GUIDA  Spilimbergo

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Spilimbergo
Mappa Interattiva
Siti spilimberghesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Spilimbergo
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Spilimbergo:
2012, 2009, 2008
Torre Orientale, con a fianco il Palazzo Dipinto

Spilimbergo è situato in Friuli-Venezia Giulia in Provincia di Pordenone. Tra gli edifici religiosi: Chiesa di Santa Cecilia, in Piazza Duomo; Duomo di Santa Maria Maggiore; Chiesa dei Santi Pantaleone e Giuseppe, in via Mazzini. Da Vedere: Castello di Spilimbergo, in piazza Castello; Palazzo Tadea.

Confina con i comuni di: Dignano, San Daniele del Friuli, Pinzano al Tagliamento, Arba, San Giorgio della Richinvelda, Vivaro e Sequals.

Indice

Ritratto della Città

Cartello turistico dei borghi

Spilimbergo è attorniata da torrenti sassosi, da ghiaieti assolati più ricchi di pietre che di acque: il Tagliamento, la Cosa, la Meduna che racchiudono, come in magico scrigno, la materia prima del mosaico, vale a dire i sassi, diversi per forma, per natura e soprattutto per colore. Ed è proprio sul greto del Tagliamento che, agli inizi dell’anno scolastico …. si recano gli allievi della Scuola di Mosaico, guidati dagli insegnanti, per farne una scelta ed un necessario rifornimento. Siano essi bianchi o neri, grigi o verdi o rossi, vengono aperti con un colpo secco di martello per scoprire l’intima fibra e la recondita vena cromatica in cui l’occhio intravede la possibilità di impiego per realizzare questa o quella figura o particolare di essa”.

(Gianni Colledani, “Spilimbergo” - ed. Pro Spilimbergo, dic. 1987)

Storia

Il 6 maggio 1976 avvenne un grave terremoto, della durata di 57 secondi, con epicentro vicino a Gemona. Anche Spilimbergo subì danni ingenti agli edifici civili ed al suo patrimonio storico-artistico, tanto che la città fu inserita tra i Comuni più gravemente danneggiati. Ma la ricostruzione venne portata a termine grazie anche alla tenacia, alla forza d'animo dei suoi abitanti, tanto da farle ottenere (assieme ad altri Comuni friulani) la Medaglia d'Oro al Valore Civile, con la seguente motivazione:

"in occasione di un disastroso terremoto, con grande dignità, spirito di sacrificio ed impegno civile, affrontava la difficile opera di ricostruzione del tessuto abitativo, nonché della rinascita del proprio futuro sociale, morale ed economico. Splendido esempio di valore civico e di alto senso del dovere, meritevole dell'ammirazione e della riconoscenza della Nazione tutta"

Vie e Piazze

Tra le piazze principali vi sono Piazza Garibaldi e Piazza Duomo. Tra le strade: Corso Roma, che attraversa il centro storico.

Da Vedere

Il Duomo
  • Il Castello
  • Il Duomo di Santa Maria Maggiore, nella piazza omonima
  • La Torre Orientale, eretta verso la fine del XIII secolo, che chiudeva la prima cinta di mura. Accanto si trova la Casa Dipinta con scene della vita di Ercole.
  • La Torre Occidentale, risalente al XVI secolo; era l'ingresso al Borgo Nuovo, racchiuso dalla terza cinta muraria.
  • Palazzo Monaco del XVI secolo, la cui facciata è affrescata con scene mitologiche.
  • Palazzo Spilimbergo di Sopra, che fu proprietà dei Conti di Spilimbergo fino al 1920.
  • Palazzo Stella, attribuito al Palladio; ospitò Napoleone nel 1797.
  • Palazzo della Loggia o Pergola, del XVI secolo, sede delle magistrature civili e successivamente trasformato in teatro; oggi è sede del Giudice di Pace.
  • Palazzo del Daziario, del XIII secolo, era sede dei dazi doganali, per controllo delle attività commerciali.
  • Borgolucido: così viene chiamata la piazzetta con caserme medioevali, portici ed il convento delle Agostiniane, di cui rimane oggi soltanto la facciata.
  • Itinerario delle Mura
  • Itinerario dei Portici
  • La Scuola Mosaicisti del Friuli, Via Corridoni, 6 [1]

Manifestazioni

Corso Roma, sullo sfondo la Torre Occidentale
  • Il 5 gennaio: falò dell'Epifania con pinza e vin brulé attorno al pignarul della tradizione popolare.
  • Carnevale in piazza con corteo mascherato per le vie del centro.
  • A maggio Sapori d'Europa: manifestazione di gastronomia, folclore, musica, arte con la partecipazione di comunità da vari Paesi Europei.
  • A giugno: Spilimbergomusica.
  • A luglio: Folkest, festival di musica etnica con mercatini.
  • In agosto: Corte Europa Mosaico e Mosaici, con esposizione delle opere musive degli allievi della Scuola Mosaicisti del Friuli.
  • Natale a Spilimbergo, con mercatini, musica, mostre d'arte e specialità gastronomiche.

Dove Mangiare

  • Ristorante La Perla, Via Cavour, 4
  • Ristorante La Torre, Piazza Castello, 1
  • Ristorante Michielini, Viale Barbacane, 3
  • Osteria "Al Bachero", specialità baccalà e trippa con polenta, Via Pilacorta, 5 Telefono: 0427-2317. Chiuso la domenica.
  • Osteria con cucina Al mus c'al svuale di Maritan Fabio - Via XX settembre, 10 - tel. 0427/51588

Biblioteche

Scuola Mosaicisti del Friuli
  • Biblioteca Civica Bernardino Partenio, Via Piave, 2

Complessi Bandistici

  • Società Filarmonica Città di Spilimbergo

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Associazione Nazionale Donne Operate Al Seno, Corso Roma, 54
  • Associazione Socio-Culturale Erasmo Da Rotterdam, Corso Roma, 108
  • Associazione Storico Culturale Brojluzzo, Piazza Borgolucido, 8

Lapidi Commemorative

Informazioni Utili

Icona church t.gif Edifici Religiosi

Bibliografia

  • Spilimbergo. Case, strade, persone, Gianni Borghesan, Ed. Arti Grafiche Friulane (1991)
  • Spilimbergo. Le opere antiche, architettoniche ed artistiche, U. Bonfini (1960)
  • Spilimbergo. Percorsi, disegni e storie tra Ottocento e Novecento, Stefano Zozzolotto, Ed. Arti Grafiche Friulane (1997)
  • Studi spilimberghesi, M. Mirabella Roberti, Ed. CAAAd (1980)

Memorie Storiche

In Corografia dell'Italia (1832) così viene descritta la frazione del comune:

BASEGLIA, vill. subalpino della valle Sanmartino in Piemonte, nelle di cui vicinanze vi è uno stretto passaggio chiamato i Quattrodenti, reso famoso nel 1690, perchè colà ritiraronsi alcune centinaia di persone perseguitate e proscritte per opinioni religiose. Sta sopra una montagna, sulla quale s'innalzano quattro dirupate vette, ed alle quali non si giunge che per un solo sentiero. Sembra che quivi la natura s'abbia preso diletto di fabbricare colle sue mani un asilo per gli uomini perseguitati dai loro simili.