30 Gennaio 2010 alle 19:02

torre di Vengore…

di naldina47 (Roccaverano, Piemonte. Castelli e Fortificazioni. Categoria A)

Roccaverano - torre di Vengore...


Visite: 1454.

Risultato voto a scrutinio: 10.95 (Scrutinio: 2062°; Totale: 12972°)
Turni (n.Voti/n.Sfide): 1° = 9/16 (56%); 2° = 6/18 (33%); 3° = no; 4° = no;

La torre di Vengore, risalente alla seconda metà del XIV secolo, presenta i caratteri tipici delle torri di avvistamento a protezione del feudo acquese, con pianta quadrata, utilizzo di pietra locale di Langa, feritoie e mensole sommitali a sostegno di un camminamento presumibilmente ligneo ormai inesistente. E’ ancora presente invece l’ampio fossato di difesa.
La Torre di Vengore, rappresenta storicamente un simbolo identificativo della popolazione della Langa Astigiana e della Val Bormida, situata in posizione predominante nel territorio del Comune di Roccaverano rimane logisticamente indipendente e in eguale misura punto focale di collegamento con le altre torri dei paesi limitrofi.

Rete Blog Roccaverano Guida Wiki Roccaverano Descrizioni su Roccaverano Forum Piemonte

3 commenti a “torre di Vengore…”

  1. befed (Senior) scrive:

    Naldinaaaaa !!! la mia torre !

    Quando ero bambino ho passato una estate nelle vicinanze ed a volte ci portavano a giocare attorno.
    Non hai spiegato il significato di vengore !!!
    Una delle ipotesi è che a costruirla fosse un signorotto locale. Pare che durante la costruzione della torre
    il signorotto, ammirato dalla possenza della torre, saltellasse attorno dicendo “vengo re, vengo re”, di qui
    il nome di “Vengore”.
    Una cosa molto interessante è che è possibile visitare la torre.

  2. naldina47 scrive:

    Ti ringrazio della tua precisazione , non avevo trovato questo aneddoto.Quindi non serve che io vada a fare altre ricerche, la tua è più che esauriente.Di nuovo grazie e ciao

  3. befed (Senior) scrive:

    No no falle pure le ricerche, questo aneddoto me lo hanno raccontato ed è anche scritto su di un vecchio libro sui castelli del piemonte alla destra del Po, una edizione degli anni sessanta curata da una nota banca torinese.

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.