GUIDA  Castelsaraceno

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Castelsaraceno
Mappa Interattiva
Siti castellani
Amministrazione Comunale
Statistiche su Castelsaraceno
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Castelsaraceno:
2012, 2009, 2008

Castelsaraceno è situato nella Basilicata nella Provincia di Potenza. Il 19 giugno si festeggia il Patrono, Sant’Antonio da Padova. Tra gli edifici religiosi: Chiesa di Santo Spirito (XVI-XVII secolo); Chiesa di Santa Maria degli Angeli, ora dedicata a San Rocco (XVI secolo). Da Vedere: Palazzo Baronale (XV secolo).

Confina con i comuni di: Moliterno, Spinoso, Sarconi, San Chirico Raparo, Lauria, Latronico e Carbone. E' a circa centododici chilometri da Potenza.

Indice

Biblioteche

  • Biblioteca Comunale, Via Vittorio Emanuele

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Circolo Anspi, Vittorio Emanuele

Bibliografia

  • ARMENTI T. e IANNELLA I., Castelsaraceno nella storia della viabilità lucana, in Bollettino Storico della Basilicata, ed. Osama, Venosa.
  • ARMENTI T., Poesie sulla natura di Castelsaraceno, ed. Porfidio, Moliterno 1993.
  • CASNEDI G., Una settimana di trekking a Castelsaraceno, in "Trekking", n. 4, maggio 1989.
  • CIRELLI F., Castelsaraceno, in "Il Regno delle Due Sicilie", Napoli 1853.
  • GUIDA G., Castelsaraceno in "Viaggio nel Circondario di Lagonegro", Finguerra Arti Grafiche, Lavello 1986, pp. 89-95.

Memorie Storiche

In Corografia dell'Italia (1832) così viene descritto il comune:

CASTELSARACENO, borgo del regno delle Due Sicilie, nella prov. di Basilicata, dist. di Lagonero, cant. di Latronico, ai piedi del monte detto delle Alpi, ma in sito fertile di viti, di ulivi e di gelsi. Conta quasi 3,200 abitanti, quantunque il tremuoto del 8 settembre 1694 lo abbia quasi interamente distrutto. Vedesi ora rifabbricato in modo regolare. Vi si tiene fiera nei primi quattro giorni di giugno. Sta 10 miglia a greco da Lagonero, 12 a borea da Lauria e 30 ad ostro da Potenza. I due rivoli che scendono dal colle su cui poggia, dopo tre miglia di corso, gettansi nel Sinno.