GUIDA  Monterosso Almo

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Monterosso Almo
Mappa Interattiva
Siti monterossani
Amministrazione Comunale
Statistiche su Monterosso Almo
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Monterosso Almo:
2012, 2009, 2008
Monterosso Almo - Panorama
Municipio
Scorcio notturno con la Basilica di San Giovanni Battista
Piazza San Giovanni

Monterosso Almo è situato in Sicilia in Provincia di Ragusa. La prima domenica di settembre si festeggia il Patrono, San Giovanni Battista; la terza domenica di settembre si festegia la Compatrona Maria SS. Addolorata.

Confina con i comuni di: Licodia Eubea, Chiaramonte Gulfi, Giarratana e Ragusa.






Indice

Ritratto della Città

Monterosso Almo sorge sulla sommità di una collina a 700 metri tra i Monti Iblei a pochi chilometri dalla vetta di Monte Lauro, è uno dei tre comuni montani presenti nella ex provincia di Ragusa. Nel 1881 il paese contava oltre 8000 abitanti, diminuito nel corso del XX secolo a causa della scarsità di risorse che ha portato a una massiccia emigrazione verso paesi come Australia, Argentina e parte dell' Europa. Molti di questi paesani non volendo dimenticare le proprie origini amano tornare nel periodo estivo e il giorno della festa del Santo Patrono, accade un fatto caratteristico; tutte le case che durante l'anno restano chiuse, vengono riaperte e abitate anche se per pochi giorni.

Abitato fin dai tempi preistorici da popolazioni sicule, come molti altri centri della provincia emerge essere di particolare interesse archeologico; oltre alla necropoli di Calaforno, con una tomba stentileniana scoperta negli anni '60, i ritrovamenti dell’abitato di Monte Casasia e, nelle vicinanze, le cosiddette Grotte dei Santi con affreschi bizantineggianti.

Sulle origini del nome: la prima parte è una combinazione del termine monte e del nome del feudatario Arrigo Rosso mentre la specifica Almo che significa eccellente è inerente alla sua posizione panoramica è stata aggiunta a partire dal 1863. Monterosso Almo è inserito nel club de I Borghi più Belli d'Italia.

Storia

Le origini di Monterosso Almo sono antichissime, come dimostra la presenza di tracce di tombe e antichi insediamenti risalenti VI-VII secolo a.C. . Dal 1168 il borgo appartenne a Goffredo figlio del Conte Ruggero col nome di Monte Jahalmo. Nella fase Successiva il paese appartenne al conte Enrico Rosso che costruì un castello presso la contrada Casale del quale non rimane traccia. Fondata di fatto nel 1299 sulle ceneri di Gulfi distrutta da Manfredi III Chiaramonte, Conte di Modica, in seguito alle nozze di Enrico con la figlia di Federico Chiaramonte, il paese entra di fatto nella Contea di Modica e in questo periodo prende il nome di Monterosso. Dopo la caduta dei Chiaramonte, per mano di Bernardo Cabrera intorno all'anno 1393, la contea, e quindi, anche le terre di Monterosso passarono alla famiglia dei Cabrera. A causa delle fallite ambizioni del conte Bernardo di ottenere la corona di Sicilia fu costretto a indebitarsi per pagare un forte debito e così vendette il feudo, solo nel 1508, il paese fu ricomprato dagli eredi del Cabrera. Nel 1693 anche Monterosso fu colpito dal tremendo terremoto che distrusse la Sicilia orientale, il paese fu ricostruito ma più a monte.

Da Vedere

  • Architettura Sacra
    • Chiesa Madre di Santa Maria Assunta
    • Chiesa di Sant'Anna
    • Chiesa di San Giovanni Battista XII-XVII secolo
    • Santuario Maria SS. Addolorata (Chiesa di Sant'Antonio Abate) XVI secolo
  • Architettura Civile
    • Palazzo Cocuzza
    • Casa Palazzata Barone Burgio
    • Palazzo Barone Noto
    • Fontana Pubblica XIX seocolo

Eventi

  • Concorso di poesia Luigi Blundo
  • Concorso Culturale Questa storia la racconto io

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale Giorgio La Pira, Via Roma, 218

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Associazione Volontaria Italiani del Sangue, Via Tre Croci

Memorie Storiche

Nel Dizionario del 1858 di Antonio Busacca la città viene così descritta:

Monte Rosso - Nel val di Noto e sua Intendenza distretto di Modica, circondario di Chiaramonte, diocesi di Siracusa. Dista 4 miglia dal mar Africano, 28 da Noto, 130 da Palermo. Pop. 7000 Ter. sal. 2450. Exfeudo con titolo di baronia dei conti di Moncada. Esporta olio e grano.

Video