GUIDA  Roccadaspide

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Roccadaspide
Mappa Interattiva
Siti rocchesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Roccadaspide
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Roccadaspide:
2012, 2009, 2008
Panorama del comune

Roccadaspide è situato in Campania in Provincia di Salerno.

Confina con i comuni di: Aquara, Trentinara, Castel San Lorenzo, Castelcivita, Felitto, Capaccio, Monteforte Cilento e Albanella.

Il Comune, in quanto parte del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, è Patrimonio dell'Umanità iscritto nella prestigiosa lista dei Siti UNESCO.

Ritratto della Città

Il castello
Veduta aerea di Roccadaspide

Il nome di Roccadaspide si ritiene che derivi dall'unione di castello (Rocca) e dall'aspide, un serpente molto comune nella zona sin dalla sua nascita. Roccadaspide dieci secoli fa era chiamata Casavetere di Capaccio o Nicola de Aspro.

Il castello, più volte rimaneggiato sotto le diverse dinastie, fu edificato intorno al 1270 ed era uno dei migliori baluardi a difesa della Valle del Calore. Rocca d'Aspro fu un casale greco del tempo cristiano di Pesto (Paestum) e fortezza feudale nell’epoca della Congiura dei Baroni. La sua Rocca tenne testa alle ripetute aggressioni barbarie.

Il richiamo ad un tal Nicola de Aspro o Casavetere di Capaccio, che prima appare come una chiesa, poi come una delle ben 78 badie dipendenti da quella di Cava (Cava de' Tirreni) può essere un altro indizio per la nascita del toponimo. Certamente è da segnalare che Rocca d’Aspro, come del resto tutta la zona della Valle del Calore, acquistò interesse come fortificazione alla fine del Principato longobardo sotto Gisulfo II (famiglia principesca di Salerno) che fece elevare fortificazioni in tutto il suo territorio, dando sviluppo al tipico feudalesimo dell'XI secolo. Dal 1859 al 1927 è stato capoluogo dellomonimo mandamento appartenente al Circondario di Campagna.

Oggi la cittadina cilentana vive del turismo legato al Parco Nazionale e alle bellezze dei luoghi nonché alle risorse locali, agricole per la maggior parte come le culture di ulivi, viti e castagne. Le vicine grotte, il consorzio del vino della Valle del Calore, la possibilità di risiedere nella stagione estiva, ne fanno un luogo privilegiato per una vacanza vissuta alla scoperta del territorio cilentano e delle sue tradizioni.

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale, Via Ciano

Video