GUIDA  Montecatini Val di Cecina

Da Wiki.
Pagine Utili sul Comune
Scheda su Montecatini Val di Cecina
Mappa Interattiva
Siti montecatinesi
Amministrazione Comunale
Statistiche su Montecatini Val di Cecina
Inserisci Bollino Wiki
Concorso Fotografico
Concorsofoto.jpg
Foto Montecatini Val di Cecina:
2012, 2009, 2008
Torre dei Belforte

Montecatini Val di Cecina è situato in Toscana in Provincia di Pisa. Il 3 febbraio si festeggia il Patrono, San Biagio.

Confina con i comuni di: Bibbona, Lajatico, Guardistallo, Volterra, Montescudaio, Riparbella, Monteverdi Marittimo e Pomarance.

Indice

Da Vedere

Il sito minerario
  • Chiesa di San Niccolò a Buriano
  • Chiesa di San Giovanni Battista a Querceto
  • Pieve di Sant'Andrea a Miemo

Teatri

  • Cinema Teatro Comunale Aurora

Volontariato, Onlus e Associazioni

  • Associazione Pubblica Assistenza Humanitas Ponteginori, Via Marconi, 6 (frazione Ponteginori)

Informazioni Utili

Icona train t.gif Come Arrivare

Bibliografia

  • Montecatini val di Cecina. Il paese del rame, Moira Taddei, Ed. Pacini (2003)
  • Montecatini Val di Cecina. Il Monumento ai Caduti di Ezio Ceccarelli, Fabrizio Rosticci, Grafiche Leonardo, San Miniato (2007)
  • Il conte Dmìtrij Petròvič Boutourline a Montecatini Val di Cecina, Fabrizio Rosticci, Grafiche Leonardo, San Miniato (2008)
  • Guido Donegani e Montecatini Val di Cecina, Fabrizio Rosticci, in “Rassegna Volterrana”, a. LXXXIII, Ed. Accademia dei Sepolti, Volterra (2006)
  • Il Monumento ai Caduti di Ezio Ceccarelli a Montecatini Val di Cecina, Fabrizio Rosticci, in “Rassegna Volterrana”, a. LXXXIV, Ed. Accademia dei Sepolti, Volterra (2007)
  • Il conte Boutourline e la miniera di Caporciano, Fabrizio Rosticci, in “Rassegna Volterrana”, a. LXXXV, Ed. Accademia dei Sepolti, Volterra (2008)
  • Pio IX tra Firenze e Volterra e la munificenza di un personaggio poco noto: Francis Joseph Sloane, Fabrizio Rosticci, in “Rassegna Volterrana”, a. LXXXVI, Ed. Accademia dei Sepolti, Volterra (2009)
  • Montecatini Val di Cecina, Gianna Bertini, Maria Luisa Ceccarelli Lemut, Fabrizio Rosticci, Ed. ETS, Pisa (2010)

Memorie Storiche

Attilio Zuccagni-Orlandini nel suo Indicatore topografico della Toscana granducale (1856) così scrive:

MONTECATINI. Capoluogo. Castello dei Vescovi di Volterra, poi dei Belforti, caduto nel 1472 in potere dei Fiorentini. Salendovi per la parte di tramontana incontrasi prima un villaggio detto Ligia, poi un bosco di castagni, indi un borgo con vasta piazza. Un'erta via conduce alla porta castellana munita di antiporto, entro cui trovasi subito un'irregolare piazzetta, da un lato della quale è la casa del Comune, dall'altro la Parrocchia. Nella maggior sommità del colle su cui sono sparse le abitazioni del moderno castello, resta in piedi una gran porzione dell'antica torre, nella quale sono notabili due fori aperti trasversalmente nelle sue grosse pareti, forse per comando dei sospettosi Belforti, uno diretto ad osservare il Maschio di Volterra e l'altro la Rocca Sillana. (V. Atl. Tosc.).