GUIDA  Rovereto

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Rovereto
Mappa Interattiva
Siti roveretani
Amministrazione Comunale
Statistiche su Rovereto
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Rovereto:
2012, 2009, 2008

Rovereto è situato in Trentino-Alto Adige in Provincia di Trento. Da Vedere: Castello di Rovereto.

Confina con i comuni di: Calliano (TN), Mori, Pomarolo, Nogaredo, Trambileno, Terragnolo, Volano, Villa Lagarina, Vallarsa, Ala, Folgaria e Isera.

Indice

Da Vedere

  • Palazzo Pretorio sede del Municipio, dei sec. XV-XVI, con resti di affreschi sulla facciata ed un bel cortile postico. A sinistra dell'entrata, rimane una targa in marmo, con inserite in metallo le antiche misure sia viennesi che roveretane.
  • Castello di Rovereto costruito nel 1300 dai signori feudali Castelbarco e nei secoli seguenti ingrandito dai veneziani.
  • Palazzo della Cassa di Risparmio

Dove Mangiare

  • Ristorante Alla Roza, Via G. Tartarotti, 12
in pieno centro città, un locale accogliente, fresco e caratteristico. Menu tipico per 11-12€, vino rosso della casa gradevole, servizio (studenti) simpatico.
Consigliato un trittico di: crespelle e polenta con medaglioni di maiale, tiramisu e strudel di mele!

Musei e luoghi da visitare

  • M.A.R.T. Museo di Arte moderna e contemporanea di Rovereto e Trento. Progettista arch. Mario Botta.(2002) in Corso Bettini-
Il MART
  • Casa Museo Depero raccoglie opere dell'artista futurista Fortunatoa Depero; riaperta nel 2009, in occasione della Mostra sul Futurismo. Si trova in Via Portici 38, vicino al Palazzo Pretorio, sede Municipale. Contiene quadri, arazzi, sculture, mobili disegnati dall'artista e decorazioni sulle pareti.
Rovereto - Casa Depero futurista - indicazioni turistiche.jpg

Biblioteche

  • Biblioteca Civica Girolamo Tartarotti, Corso Bettini, 43
  • Biblioteca del Convento dei Minori Francescani di San Rocco, Corso Bettini, 67
  • Biblioteca del Museo civico, Borgo Santa Caterina, 43
  • Biblioteca del Museo d'arte moderna e contemporanea - Archivio del '900, Corso Bettini, 43
  • Biblioteca del Museo storico italiano della guerra, Via Castelbarco, 7
  • Biblioteca dell'Accademia roveretana degli Agiati di scienze, lettere ed arti, Corso Bettini, 43 - presso Biblioteca civica
  • Biblioteca dell'Accademia roveretana degli Agiati di scienze, lettere ed arti, Fondo Giacomo Barblan
  • Biblioteca dell'Associazione italiana dei maestri cattolici
  • Biblioteca Rosminiana, Via Stoppani, 1

Teatri

  • Teatro Comunale Riccardo Zandonai (già "Sociale")

Lapidi Commemorative

Lapide ai Caduti Volontari per l'Italia

Informazioni Utili

Icona asso t.gif Associazioni

Bibliografia

  • Rovereto da borgo medievale a città, G. Baldi - S. Piffer, Ed. Longo S. (1990)
  • Rovereto e il suo territorio, Valerio Rebecchi, Ed. Manfrini (1998)
  • Rovereto città barocca città dei lumi, Enrico Castelnuovo, Ed. Temi (1999)
  • Memorie antiche di Rovereto (rist. anast. Venezia, 1754-58), Girolamo Tartarotti, Ed. Forni
  • Un giorno a Rovereto, Ierma Sega - Paolo Calzà, Ed. Viadellaterra (2006)
  • Rovereto, Ierma Sega - Paolo Calzà, Ed. Viadellaterra (2004)
  • Rovereto, Iras Baldessari - Giovanni Tiella - Umberto Tomazzoni, Ed. Manfrini (1981)
  • Rovereto nell'Ottocento, T. Fait - F. Trentini (1971)
  • Rovereto - immagini del passato, Trentini - Manfrini - Chiusole (1973)
  • Rovereto e il nuovo polo culturale, R. Cerone, Ed. Nicolodi (2003)

Memorie Storiche

La Guida Storico-Statistica Monumentale dell'Italia e delle Isole (1857) riporta:

Roveredo (Albergo della Corona), città di 11000 abitanti, dominata anticamente da un castello. Ha alcune belle piazze con fontane, una larga contrada detta del Corso Nuovo, alcune chiese, le più ragguardevoli delle quali sono quelle di S. Caterina (che è la più bella), di S. Rocco, di S. Ilario, della Visitazione e di S. Maria, che posseggono qualche buon dipinto; un fabbricato ad uso del mercato del grano, un grandioso palazzo distrettuale e l'antico castello, un acquedotto, inaugurato nel 1845, che trasporta in città acqua limpidissima da una sorgente lontana due miglia e mezzo; un Teatro, un'Accademia detta degli Agiati, e varj Istituti di pubblica beneficenza. Oltre un gran commercio di seta che si fа, vi è pure quelle del vino del suo territorio che è molto pregiato.

Galleria Foto

Edicole Votive