una Fede profonda,il Francese come lingua scritta(sia nei documenti che nell’abituale corrispondenza familiare) non poteva essere cancellato con ... un colpo di spugna.

Storicità

Lo scrittore Alessandro Manzoni citò i paesaggi circostanti la Valle in alcuni versi della tragedia Adelchi pubblicata nell'anno 1822  :

....Sorto all'aurora,al buon pastor la via

Addimandai di Francia. - Oltre quei monti
Sono altri monti,ei disse,ed altri ancora;
E lontano lontan Francia;mia via
Non avvi;e mille son que' monti,e tutti
Erti,nudi,tremendi,inabitati,
Se non da spirti,ed uom mortal giammai
Non li varcò....
(Versi tratti da : Atto secondo - Scena I - Campo de' Franchi in Val di Susa )

Prodotti Tipici

Fienagione
  • La Valle di Susa offre molte varietà e produzioni tipiche unite ad una sapiente e ricca tradizione culinaria.La coltivazione e la produzione sono quindi valorizzate,disciplinate e riconosciute da marchi di tutela che ne hanno favorito il rilancio anche al di fuori del locale territorio:
- la produzione vitivinicola ha origine in epoca romana con la coltivazione della vite sui pendii tra Chiomonte e Giaglione ,regno incontrastato di un vitigno autoctono ed unico al mondo,l' Avanà , le cui vinacce sono utilizzate per produrre l' Eigovitto,acquavite di qualità ma dalla produzione limitata.Un'altro particolarità è il Vino del ghiaccio di Chiomonte,prodotto da grappoli lasciati sui tralci fino alle prime gelate invernali;
- diffusa in tutta la media e bassa Valle la melicoltura che ha saputo conservare e diffondere le varietà autoctone di mele;
- molte località ( Vaie , Villar Focchiardo , Bruzolo , San Giorio di Susa , Mattie e Meana di Susa )si contraddistinguono per la secolare ed eccellente produzione di castagne da frutto ,il Marrone ,utilizzato per la produzione dolciaria artigianale dei marrons glaces ;
- altre località ( Sauze d'Oulx , Cesana Torinese , Chiomonte , Condove e Novalesa ) sono note per le patate di montagna impiegate in molte ricette tradizionali come le Cajettes ;
- un ruolo primario per l'economia è stato tradizionalmente ricoperto dalla produzione dei formaggi di latte vaccino e caprino che si caratterizzano per l'intensità dei profumi e degli aromi:il Plaisentif ,il Murianeng , la Toma del lait brusc , il Seirass ed il Cevrin di Coazze ;
- tra i prodotti derivanti dall'allevamento vantano il riconoscimento il Prosciuttello dell'Alta Valle di Susa , la Mica (salame rivoltato in farina di segale e pepe) ed il Viurun (insaccato di carne bovina immerso in vino e spezie);
- l'uso delle erbe aromatiche e delle bacche di montagna è alla base di molti liquori e distillati tra i quali la Genziana ed il Genepì ;
- di particolare pregio il miele: millefiori , rododendro e di castagno;
- la tradizione dell'arte bianca che vede:i Canestrelli di Vaie e di San Giorio di Susa (cotti a fuoco vivo su piastre dai decori particolari e variegati);i Gofri dell'Alta Valle (cialde dolci o salate);le Paste di meliga della Chiusa di San Michele; le Lose Golose ed il Pan della Marchesa ;il Pane di Giaveno e la inconfondibile Focaccia di Susa .

Percorsi Turistici

Inverno
  • Per visitare la Valle di Susa e scoprirne tutti gli aspetti turistici,storici,culturali ed enogastronomici è consigliabile seguire itinerari mirati da effettuarsi in tappe diverse come,per esempio,quelli di seguito proposti:
- dal Colle del Moncenisio a Susa ( Primo itinerario in Media Valle di Susa);
- dal Colle del Monginevro a Susa ( Secondo Itinerario in Alta e Media Valle di Susa);
- da Susa a Chiusa di San Michele ( Terzo Itinerario in Bassa Valle di Susa alla destra idrografica del fiume Dora Riparia) ;
- da Chiusa di San Michele ad Avigliana ( Quarto Itinerario nella Bassa Valle di Susa alla destra idrografica del fiume Dora Riparia) ;
- da Bussoleno a Caselette ( Quinto Itinerario nella Bassa Valle di Susa alla sinistra idrografica del fiume Dora Riparia) .

Percorso Escursionistico

  • Sentiero dei Franchi :
si sviluppa nella Valle di Susa e ricalca l'ipotetico sentiero utilizzato da Carlo Magno e dalle sue truppe,nell’anno 773,per aggirare dall'alto l' Esercito dei Longobardi (comandato dal Re Desiderio ,padre di Adelchi ) ,ed accampato alla Chiusa di San Michele (nel fondovalle) dal Diacono Martino (inviato dall'Arcivescovo di Ravenna su disposizione del Papa). Il tracciato parte dalla Sacra di San Michele e, mantenendosi sempre sulla destra idrografica del corso del 'Fiume Dora Riparia ,raggiunge dopo circa sessanta chilometri il comune di Oulx ed è indicato con segni di vernice gialla oppure con segnavia bianchi e rossi recanti la sigla "SF", oltre che da numerosi cartelli.Durante il percorso si attraversa il Parco Naturale del Gran Bosco,nel Comune di Salbertrand ed il Parco Naturale Regionale Orsiera Rocciavrè .Questo si articola in:
- 1^tappa:località di partenza: Oulx ; località di arrivo: Pian del Frais (q.1.490), nel Comune di Chiomonte ; lunghezza del percorso:km 20;ore di percorrenza otto;
- 2^tappa:località di partenza Pian del Frais (q.1.490), nel Comune di Chiomonte ;località di arrivo: Meana di Susa ;lunghezza del percorso:km 10;ore di percorrenza cinque;
- 3^tappa:località di partenza: Meana di Susa ;località di arrivo: Rifugio Amprimo(q.1.385), nel Comune di Bussoleno ; lunghezza del percorso:km 12;ore di percorrenza sette;
- 4^tappa:località di partenza:Rifugio Amprimo(q.1.385), nel Comune di Bussoleno ;località di arrivo: Sacra di San Michele ;lunghezza del percorso: km 33,5;ore di percorrenza otto.

Viabilità

Autostrada A 32 - Casello di Bardonecchia
Autostrada A 32 - Casello di Bardonecchia
Autostrada A 32 - Casello di Rivoli nord (Barriera di Bruere)
Autostrada A 32 - Casello di Rivoli nord (Barriera di Bruere)
Vaie - Campo di volo
Vaie - Campo di volo
La Valle,per la sua conformazione morfologica, dispone principalmente di itinerari di penetrazione con andamento est ovest e sono costituiti da:

  • Rotabili :
- Autostrada A 32/E 70 (detta anche Autostrada del Frejus )  :lunga 73 chilometri collega Torino - casello di Rivoli nord (barriera di Bruere) - a Bardonecchia - casello Frejus nord - raccordandosi ,tramite il Traforo Stradale del Frejus ,a Modane in Francia ;
- Strada Provinciale 24 del Monginevro (ex SS 24) : collega Torino - Susa - Oulx - Cesana TorineseClaviere e proseguendo sino al Colle del Monginevro consente il passaggio in Francia.Nel Comune di Villar Focchiardo consente l’immissione sulla Strada Statale 25 del Moncenisio in direzione Susa e nel Comune di Borgone Susa interseca l' Autostrada A32 (solo in ingresso per Torino ) .Nel comune di Chianocco interseca l’ Autostrada A 32 che la si può prendere in entrambe le direzioni ( Torino o Bardonecchia );
- Strada Statale 25 del Moncenisio : collega TorinoCollegnoAvigliana - SusaMoncenisio e,nel solo periodo estivo,consente il transito in Francia.Nel Comune di Villar Focchiardo consente l’immissione sulla Strada Provinciale 24 del Monginevro in direzione Susa e nel Comune di Borgone Susa interseca l'Autostrada A32 (solo in ingresso per Torino ) .Nel comune di Chianocco interseca l’ Autostrada A 32 che la si può prendere in entrambe le direzioni ( Torino o Bardonecchia ).
  • Ferrovia :
- Linea Torino - Bussoleno - Bardonecchia con prosecuzione ,tramite il Traforo Ferroviario del Frejus,a Modane in Francia.

Infrastrutture

  • Campo Volo "Vai...e Vola Valsusa" ,del Comune di Vaie ,solo per attività sportiva e per sosta/tappa di aerei leggeri (vds. Impianti Sportivi ).

Video

1.Bassa Valle di Susa