GUIDA  Denice

Da Wiki.
Panorama di Denice
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Denice
Mappa Interattiva
Siti denicesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Denice
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Denice:
2012, 2009, 2008

Denice è situato in Piemonte in Provincia di Alessandria. Il 10 agosto si festeggia il Patrono, San Lorenzo. Tra gli edifici religiosi: Chiesa di San Lorenzo; Oratorio di San Sebastiano.

Confina con i comuni di: Mombaldone, Monastero Bormida, Roccaverano, Montechiaro d'Acqui e Ponti.

Indice

Dove Mangiare

  • Ristorante Belvedere, Via Del Levante, 4

Impianti Sportivi

  • Campo di Tennis, Via Roma
  • Campo Sportivo, Via Campo Sportivo

Informazioni Utili

Icona train t.gif Come Arrivare

Memorie Storiche

Nel Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale (1840) Goffredo Casalis così descrive il comune:

Denice (Denice), com. nel mand. di Roccaverano, prov. e dioc. di Acqui, div. di Alessandria. Dipende dal senato di Casale, intend. prefet. ipot. d'Acqui, insin. di Spigno, posta di Roccaverano. È distante otto miglia dalla città di Acqui, e quindici da quella d'Alba.

Del suo vetusto castello sta tuttora in pie un'elevata torre. Le sue strade comunali tendono le une verso levante, e le altre verso ponente. Il comune è discosto due miglia circa dai paesi, fra i quali si trova.

Vi scorre il Bormida, che vi si tragitta col mezzo di un ponticello in legno: ivi lo ingrossano il torrentello Erro e parecchi rivi: va a scaricarsi nel Tanaro: è fecondo dei pesci detti balbi e quagliastri.

In questo territorio sorge un monte, che va a riuscire al capo luogo di mandamento: la strada non è praticabile che a piedi e con bestie da soma: nell'invernale stagione ne è pericoloso il tragitto, a cagione della grande quantità di neve, che vi suole cadere. Vi allignano assai bene alcune piante, e singolarmente le roveri. Questo monte contiene alcune cave di pietra da calce.

Di qualche momento sono le produzioni in vegetabili, e in animali: se ne fa il commercio per lo più colla città di Acqui. Nelle selve del comune i cacciatori trovano pernici, tordi e lepri.

La chiesa parrocchiale è sotto l'invocazione di s. Lorenzo.

Gli abitanti sono in generale di complessione assai forte, di buona indole e di mediocri disposizioni intellettuali. Pesi e misure come nel capoluogo di provincia.

Cenni storici. Denice spettò all'antico contado acquese, e fece parte della dotazione dell'abazia di s. Quintino di Spigno, fondata nel 991 da Anselmo figliuolo del marchese Aleramo il grande, e venne quindi confermata all'abate Rolando dal pontefice Alessandro III con bolla del 7 maggio 1178.

Passò Denice posteriormente ai marchesi di Savona, ossia del Carretto, i quali nel 1209 lo sottomisero alla repubblica d'Asti, unitamente ad altre terre intorno castrum et villam: nell'atto di cotal sommissione il nome di questo luogo è alterato in Danese.

N'ebbe quindi giurisdizione la chiesa d'Acqui, il cui vescovo Oddono l'anno 1320 diede l'investitura delle decime di esso Denice al marchese Bonifacio di Ponzone; investitura, che fu confermata nel 1342 dal vescovo Guidetto II al marchese Raimondo, e a' suoi fratelli.

Questo villaggio fu poi soggeto alle vicende dell'astese contrada sotto i provenzali ed i re di Francia; ed in fine sotto il dominio dell'augusta Casa di Savoja. Lo ebbero in feudo i Cavoretti di Belvedere.

Popolazione 500 circa.