15 Febbraio 2010 alle 22:11

nella lunetta del castello di Barletta c’è l’aquila imperiale

di Diana Cocco (Barletta, Puglia. Castelli e Fortificazioni. Categoria C)

Barletta - nella lunetta del castello di Barletta c'è l'aquila imperiale


Visite: 107.

Risultato voto a scrutinio: 49.74 (Scrutinio: 674°; Totale: 2748°)
Turni (n.Voti/n.Sfide): 1° = 7/12 (58%); 2° = 10/14 (71%); 3° = 15/27 (56%); 4° = 20/51 (39%);

Barletta si trova a 80 km. da Bari. ll castello di Barletta fu costruito molto probabilmente nel periodo normanno, e appare per la prima volta in un documento del 1202. L’intervento di Federico II di Svevia è testimoniato dal corpo di fabbrica posto sul lato sud con due finestre che recano scolpite nelle lunette l’aquila imperiale che stringe tra gli artigli una lepre, motivo ricorrente nel repertorio iconografico svevo. Questo castello venne danneggiato nel 1203 dagli stessi cittadini che l’assediarono per scacciarne un castellano filo-papale. Qualche anno dopo l’imperatore vi tenne la famosa Dieta in vista della partenza per la crociata.
I lavori decisi da Carlo I (intervento angioino) nel 1269, si protrassero per diversi anni e videro l’intervento dell’architetto regio Pierre d’Angicourt, lo stesso che ampliò il castello di Lucera. In questa occasione si ristrutturarono il corpo di rappresentanza regia ed il palazzo, si costruì la cappella e si rafforzò militarmente il complesso costruendo una cinta muraria con una torre rotonda posta ad angolo.
Gli Aragonesi intervennero tra il 1458 ed il 1481, rafforzando la cinta muraria e successivamente, per ordine di Carlo V, il castello assunse la configurazione ad impianto simmetrico con quattro bastioni angolari a lancia ed aperture di fuoco disposte radialmente e lungo le cortine, adeguandosi ai canoni di fortificazione dell’epoca. Venne rinforzata la zona verso la città, più esposta a possibili attacchi, si intervenne sul lato di levante, sullo spigolo sud-est e sulle cortine murarie. A questa fase dei lavori fa riferimento la lapide posta sull’ingresso del castello, sormontata dallo scudo di Carlo V e recante la data 1537, interpretata erroneamente come la data di completamento dell’edificio, che tale non può considerarsi valutando i tempi di costruzione che la mole del castello richiedeva. Altri interventi si sono susseguiti nel corso dei secoli fino ai recenti lavori di restauro, iniziati nel 1970 e conclusisi da poco. Per quanto riguarda la sua struttura notiamo che l’ingresso è collocato sulla cortina meridionale alla quale si accede tramite un ponte in muratura. Nell’androne una porta a sinistra conduce all’antica sede del corpo di guardia, quella di destra porta alla cappella nella quale erano sepolti i castellani. Tale androne introduce allo scenografico cortile quadrato, dal quale, attraverso un’elegante scala, si arriva al piano superiore, mentre un’altra rampa conduce sugli spalti (la lieve pendenza consente la salita anche ai mezzi per la difesa). Di eccezionale sontuosità sono i numerosi locali che nei secoli imperatori, re e grandi dignitari: ampi anche i sotterranei che corrono sotto i bastioni. All’interno di ogni puntone si allargano imponenti casematte circolari con volte a calotta e foro centrale con la funzione di sfiatatoio per il fumo delle cannoniere.

Rete Blog Barletta Guida Wiki Barletta Descrizioni su Barletta Forum Puglia

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il login.