GUIDA  Pacentro

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Pacentro
Mappa Interattiva
Siti pacentrani
Amministrazione Comunale
Statistiche su Pacentro
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Pacentro:
2012, 2009, 2008
Panorama di Pacentro, con le sue torri
Castello
Panorama di Pacentro

Pacentro è situato in Abruzzo in Provincia dell'Aquila. Il 25 aprile si festeggia il Patrono, San Marco. Tra gli edifici religiosi: Chiesa parrocchiale di Santa Maria della Misericordia; Chiesa della Madonna di Loreto; Chiesa di San Marco Evangelista. Da Vedere: Castello dei Cantelmo.

Confina con i comuni di: Campo di Giove, Cansano, Sulmona, Sant'Eufemia a Maiella, Lama dei Peligni, Fara San Martino, Taranta Peligna e Palena.

Indice

Da Vedere

Pacentro - Stemma.jpg
  • Castello
  • Borgo Antico
  • Palazzo la Rocca, sede del Municipio
  • Palazzo Granata
  • Palazzo Avolio
  • Palazzo Tonno
  • Lavatoio pubblico (i canaje)
  • Grotta di Colle Nusca
  • Bosco della "Fonte Romana"

Edifici Religiosi

Chiesa di Santa Maria Maggiore o della Misericordia
  • Chiesa di Santa Maria Maggiore o della Misericordia

Manifestazioni

  • Rievocazione storica dei Caldoreschi (terza settimana di agosto)
  • “Corsa degli “zingari” (prima domenica di settembre)
  • Sagra della Polta (metà agosto)

Dove Mangiare

  • Ristorante Posta Pacentrana, Strada Statale 487, 1
  • Taverna de li Caldora, Piazza Umberto I, 13. Telefono: 0864.41139. Vedi: intervista

Biblioteche

Pacentro - Scorcio 1.jpg
  • Biblioteca Comunale, S. Maria Maggiore

Lapidi Commemorative

Informazioni Utili

Icona train t.gif Come Arrivare

Bibliografia

  • Pacentro. Aspetti storico-geografici, R. Santini (1976)

Memorie Storiche

In Corografia dell'Italia (1834) così viene descritto il comune:

PACENTRO, borgo del regno delle Duesicilie, prov. dell'ulteriore Abruzzo, dist. e cant. di Sulmona, dalla cui citta è distante 4 miglia verso levante e 6 a greco da Pettorano, ai piedi del monte Morrone. Vi sono alcune belle chiese e quasi 5,000 abitanti, molti dei quali esercitano le arti di tessitore di tele e di panni, di calderaio e di fabbro, i di cui lavori spacciansi nei proprii mercati ebdomadali. I suoi dintorni sono coltivati con viti, ulivi e gelsi.

Edicole Votive

Galleria Foto